Pubblicità

Efferenza

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 12851 volte

2.3333333333333 1 1 1 1 1 Votazione 2.33 (3 Voti)

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno specifico punto di partenza.

efferenza

Le fibre efferenti (o motorie) sono le vie nervose che trasportano il messaggio neurale dal sistema nervoso centrale verso la periferia, tramutandolo in una risposta meccanica.

Rispetto al punto a cui conducono le fibre, le efferenze del punto di origine sono afferenze. Quindi, di solito, si tratta di fibre che conducono le correnti elettriche, in forma di potenziali di riposo e di azione, da un determinato punto (di solito con direzione dal centro alla periferia) o da zone subordinanti a zone subordinate.
Per esempio, le fibre corticonucleari conducono gli impulsi dalla circonvoluzione centrale anteriore della corteccia cerebrale ai nuclei cerebrali motori del nervo facciale; di qui essi, attraverso le sinapsi, scorrono per esempio attraverso il nervo facciale (VII nervo cerebrale) nei muscoli facciali, provocando una certa espressione facciale o chiudendo le palpebre degli occhi.

Al contrario esistono le fibre afferenti (o sensitive) che, contenute nei nervi, possono presentarsi anch’esse singolarmente oppure coesistere con quelle afferenti nei nervi misti (per esempio è questo il caso del nervo facciale). Queste portano gli impulsi nervosi dai recettori sensoriali, che si trovano in periferia, verso il sistema nervoso centrale. I neuriti, i lunghi prolungamenti delle cellule nervose, trasmettono l’informazione sotto forma di eccitazione nervosa dalla periferia: ad esempio dalle cellule sensoriali dell’occhio, dell’orecchio, dell’apparato vestibolare, del naso, della lingua, della pelle o da altri recettori al midollo spinale e al cervello.

Pubblicità

Quindi, le fibre nervose possono essere efferenti (o motorie) quando trasmettono gli impulsi dal sistema nervoso centrale alla periferia oppure afferenti (o sensitive) quando inviano gli stimoli sensoriali dagli organi periferici al sistema nervoso centrale.
I nervi, a loro volta, possono contenere fibre efferenti, afferenti o entrambe (in quest’ultimo caso si tratta di nervi misti, come precedentemente accennato).

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia Treccani
  • Dizionario di Psicologia, Ed. Paoline

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: efferenza fibre nervose vie nervose direzione punto di partenza fibre efferenti motorie fibre afferenti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni