Pubblicità

Workaholism

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 908 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

WorkaholismIl workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è considerato una dipendenza patologica anche se non è stato formalmente contemplato come tale dai manuali diagnostici e statistici dei disturbi mentali.

Pur parlando di una dipendenza non legata alle sostanze, questo fenomeno sta assumendo una gran rilevanza, a causa dei suoi rischi a livello fisico, sociale e psicologico.

La caratteristica comportamentale più visibile delle persone dipendenti dal lavoro è che esse sono impegnate nelle attività lavorative  in maniera eccessiva, anche quando i colleghi hanno smesso, e con un dispendio di energie maggiore rispetto a quello richiesto o necessario. Riservando la maggior parte del tempo e delle energie al lavoro, le persone dipendenti dal lavoro finiscono per trascurare le altre sfere della vita, andando incontro a seri problemi di disadattamento. Esiste, inoltre, una componente cognitiva – emotiva di questo fenomeno che è di più difficile osservazione ma che costituisce il suo nucleo centrale: queste persone sentono una spinta interiore che le obbliga a lavorare in maniera intensa ed eccessiva anche quando quello che si fa non piace e si sentono colpevoli quando si prendono del tempo libero dal lavoro.

Pubblicità

Succede spesso che tali persone tendano a ricevere rinforzi positivi nei contesti organizzativi, anche se è stato evidenziato come le persone dipendenti dal lavoro tendono ad essere disordinate, rigide, perfezioniste e con difficoltà a delegare i compiti, rendendo le cose più complicate del necessario e avendo relazioni problematiche con i colleghi.  Il workaholism può condurre allo sviluppo di burnout e di problematiche psicosomatiche, inoltre la vita familiare delle persone dipendenti da lavoro ne risente negativamente e la loro vita sociale si restringe in maniera significativa.

 

Riferimenti bibliografici:

  • D’antonio A.C. (2010). “Malati di lavoro”. Cooper
  • Fraccaroli F., Balducci C. (2011). “Stress e rischi psicosociali nelle organizzazioni”. Il Mulino

 

 

(Dottoressa Susanna Mariagrazia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: dipendenza lavoro, workaholism

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

News Letters

0
condivisioni