Pubblicità

Efferenza

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 9963 volte

3 1 1 1 1 1 Votazione 3.00 (2 Voti)

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno specifico punto di partenza.

efferenza

Le fibre efferenti (o motorie) sono le vie nervose che trasportano il messaggio neurale dal sistema nervoso centrale verso la periferia, tramutandolo in una risposta meccanica.

Rispetto al punto a cui conducono le fibre, le efferenze del punto di origine sono afferenze. Quindi, di solito, si tratta di fibre che conducono le correnti elettriche, in forma di potenziali di riposo e di azione, da un determinato punto (di solito con direzione dal centro alla periferia) o da zone subordinanti a zone subordinate.
Per esempio, le fibre corticonucleari conducono gli impulsi dalla circonvoluzione centrale anteriore della corteccia cerebrale ai nuclei cerebrali motori del nervo facciale; di qui essi, attraverso le sinapsi, scorrono per esempio attraverso il nervo facciale (VII nervo cerebrale) nei muscoli facciali, provocando una certa espressione facciale o chiudendo le palpebre degli occhi.

Al contrario esistono le fibre afferenti (o sensitive) che, contenute nei nervi, possono presentarsi anch’esse singolarmente oppure coesistere con quelle afferenti nei nervi misti (per esempio è questo il caso del nervo facciale). Queste portano gli impulsi nervosi dai recettori sensoriali, che si trovano in periferia, verso il sistema nervoso centrale. I neuriti, i lunghi prolungamenti delle cellule nervose, trasmettono l’informazione sotto forma di eccitazione nervosa dalla periferia: ad esempio dalle cellule sensoriali dell’occhio, dell’orecchio, dell’apparato vestibolare, del naso, della lingua, della pelle o da altri recettori al midollo spinale e al cervello.

Pubblicità

Quindi, le fibre nervose possono essere efferenti (o motorie) quando trasmettono gli impulsi dal sistema nervoso centrale alla periferia oppure afferenti (o sensitive) quando inviano gli stimoli sensoriali dagli organi periferici al sistema nervoso centrale.
I nervi, a loro volta, possono contenere fibre efferenti, afferenti o entrambe (in quest’ultimo caso si tratta di nervi misti, come precedentemente accennato).

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia Treccani
  • Dizionario di Psicologia, Ed. Paoline

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: efferenza fibre nervose vie nervose direzione punto di partenza fibre efferenti motorie fibre afferenti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni