Pubblicità

Podofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 60247 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (11 Voti)

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi.

podofobiaIl termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”) indica un’irrazionale persistente paura di determinate situazioni, oggetti, attività, persone, che può, nei casi più gravi, limitare l’autonomia della persona. Nel caso della podofobia il semplice andare in spiaggia può diventare un dramma, per non parlare della sfera sessuale, dove indossare i calzini, o chiedere al proprio partner di farlo, non è semplice.

Una buona percentuale di italiani si dichiara attratto dalle estremità curate, giudicandole un'efficace arma di seduzione, c'è anche chi per i piedi prova un profondo “schifo, disgusto, rigetto, antipatia”. Persino “odio”. Un contropartito di 'podofobi', pronti a giurare di essere intimorito dalle estremità proprie e altrui.

In genere le fobie esprimono una difficoltà dell'Io che utilizza un oggetto o una situazione solo come veicolo attraverso cui esprimere il disagio. Ciò significa che il fobico manifesta i propri disagi "interni" spostandoli su oggetti o situazioni esterne nel tentativo di controllarli attraverso l'evitamento o altri meccanismi. In tal modo si ha la possibilità di "razionalizzare" un disagio che altrimenti rimarrebbe a livello inconscio e che potrebbe poi manifestarsi attraverso altri canali.

Camilla Stipa, psicoterapeuta gestaltista e designer di scarpe, parlando di piedi, osserva:
“Si tratta di una parte del corpo complessa e ricca di dettagli: le dita, la forma, lo spessore della pelle, le unghie, la grazia dell’insieme o la disarmonia, l’odore.
Insomma è il vaso che dà importanza al resto della figura: pensiamo ad un vestito portato con brutte ciabatte oppure ad un pigiama informe calzato con dei tacchi a spillo rossi. Sul piede si può investire in cura e bellezza: farlo oppure no racconta di noi e del rapporto con una parte solitamente nascosta.

Pubblicità

Alfred Binet, psicologo francese, fu il primo ad usare il termine feticismo e a distinguerlo tra “piccolo” e “grande” considerando quest’ultimo patologico quando “l’adorazione del dettaglio diventa preponderate e sacrifica il rapporto all’altro nella sua totalità”.

Poi intervenne Freud con l’interpretazione che il feticismo del piede fosse la proiezione di un fallo femminile “primitivamente postulato e dolorosamente rimpianto” o che la pulsione di guardare, originariamente diretta sul genitale, cominciando dal basso è stata fermata per strada dal divieto e dalla rimozione e ha preso come feticcio il piede o la scarpa.

La buona notizia è che si può guarire dalla fobia dei piedi, non parliamo di una cura farmacologica, ma bisogna rivolgersi a uno specialista per poter intraprendere una terapia psicologica mirata. Ovviamente a seconda della scuola di pensiero ne deriva un approccio diverso al paziente e alla fobia.

 

Per Approfondimenti:

  • adnkronos.com
  • psicologia.doctissimo.it
  • wikipedia.org

 

 (a cura della Dottoressa Alessandra Antonacci)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usate nei film e nella letteratura horror,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni