Pubblicità

Sindrome di Gerusalemme

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1577 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusalemme.

Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme è stata descritta per la prima volta da un punto di vista clinico, nel 1930 dallo psichiatra Heinz Herman.

Uno dei casi più significativi fu di un turista che, nel 1969, cercò di incendiare una moschea situata al Monte del Tempio di Gerusalemme, zona sacra contesa da ebrei ed islamici. Il Dr. Bar-El che ha studiato a lungo il fenomeno ha proposto una suddivisione tra i soggetti che ne soffrono:

  • Soggetti con sintomi psichiatrici manifestati prima del loro arrivo a Gerusalemme. Tipicamente, questi individui si recano nella città santa avendo un'idea fissa di religiosità, tradita o delusa, oltre a sentirsi investiti di una missione da compiere.
  • Soggetti che presentano un' ossessione culturale che vede al centro dei loro pensieri Gerusalemme e può essere presente una avversione nei confronti di qualche riferimento culturale-religioso.
  • Soggetti che evidenzino sintomi psicotici dopo l'arrivo a Gerusalemme, tra i quali:
  1.  Ansia, nervosismo;
  2. Volersi separare dal resto del gruppo per continuare da soli;
  3. Bisogno ossessivo di pulizia ed igiene;
  4. Preparazione di lunghe toghe bianche;
  5. Bisogno di declamare versi o salmi religiosi e di cantare inni sacri; 
  6. Desiderio irrefrenabile di eseguire processioni o marce verso luoghi caratteristici; 
    Pubblicità
  7. Creazione di sermoni volti ad indicare una via morale da seguire.

Solitamente i pazienti vengono ricoverati in strutture psichiatriche, dove, di solito, restano solo qualche settimana. La maggior parte dei casi si risolve in una durata dai 7 ai 10 giorni dal primo evento. Dopo qualche giorno, tornano alla realtà, e molti se ne vergognano. Non riescono a spiegare che cosa sia successo e si imbarazzano del loro stravagante comportamento. Si ritiene che le persone che soffrono di questa sindrome fossero già predisposte a tale atteggiamento prima di arrivare a Gerusalemme e che, una volta lì, questo disturbo latente si risvegli.

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: religiosità dizionario di psicologia le parole della psicologia Sindrome di Gerusalemme Gerusalemme

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Le parole della Psicologia

Sexting

Il termine "sexting" letteralmente deriva dalla fusione di due parole inglesi "sex" (sesso) e "texting" (inviare messaggi). Il "sesso virtuale", traduzione italiana del termine sexting, si può...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

News Letters

0
condivisioni