Pubblicità

Efferenza

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 7199 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno specifico punto di partenza.

efferenza

Le fibre efferenti (o motorie) sono le vie nervose che trasportano il messaggio neurale dal sistema nervoso centrale verso la periferia, tramutandolo in una risposta meccanica.

Rispetto al punto a cui conducono le fibre, le efferenze del punto di origine sono afferenze. Quindi, di solito, si tratta di fibre che conducono le correnti elettriche, in forma di potenziali di riposo e di azione, da un determinato punto (di solito con direzione dal centro alla periferia) o da zone subordinanti a zone subordinate.
Per esempio, le fibre corticonucleari conducono gli impulsi dalla circonvoluzione centrale anteriore della corteccia cerebrale ai nuclei cerebrali motori del nervo facciale; di qui essi, attraverso le sinapsi, scorrono per esempio attraverso il nervo facciale (VII nervo cerebrale) nei muscoli facciali, provocando una certa espressione facciale o chiudendo le palpebre degli occhi.

Al contrario esistono le fibre afferenti (o sensitive) che, contenute nei nervi, possono presentarsi anch’esse singolarmente oppure coesistere con quelle afferenti nei nervi misti (per esempio è questo il caso del nervo facciale). Queste portano gli impulsi nervosi dai recettori sensoriali, che si trovano in periferia, verso il sistema nervoso centrale. I neuriti, i lunghi prolungamenti delle cellule nervose, trasmettono l’informazione sotto forma di eccitazione nervosa dalla periferia: ad esempio dalle cellule sensoriali dell’occhio, dell’orecchio, dell’apparato vestibolare, del naso, della lingua, della pelle o da altri recettori al midollo spinale e al cervello.

Pubblicità

Quindi, le fibre nervose possono essere efferenti (o motorie) quando trasmettono gli impulsi dal sistema nervoso centrale alla periferia oppure afferenti (o sensitive) quando inviano gli stimoli sensoriali dagli organi periferici al sistema nervoso centrale.
I nervi, a loro volta, possono contenere fibre efferenti, afferenti o entrambe (in quest’ultimo caso si tratta di nervi misti, come precedentemente accennato).

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia Treccani
  • Dizionario di Psicologia, Ed. Paoline

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: efferenza fibre nervose vie nervose direzione punto di partenza fibre efferenti motorie fibre afferenti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni