Pubblicità

Cyberbullismo

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5212 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

cyberbullismoIl termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, chat, cellulari e social network.

Essa può essere definita una nuova forma di devianza giovanile, basata sull’utilizzo di internet o del cellulare come armi di violenza o di offesa tra i pari.

Il cyberbullismo ha delle caratteristiche proprie che lo differenziano dal bullismo tradizionale:

  • Anonimato del molestatore: questa forma di devianza attira molto i ragazzi grazie all’anonimato consentito dalle nuove tecnologie.
  • Difficile reperibilità: la mancanza di incontri faccia-a-faccia rende più difficile reperire il bullo.
  • Indebolimento delle remore etiche: le due caratteristiche precedenti favoriscono la minimizzazione dei sensi di colpa del bullo e la mancata attivazione di risposte empatiche verso la vittima. In queste situazioni i ragazzi dicono o fanno cose che nella realtà, o di persona, non farebbero.
  • Assenza di limiti spaziotemporali: a differenza del bullismo tradizionale che avviene in luoghi e momenti specifici (ad esempio in contesto scolastico), il cyberbullismo non ha limiti temporali o geografici.

Pubblicità

I criteri che definiscono il cyberbullismo sono l’intenzionalità, la ripetitività e lo squilibrio di potere, a cui successivamente hanno aggiunto l’anonimato e la diffusione pubblica delle informazioni.

Nancy Willard ha proposto otto specifiche categorie di comportamento che caratterizzano il cyber bullismo:

  • Flaming: messaggi online violenti e volgari mirati a suscitare battaglie verbali in un forum.
  • Harassment: consiste nell’invio ripetuto di messaggi insultanti, mirati a ferire.
  • Denigration: è la denigrazione della vittima attraverso la diffusione di notizie false, immagini o filmati.
  • Impersonation: il bullo riesce a violare un account e a farsi passare per la vittima,  spedendo messaggi e creare problemi alla persona di cui prende il posto.
  • Exposure: si pubblicano informazioni private e/o imbarazzanti su un'altra persona.
  • Trickery: dopo un periodo di amicizia in cui si ottenere la fiducia della vittima, si pubblicano o condividono con altri le informazioni confidate .
  • Exlusion: si esclude deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare in essa un sentimento di emarginazione.
  • Cyberstalking : sono molestie e denigrazioni ripetute, mirate a incutere paura.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Gallina M.A. (2011) “Dentro il bullismo. Contributi e proposte socio-educative per la scuola”. Franco Angeli edizioni.
  • Willard, N.E. (2007). “Cyberbullying and cyberthreats”.  Research press

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: cyberbullismo le parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni