Pubblicità

Inconscio

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3585 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza

inconscioIl termine inconscio (dal latino in- conscius, non consapevole), nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza e, pertanto, non soggette al controllo della ragione e della volontà dell’individuo.


Nell’ambito della psicologia è possibile distinguere due accezioni del termine differenti tra di loro:
•  Nella prima accezione, l’inconscio viene identificato come una forma di intelligenza irrazionale, nascosta, dotata di proprie simbologie e regole processuali differenti rispetto alla consapevolezza. Tale accezione prende il nome di inconscio psicodinamico.
•  Nella seconda accezione, l’inconscio è inteso come quella parte del funzionamento mentale o non consapevole (memoria a breve termine, meccanismi subliminali, risposte automatiche). Esso rappresenta una modalità di immagazzinamento delle esperienze nella memoria a lungo termine, riferito a forme di conoscenza implicita, non soggette all’ elaborazione verbale. Tale accezione prende il nome di inconscio cognitivo.

Nonostante l’inconscio rappresenta una delle nozioni cardini della psicoanalisi, già in epoche precedenti alcuni filosofi come Aristotele e Leibiniz hanno riconosciuto la presenza di una “realtà altra”, diversa da quella consapevole. Tale realtà era costituita da piccole percezioni “perceptions insensibles” alla base di ogni azione umana consapevole.

Nell’ambito Psicoanalitico,  il termine venne introdotto per la prima volta da Sigmund Freud, il quale elabora un metodo scientifico con il quale l’inconscio e il comportamento umano possono essere studiati e analizzati.
Nell’elaborazione Freudiana l’inconscio assume due significati peculiari e  viene definito:
1) inconscio descrittivo :  Insieme di processi, contenuti ed impulsi che non affiorano alla coscienza del soggetto e che pertanto non sono controllabili razionalmente.
L’inconscio basa la propria natura su desideri repressi, confinati in una “zona” inaccessibile.
Tali contenuti rimossi, attraverso l’azione di censura,  possono poi “riemergere” a livello cosciente con eventi onirici, lapsus, falsi ricordi  o con manifestazioni sintomatiche di un disagio psichico.
In particolare,Freud riteneva che il sogno fosse una manifestazione psichica, mirata alla realizzazione di un desiderio pulsionale non realizzato nella realtà,  attinente, appunto, da  propri contenuti latenti dall'inconscio.

2) inconscio topico: L’inconscio è uno dei tre sistemi psichici descritti da Freud: Conscio, Preconscio,  Inconscio.

Tali elementi, secondo l’autore vanno a costituire la prima topica. Esse sono tre zone distinte in cui diverse forze agiscono e operano dentro e fuori di noi, contribuendo alla formazione della nostra vita psichica.
Nella teoria topica, l’inconscio assume caratteristiche peculiari di funzionamento; esso  si caratterizza o come la zona più libera della  mente, ove i pensieri non conoscono né vincoli né censure.
L’inconscio rifiuta i principi logici tanto da essere estraneo al tempo e alla realtà stessa.Tali contenuti sono soggetti al Principio di piacere e si caratterizzano per il criterio di inaccessibilità.

Successivamente, Carl Gustav Jung, allievo di Freud, cerca di superare l’assunto Freudiano distinguendo l’inconscio personale (formato dalle esperienze e dai vissuti personali del singolo individuo costruiti durante la sua crescita), dall’inconscio collettivo (costrutti e contenuti innati, che ogni individuo possiede al suo interno sin dalla nascita).

L’inconscio collettivo è per Jung una “regione atemporale, un “territorio psichico primordiale” nel quale hanno origine le idee vere o Archetipi (forme e simboli universali che si manifestano fin dai tempi in tutte le culture e in ogni mente umana, tali contenuti sono innati e universali)
In esso sarebbero depositate tracce mnestiche di esperienze dei nostri antenati: immagini, simboli, paure, forme di elaborazione del pensiero, che sono già presenti e che possono determinare  fenomeni e dirigere i nostri istinti.

Pubblicità

Jung, a differenza di Freud, attribuisce all’inconscio un valore positivo e creativo, essendo quella parte della psiche da cui la specie umanatrae i fondamenti essenziali della propria vita sociale e culturale.
L’inconscio collettivo è infatti il luogo della creatività, dell’immaginazione.

L'espressione “inconscio cognitivo” diventa di dominio pubblico nel 1987, quando  studi, condotti su soggetti con deficit neurologici, rilevarono l'esistenza di  una stretta correlazione tra inconscio cognitivo e strutture corticali e sottocorticali del cervello.

Esistono, dunque, sistemi cerebrali  che permettono  di apprendere in maniera automatica e di creare  tracce mestiche non coscienti, le quali influenzano in modo quasi automatico e inconsapevole i pensieri ed i comportamenti dell'uomo.

Le diverse scoperte cognitive rilevano che:

  • ogni comportamento dell’individuo finalizzato all’azione è preceduto da attività cerebrale inconscia;
  •  il sistema limbico, connesso all’elaborazione dell’informazione emotivamente significativa, opera inconsciamente rispetto a meccanismi e a sistemi deputati alla rappresentazione cosciente;
  •  Con la scoperta della memoria implicita si è favorita l’ipotesi che le esperienze emozionali e affettive traumatiche vengano depositate dal soggetto in questa forma di  memoria; tali contenuti non sono rimossi e possono riaffiorare alla mente nei sogni o in particolari situazioni in cui alcune sensazioni richiamano alla mente l’evento.

 

Per Approfondimenti

  • www.alessandrogrussu.it
  • www.ioarte.org
  • www.inconscio.net
  • /www.neuroscienze.net
  • ww.wikipedia.org
  • www.clinicadellatimidezza.it
  • www.wiktionary.org
  • Dizionario di Scienze Psicologiche, Ed. Simone

 

(A cura della Dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: realtà impulsi archetipi ragione, regola, inconscio psicodinamico lapsus, censura

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la gratificazione; di modulare i propri...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

News Letters

0
condivisioni