Pubblicità

Raptus

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 8145 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

raptusIl raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i quali possono raggiungere anche l’omicidio ed il suicidio.

Può essere ricondotto, in genere, ad un sovraccarico affettivo o ad una mancanza di controllo in situazioni impreviste ed imprevedibili.
Si riscontra, spesso, in crisi depressive (raptus melancholicus), nella schizofrenia, in episodi di disperazione, oppure in presenza di eventi insopportabili o in circostanze stressanti come reazione psicogena a corto circuito.

Fattori che favoriscono l'espressione dell’aggressività ad esso collegata sono:
• L’assunzione di alcool e/o sostanze, in particolare droghe stimolanti (anfetamine, cocaina).
• Il vivere in condizioni socio-economiche disagiate.
• Avere rapporti conflittuali o non soddisfacenti.
• Vivere in un ambiente familiare patologico, fatto di relazioni non sane, tra le quali possono aver luogo anche episodi di violenza fisica e/o psicologica, come, ad esempio, abusi, maltrattamenti, fino all'omicidio.
• Avere disturbi psichiatrici, in particolare Depressione o Disturbo Bipolare.

Nell'ambito del diritto penale e della psichiatria forense, la carenza di controllo degli impulsi può essere considerata condizione di momentanea incapacità di intendere e di volere e, quindi, come attenuante per la commissione di reati. Tuttavia, gli psichiatri concordano nell’affermare che il raptus non è una vera e propria patologia psichiatrica, ma la manifestazione estrema di una serie di disagi e/o malattie pregresse, che culminano in questa sorta di “blackout”. Infatti, spesso questo termine viene usato per esprimere l’idea di una perdita di controllo totale ed improvvisa, come se il cervello fosse proprio “posseduto” (rapito letteralmente) da una forza che lo agita a caso e lo spinge in direzioni insensate.

Pubblicità

Bisogna considerare, invece, che dietro al raptus possono esserci spiegazioni diverse: per esempio, i suicidi non sono semplicemente gesti finalizzati a non soffrire, ma possono essere manifestazioni impulsive, in cui c’è, in quel momento, un senso delirante, che nessuno può ricostruire con precisione.
Di questa parte finale, aggressiva, colpisce più che altro l’estemporaneità, cioè perché sia avvenuta in quel momento piuttosto che in un altro qualsiasi, e perché non prima, senza considerare che possono esserci, dietro queste manifestazioni “di follia”, storie pregresse di disagi, che si sono via via consolidati ed arricchiti, fino a raggiungere questa esplosione.

Il raptus, quindi, sarebbe una vera e propria tipologia di “avaria”, a volte breve, a volte costante, che può riguardare il cervello umano, di chiunque.

 

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Bertolino M., L'imputabilità e il vizio di mente nel sistema penale, Giuffré, Milano.
  • Fornari U., Follia transitoria. Il problema dell'irresistibile impulso e del raptus omicida, Raffaello Cortina Editore.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.

 

(Dott.ssa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: le parole della psicologia raptus

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Area Professionale

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Attivo il Forum sul Test I.Co…

Attivato sul Forum di Psiconline uno spazio, esclusivamente riservato ai professionisti, dedicato alla conoscenza e al confronto sul Test del Confine del Sè (I...

Le parole della Psicologia

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni