Pubblicità

Il Cyber-Sex

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5353 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza.

cyber sexIl termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’attività sessuale praticata attraverso le reti telematiche o con gli strumenti della realtà virtuale.

Attraverso l’utilizzo di strumenti informatici e telematici, i partecipanti mettono in atto un comportamento in cui simulano di avere rapporti sessuali reali, descrivendo e rispondendo ai loro partner in forma prevalentemente scritta, stimolando le proprie fantasie sessuali ed esprimendo le proprie sensazioni ed emozioni.

Può essere anche utilizzato all’interno di rapporti intimi già esistenti, ad esempio tra persone che sono separate da un punto di vista geografico, ma comunque sentimentalmente legate, determinando così una prosecuzione della sessualità di coppia.

Il Cyber-Sex può essere effettuato tramite l’invio di messaggi con contenuti espliciti; vengono infatti espresse fantasie erotiche o descritti desideri e richieste sessuali rivolte al proprio interlocutore.

La messaggistica può essere effettuata in tempo reale, attraverso l’utilizzo di chat, o appositi siti di incontri e in alcuni casi il ricorso al Cyber-Sex può essere completato dall’utilizzo di una webcam.

Nella sua variante psicopatologica, si parla invece di Cybersexual Addiction, per intendere l’utilizzo compulsivo di internet da parte di un soggetto per trovare un/a partner o materiale erotico, fino a considerare l’eccitazione che ne deriva come unica e primaria forma di gratificazione sessuale, andando così a ridurre l’investimento sul partner reale.

In tal caso, il comportamento dipendente da Cyber-Sex, porta il soggetto a nascondere le proprie relazioni virtuali agli altri, provando sentimenti di colpa e vergogna.

È utile anche effettuare una distinzione tra la ChatSex Addiction e la CyberPorn Addiction; nel primo caso, la ChatSex Addiction (dipendenza da chat erotiche) avviene su un piano relazionale, in quanto le fantasie erotiche vengono scambiate in maniera simultanea con un’altra persona. Viene comunque a mancare il contatto emotivo e reale tra i due soggetti e di conseguenza si manifesta un bisogno continuo di ricorrere ad internet per motivi sessuali.

Pubblicità

La CyberPorn Addiction è una pratica in cui ci si ritrova da soli, in quanto la fantasia sessuale si nutre di immagini stereotipate legate al mondo della pornografia. Si manifesta un continuo bisogno di ottenere il piacere sessuale attraverso la visione di filmati o spezzoni pornografici, a cui spesso segue un’attività masturbatoria di tipo compulsivo.

Pertanto, il Cyber-Sex può da un lato apparire come modalità alternativa per trasgredire, giocare eroticamente, parlare di sesso, ma dall’altro può configurarsi come una vera e propria dipendenza che avrà ripercussioni sulla vita reale: non solo si perde e muta il senso della sessualità vera e propria, ma si manifesta un isolamento che, riversandosi sull’entourage sociale del soggetto, avrà ripercussioni negative in ambito relazionale e anche lavorativo.

 

Per approfondimenti

  • garzantilinguistica.it
  • centromoses.it
  • sinecoca.it

 

(A cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: senso di colpa vergogna chat Cyber-sex pornografia sesso in rete addiction gratificazione sessuale siti di incontri

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno è una cosa molto difficile, perché c’è la...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni