Pubblicità

Idrofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3073 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

idrofobiaL'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acqua.

Una delle principali cause di questo tipo di fobia è sicuramente un trauma subito generalmente da bambini, dopo un trauma (anche una «bevuta» con relativa apnea può essere sufficiente), ed è da giovani che è più facile superarla, quando il sistema nervoso è ancora plastico e facilmente modificabile, anche sotto l'aspetto emotivo.

Per la psichiatria l'idrofobia designa la paura dell'acqua o del nuoto.
È comune la forma moderata, quando si è in corsi pericolosi, sia in mare sia al fiume, tutte paure legate all’annegamento.
E’ patologico quando è riferito a un’avversione all’acqua in sé. In questo senso, il termine più adeguato sarebbe “acquafobia”.

Questo genere di fobia colpisce il 2,5% dei bambini e non ha una durata oltre l’adolescenza, ma può anche apparire dopo un incidente in età adulta.
La paura degli idrofobici è essere sommerso in un ambiente acquoso. La maggioranza degli idrofobici non è in grado di nuotare e nei casi più gravi non riesce nemmeno a mettere la testa sott'acqua anche per brevissimi periodi. Imparare a nuotare costituirebbe un miglioramento e un passo verso il superamento della fobia.

L'idrofobia causa un'anomala risposta di tipo cognitivo e neurormonale, con manifestazioni fisiche come dilatazione delle pupille, irrigidimento degli arti, tachicardia, respirazione incontrollata, aumento del battito cardiaco, della pressione e della sudorazione. La persona che ne soffre sa, razionalmente, che la situazione (come una lezione di nuoto in piscina o un bagno al mare) è priva di pericoli reali, eppure gli basta solo pensarci per provare una paura irrazionale, come se si trovasse di fronte ad un pericolo di vita.

Pubblicità

Cosa fare per cercare di superare l’idrofobia?

Il consiglio principale è quello di avvicinarsi gradualmente all’oggetto della propria paura, attraverso particolari esercizi.
Per superare il problema vanno evitate le forzature, a qualsiasi età. Vietatissimo buttare il fobico in acqua e aspettare che in qualche modo se la cavi e inizia a nuotare, perché proprio l'incontrollata risposta neurofisiologica all'ansia potrebbe portare la persona ad affogare. Di norma si usa la cosiddetta terapia di apprendimento, ovvero l'esposizione graduale alla situazione ansiogena, per aiutare il paziente a ridurre, piano piano, il terrore di abbandonarsi. Questo avvicinamento progressivo va fatto con un istruttore qualificato: uno psicoterapeuta comportamentale, ma, in alcuni casi, anche solo una persona di fiducia (purché in grado di insegnare le tecniche corrette di galleggiamento e di nuoto, affinché il fobico possa imparare a nuotare in modo corretto.
Ad oggi, esistono dei programmi che prevedono affiancamento di un professionista, che con una serie di sedute individuali porta al superamento di questa fobia.

Con i piccoli è molto più facile superare l'idrofobia: verso i tre o quattro anni la presenza rasserenante di un adulto di fiducia aiuta, quasi sempre, a riprendere un rapporto corretto con l'acqua.

 

Per approfondimenti:

  • fobie.org
  • wikipedia.org
  • ok-salute.it

 

(A cura della Dottoressa Daniela Scipione)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: parole della psicologia idrofobia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni