Pubblicità

Autotopoagnosia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1052 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo.

AutotopoagnosiaNella maggior parte dei casi è dovuta a lesioni all'emisfero sinistro (dominante per il linguaggio) nelle regioni parietali o occipito-parietali.

Molto spesso si osserva in associazione ad altri disturbi neuropsicologici quali afasia, aprassia, neglect, agrafia, acalculia, ecc.

TEST

Per identificare il disturbo si chiede al paziente di indicare le diverse parti del proprio corpo, ad occhi chiusi, o su un modello di figura umana o sul corpo dell'esaminatore. Il deficit può essere testato anche in compiti non verbali, in cui il paziente deve toccare le parti del corpo che ha toccato l'esaminatore.

Gli errori più frequenti sono classificati in tre categorie:

  • errori di contiguità in cui il paziente indica parti del corpo spazialmente vicine a quelle richieste (gamba invece del piede);
  • errori concettuali o semantici dove il paziente indica parti del corpo concettualmente simili (piede invece di mano);
  • errori casuali non classificabili.

Pubblicità

I pazienti autotopoagnosici non perdono però la capacità di definire la funzione delle varie parti del corpo verbalmente, pur fallendo nell'indicarne la posizione. Vari studi hanno provato ad analizzare se il disturbo prevedesse la mancata identificazione anche di parti di oggetti complessi ed è stata dimostrata una dissociazione tra questi due disturbi: il soggetto autotopoagnosico riesce ad identificare parti degli oggetti.

Il paziente, inoltre, sembra essere in grado di muovere ogni parte del corpo correttamente, è capace di denominare e conoscerne la funzione: l'unico deficit risulta nell'indicare la parte del corpo richiesta dall'esaminatore. Questo disturbo è quindi classificabile come un disturbo specifico di conoscenza del corpo. Per spiegare questa patologia è stata proposta una ipotesi spaziale :

Se si considera il corpo come un insieme, l’isolamento di una parte specifica richiede la costruzione di un’immagine mentale spaziale della relazione tra le parti e tra le parti e l’intero insieme: se tale capacità viene a mancare si osserverà una dissociazione tra riconoscimento e denominazione da una parte e indicazione e descrizione dei vari distretti corporei dall’altra."

 

Riferimenti Bibliografici:

  • G. Vallar e C. Papagno (2011) "Manuale di Neuropsicologia". Il Mulino

 

 

(a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: dizionario di psicologia le parole della psicologia autotopoagnosia disturbo della rappresentazione corporea agnosia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni