Pubblicità

Raptus

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 11603 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

raptusIl raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i quali possono raggiungere anche l’omicidio ed il suicidio.

Può essere ricondotto, in genere, ad un sovraccarico affettivo o ad una mancanza di controllo in situazioni impreviste ed imprevedibili.
Si riscontra, spesso, in crisi depressive (raptus melancholicus), nella schizofrenia, in episodi di disperazione, oppure in presenza di eventi insopportabili o in circostanze stressanti come reazione psicogena a corto circuito.

Fattori che favoriscono l'espressione dell’aggressività ad esso collegata sono:
• L’assunzione di alcool e/o sostanze, in particolare droghe stimolanti (anfetamine, cocaina).
• Il vivere in condizioni socio-economiche disagiate.
• Avere rapporti conflittuali o non soddisfacenti.
• Vivere in un ambiente familiare patologico, fatto di relazioni non sane, tra le quali possono aver luogo anche episodi di violenza fisica e/o psicologica, come, ad esempio, abusi, maltrattamenti, fino all'omicidio.
• Avere disturbi psichiatrici, in particolare Depressione o Disturbo Bipolare.

Nell'ambito del diritto penale e della psichiatria forense, la carenza di controllo degli impulsi può essere considerata condizione di momentanea incapacità di intendere e di volere e, quindi, come attenuante per la commissione di reati. Tuttavia, gli psichiatri concordano nell’affermare che il raptus non è una vera e propria patologia psichiatrica, ma la manifestazione estrema di una serie di disagi e/o malattie pregresse, che culminano in questa sorta di “blackout”. Infatti, spesso questo termine viene usato per esprimere l’idea di una perdita di controllo totale ed improvvisa, come se il cervello fosse proprio “posseduto” (rapito letteralmente) da una forza che lo agita a caso e lo spinge in direzioni insensate.

Pubblicità

Bisogna considerare, invece, che dietro al raptus possono esserci spiegazioni diverse: per esempio, i suicidi non sono semplicemente gesti finalizzati a non soffrire, ma possono essere manifestazioni impulsive, in cui c’è, in quel momento, un senso delirante, che nessuno può ricostruire con precisione.
Di questa parte finale, aggressiva, colpisce più che altro l’estemporaneità, cioè perché sia avvenuta in quel momento piuttosto che in un altro qualsiasi, e perché non prima, senza considerare che possono esserci, dietro queste manifestazioni “di follia”, storie pregresse di disagi, che si sono via via consolidati ed arricchiti, fino a raggiungere questa esplosione.

Il raptus, quindi, sarebbe una vera e propria tipologia di “avaria”, a volte breve, a volte costante, che può riguardare il cervello umano, di chiunque.

 

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Bertolino M., L'imputabilità e il vizio di mente nel sistema penale, Giuffré, Milano.
  • Fornari U., Follia transitoria. Il problema dell'irresistibile impulso e del raptus omicida, Raffaello Cortina Editore.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.

 

(Dott.ssa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: le parole della psicologia raptus

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni