Pubblicità

Sindrome di Gerusalemme

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 931 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusalemme.

Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme è stata descritta per la prima volta da un punto di vista clinico, nel 1930 dallo psichiatra Heinz Herman.

Uno dei casi più significativi fu di un turista che, nel 1969, cercò di incendiare una moschea situata al Monte del Tempio di Gerusalemme, zona sacra contesa da ebrei ed islamici. Il Dr. Bar-El che ha studiato a lungo il fenomeno ha proposto una suddivisione tra i soggetti che ne soffrono:

  • Soggetti con sintomi psichiatrici manifestati prima del loro arrivo a Gerusalemme. Tipicamente, questi individui si recano nella città santa avendo un'idea fissa di religiosità, tradita o delusa, oltre a sentirsi investiti di una missione da compiere.
  • Soggetti che presentano un' ossessione culturale che vede al centro dei loro pensieri Gerusalemme e può essere presente una avversione nei confronti di qualche riferimento culturale-religioso.
  • Soggetti che evidenzino sintomi psicotici dopo l'arrivo a Gerusalemme, tra i quali:
  1.  Ansia, nervosismo;
  2. Volersi separare dal resto del gruppo per continuare da soli;
  3. Bisogno ossessivo di pulizia ed igiene;
  4. Preparazione di lunghe toghe bianche;
  5. Bisogno di declamare versi o salmi religiosi e di cantare inni sacri; 
  6. Desiderio irrefrenabile di eseguire processioni o marce verso luoghi caratteristici; 
    Pubblicità
  7. Creazione di sermoni volti ad indicare una via morale da seguire.

Solitamente i pazienti vengono ricoverati in strutture psichiatriche, dove, di solito, restano solo qualche settimana. La maggior parte dei casi si risolve in una durata dai 7 ai 10 giorni dal primo evento. Dopo qualche giorno, tornano alla realtà, e molti se ne vergognano. Non riescono a spiegare che cosa sia successo e si imbarazzano del loro stravagante comportamento. Si ritiene che le persone che soffrono di questa sindrome fossero già predisposte a tale atteggiamento prima di arrivare a Gerusalemme e che, una volta lì, questo disturbo latente si risvegli.

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: religiosità dizionario di psicologia le parole della psicologia Sindrome di Gerusalemme Gerusalemme

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sono dubbiosa sul futuro di mi…

lucia, 60 anni Buongiorno , mi presento , sono una mamma sessantenne e ho due figli maschi di 43 anni uno e l'altro di 34 anni . Devo dire che sono stata u...

Ansiosa [1603834827112]

mirca, 66 anni Ho un marito sulla sedia a rotelle invalido. Io lo seguo tutto il giorno e faccio una vita faticosa visto che lui è anche obeso e con varie ...

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito.  Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcos...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni