Pubblicità

La pornografia che non aiuta a crescere

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 912 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Molti sono gli studi che confermano una correlazione possibile tra esposizione alla pornografia e comportamenti abusanti e molesti. Nei bambini e negli adolescenti questo è particolarmente vero ed è importante per i genitori prestare attenzione a questo fenomeno.

di Giuseppe Maiolo

La pornografia che non aiuta a crescereTutto corre veloce. I bambini crescono in fretta e gli adolescenti fanno esperienze precoci soprattutto per quanto riguarda il sesso.

Non conoscono il corpo ma lo esibiscono online con spavalderia e apparente sicurezza. Ti sembrano esperti ma, benchè ipersessualizzati, ne sanno poco sul come approcciarsi perché vivono una sessualità distorta dalla pornografia virtuale.

Le prime esperienze reali possono essere precoci o tardive, ma per la maggior parte ora sono precedute da una quantità di video porno e da un’infinità di immagini che presentano il fare sesso come attività eccitatoria e come pluri-prestazione erotica a cui non serve una relazione.

Alcune ricerche dicono che già prima dei 13 anni il 67% dei maschi e il 36% delle femmine ha già una consistente frequentazione dei siti pornografici e ci passa da mezzora a un’ora più volte alla settimana, nella totale inconsapevolezza dei genitori. Anzi, la maggior parte di loro, che si ostina a vederli ancora bambini, non immagina la spinta eccitante che passa precocemente davanti agli occhi dei figli.

Inutile dire che il controllo dell’adulto è facilmente aggirato dai “pargoli” impegnati a fare i compiti a distanza e “doverosamente” immersi nello studio con PC e dispositivi sempre accesi.
Ma quello che colpisce quando parli di questo argomento con madri e padri è quanto ancora essi credano la pornografia fatta di nudità esposte. Il porno “hardcore” che ora circola ovunque nel web, di facilissimo accesso, è esibizione plurima di rapporti sessuali espliciti e violenti, dove manca il contesto relazionale e affettivo e abbonda di misoginia degradante che umilia. Non deve meravigliare che questo possa compromettere la salute emotiva, mentale e fisica dei giovani.

Pubblicità

Più è anticipata l’esposizione all’Hard Sex e più la psiche può essere danneggiata. I danni sono spesso rilevanti perché ogni cosa va fatta a suo tempo e per il fatto che la maggior parte delle scene sessuali contiene aggressioni fisiche e abusi verbali e gli effetti più nocivi provengono dal definire modelli di riferimento che autorizzano una sessualità violenta nelle relazioni.

Molti sono gli studi che confermano una correlazione possibile tra esposizione alla pornografia e comportamenti abusanti e molesti.

Il grande problema allora è sul come contrastare tutto questo che, tra l’altro, mette in pericolo gli adolescenti nel periodo in cui essi formano la loro identità, e non solo sessuale. Come al solito non si risolve il problema unicamente con i filtri ai telefonini e le varie App protettive di cui oggi si dispone.

Se manca un’educazione alla sessualità, non serve a nulla sequestrare i dispositivi dei figli o pensare di correre ai ripari andando subito a interrogarli su dove vanno in rete, come mi è capitato di sentire da preoccupati genitori dopo una conferenza sull’argomento.

Serve ci sia piuttosto maggiore attenzione e consapevolezza educativa. Ricordiamo che fin da piccoli dai videogames e dai video musicali i bambini imparano che i maschi per diventare uomini hanno bisogno di indossare la maschera del bullo, esprimere aggressività senza tanta empatia e fare sesso come se si facesse un’azione di conquista, e che le femmine, per essere ragazze popolari e appetibili, devono essere sexy, seduttive e provocanti.

 

(a cura di Giuseppe Maiolo, psicoanalista
Università di Trento www.officina-benessere.it)

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: adolescenza bambini, pornografia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni