Pubblicità

Anoressia Nervosa

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2702 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorrea ( nelle donne). 

anoressia nervosa parole della psicologia

Il termine anoressia fa riferimento alla perdita di appetito, ma in questo disturbo non si verifica una completa inappetenza, bensì un rifiuto del cibo e una percezione distorta del proprio corpo. 
 
Il problema centrale, quindi, non è tanto un disturbo alimentare, quanto un disturbo più complesso, che riguarda la visione e l’uso perverso che l’anoressica fa del suo corpo emaciato, esibito con apparente autonomia, ma che, invece, viene usato come controllo dell’ambiente circostante.

Il decorso può essere variabile: può esserci la remissione, oppure può avere un andamento ricorrente.

Fattori prognostici sfavorevoli sono: il sesso maschile, la compresenza di disturbi di personalità, un marcato calo ponderale, un grave disturbo dell'immagine corporea, l’appartenenza al sottotipo bulimico, un’associazione con il Disturbo Ossessivo-Compulsivo o con il Disturbo Schizotipico di Personalità. Fattori favorevoli, invece, sono rappresentati da un’età più giovane e dalla presenza di un buon adattamento sociale e lavorativo premorboso. La mortalità può variare dal 5% al 20% ed è a causa delle complicazioni organiche, mentre più raramente avviene per suicidio.

Pubblicità

Ci sono, inoltre, alcuni comportamenti anomali, che precedono di molto il dimagrimento (fattore principale usato ai fini della diagnosi), e che potrebbero essere utilizzati quali elementi diagnostici precoci: la presenza di disturbi gastrici, che vengono usati come pretesto per una ridotta assunzione di cibo; un’iperattività generica, per ridurre il consumo energetico; una condizione di euforia, estroversione e disinvoltura gradualmente maggiori; la convinzione costante di essere grassa e, quindi, il ricorso continuo a diete; i rituali per mangiare (ad es. solo determinati cibi); la comparsa dell’amenorrea.

Numerose sono le ipotesi eziopatogenetiche:
a) Le teorie psicoanalitiche descrivono una regressione alla fase orale (Freud), una difesa contro fantasie inconsce di fecondazione (Abraham), un incompleto superamento della fase schizoparanoide (Klein).
b) Alcuni autori la considerano come una fobia del peso, dove il dimagrimento ed il digiuno servirebbero come condotte di evitamento.
c) Sullivan ha affermato che il rapporto con una madre premurosa, ma incapace di accettare l’esigenza di autonomia ed il bisogno di potere della figlia, determina una situazione di scissione: il bisogno di soddisfazione libidica, espresso dall’alimentazione, viene continuamente gratificato, mentre il bisogno di potere è costantemente represso. Nell’età puberale, in cui emerge la conflittualità autonomia/dipendenza dalla struttura familiare, riaffiora questa scissione ed il rifiuto del cibo sta a rappresentare la negazione della soddisfazione alimentare, che è incompatibile con il soddisfacimento del sentimento di potere, che ora può essere esercitato solo attraverso il controllo rigido del corpo emaciato.
d) Secondo le teorie biologiche risultano importanti: una ridotta risposta del TSH al TRH e del LH ai test di stimolazione, una riduzione delle gonadotropine basali, una diminuzione del GH e del T3, un aumento dell’attività dopaminergica (ridotto bisogno di cibo, perdita della libido, percezione delirante del proprio corpo) ed una riduzione dell’attività sia serotoninergica sia noradrenergica.
È una delle sindromi di maggiore complessità sul piano terapeutico per l’assoluta mancanza di insight e per la rigida negazione di malattia: le pazienti, infatti, rifiutano ogni approccio medico oppure fingono di collaborare. Il trattamento, comunque, deve essere composito ed individualizzato, deve comprendere misure internistiche, cure mediche, terapia farmacologica ed interventi psicoterapeutici, e deve essere attuato nel modo più tempestivo possibile.

 

Bibliografia:

  • APA, Diagnostical and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition, 2013.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.


(Dott.essa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: anoressia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni