Pubblicità

Allucinazioni

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 9056 volte

4 1 1 1 1 1 Votazione 4.00 (1 Voto)

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale.

ALLUCINAZIONI

Le allucinazioni si presentano in: patologie degli organi di senso (pazienti con deprivazione sensoriale, sordastri, operati di cataratta); disturbi psicorganici (delirium ed alterazioni dello stato di coscienza, abuso di amfetaminici, cocaina, alcolismo cronico, epilessia temporale); psicosi funzionali (schizofrenia, depressione maggiore, episodi maniacali, disturbo post-traumatico da stress, disturbi dissociativi, disturbi di personalità).

Possono interessare tutte le aree sensoriali e sono così classificate:

  1. Allucinazioni uditive. Riguardano la percezione del suono; possono essere elementari (rumori, fischi, ronzii), ma più spesso sono voci. Sono le più frequenti nelle psicosi funzionali (soprattutto nella schizofrenia), ma possono esserci anche in quadri organici o tossici.
  2. Allucinazioni visive. Possono presentarsi come immagini elementari (fosfeni, fotopsie), parzialmente organizzate (scritte, disegni), ma anche ben organizzate, con caratteristiche tridimensionali. Se l’oggetto è proiettato fuori dal campo visivo si parla di allucinazioni extracampiche, se il soggetto vede se stesso o una parte del suo corpo sono dette autoscopiche. Sono tipiche dei disturbi su base organica e con compromissione dello stato di coscienza.
  3. Allucinazioni gustative ed olfattive. Il soggetto avverte odori e sapori inconsueti e, per lo più, spiacevoli; sono tipiche dei quadri organici.
  4. Allucinazioni somatiche. Possono essere suddivise in: tattili o termiche; chinestesiche o motrici; cenestesiche (la sensazione che riguarda il corpo in toto).

Si ricordano, ancora, le allucinazioni riflesse (quando uno stimolo in un organo di senso innesca a in un altro organo di senso) e funzionali (scatenate da una particolare stimolazione dello stesso organo e tipiche della schizofrenia cronica).

Sono state proposte numerose teorie sulla patogenesi delle allucinazioni:

  1. La teoria biologica sostiene l'esistenza di una “irritazione" di alcune zone del cervello, poiché, attivando degli elettrodi infissi in specifiche aree della corteccia cerebrale, si provocano allucinazioni, mentre le allucinazioni presenti in soggetti in stato confusionale (per esempio da astinenza acuta da alcol ovvero delirium tremens o da deliri febbrili) sarebbero causate da un'alterazione diffusa dell'attività elettrica dell'intero encefalo.
  2. L'Ipotesi Dopaminergica sull'eziopatogenesi della schizofrenia, di cui le allucinazioni sono un sintomo estremamente frequente, sostiene che un iperfunzionamento dopaminergico delle vie mesolimbiche spiegherebbe l'esistenza di allucinazioni e deliri.
  3. La teoria, basata sull'osservazione di quanto avviene in condizioni di deprivazione sensoriale, attribuisce le allucinazioni ad una difesa dell'organismo dalla carenza di stimoli: non potendo rimanere inattivo, il cervello genera false percezioni.
  4. La teoria psicodinamica, infine, interpreta le allucinazioni come manifestazioni dell'inconscio, i cui contenuti vengono distorti.

La terapia prevede:

  • Un intervento chirurgico e/o farmacologico, quando la causa sia da attribuire a patologie organiche, come, ad esempio, un tumore.
  • La disintossicazione, qualora all’origine delle allucinazioni vi sia l’abuso di alcol, farmaci, veleni o droghe (basta sospendere e ripulire il corpo da queste sostanze per far scomparire questi fenomeni).
  • Terapie individuali, familiare e/o di gruppo, a sostegno delle altre tipologie di intervento.

 

Bibliografia:

  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.

 


(Dott.ssa Alice Fusella)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: dizionario di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Psicopatologia

Psicosi e proiezione

L’individuo psicotico costruisce i suoi deliri sulle allucinazioni e le sue allucinazioni sui deliri in termini di rievocazione dinamica delle relazioni oggettuali indistinte e indefinibili. Quando si...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni