Pubblicità

Workaholism

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 638 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

workaholismIl workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è considerato una dipendenza patologica anche se non è stato formalmente contemplato come tale dai manuali diagnostici e statistici dei disturbi mentali.

Pur parlando di una dipendenza non legata alle sostanze, questo fenomeno sta assumendo una gran rilevanza, a causa dei suoi rischi a livello fisico, sociale e psicologico.

La caratteristica comportamentale più visibile delle persone dipendenti dal lavoro è che esse sono impegnate nelle attività lavorative  in maniera eccessiva, anche quando i colleghi hanno smesso, e con un dispendio di energie maggiore rispetto a quello richiesto o necessario. Riservando la maggior parte del tempo e delle energie al lavoro, le persone dipendenti dal lavoro finiscono per trascurare le altre sfere della vita, andando incontro a seri problemi di disadattamento. Esiste, inoltre, una componente cognitiva – emotiva di questo fenomeno che è di più difficile osservazione ma che costituisce il suo nucleo centrale: queste persone sentono una spinta interiore che le obbliga a lavorare in maniera intensa ed eccessiva anche quando quello che si fa non piace e si sentono colpevoli quando si prendono del tempo libero dal lavoro.

Pubblicità

Succede spesso che tali persone tendano a ricevere rinforzi positivi nei contesti organizzativi, anche se è stato evidenziato come le persone dipendenti dal lavoro tendono ad essere disordinate, rigide, perfezioniste e con difficoltà a delegare i compiti, rendendo le cose più complicate del necessario e avendo relazioni problematiche con i colleghi.  Il workaholism può condurre allo sviluppo di burnout e di problematiche psicosomatiche, inoltre la vita familiare delle persone dipendenti da lavoro ne risente negativamente e la loro vita sociale si restringe in maniera significativa.

 

Riferimenti bibliografici:

  • D’antonio A.C. (2010). “Malati di lavoro”. Cooper
  • Fraccaroli F., Balducci C. (2011). “Stress e rischi psicosociali nelle organizzazioni”. Il Mulino

 

 

(Dottoressa Susanna Mariagrazia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: dipendenza lavoro, workaholism

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni