Pubblicità

Dejà vu - Dejà vecu

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3241 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Dejà vu Dejà vecuDa due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribuiscono un'origine nel paranormale, alle ipotesi più serie, tratte dalla neuropsicologia.

Ad oggi molti ricercatori hanno trovato che l’organo cerebrale responsabile di questo fenomeno sia l'ippocampo, il centro in cui vengono immagazzinate ed elaborate le informazioni legate alla memoria e sono create le mappe dei luoghi e delle esperienze.

Quando, però, due esperienze iniziano a somigliarsi troppo, queste mappe mentali si sovrappongono e in qualche modo si confondono: si tratterebbe, dunque, proprio di un malfunzionamento del cervello nell'elaborare nuove informazioni, collegato con la memoria episodica.

È stata trovata una correlazione clinica tra déjà vu e disturbi mentali come la schizofrenia e l'ansietà, non pochi stati crepuscolari psicogeni, stati di depersonalizzazione e di derealizzazione, anche se la più forte associazione patologica è con l'epilessia del lobo temporale. Le esperienze di déjà-vu, comunque, possono essere fugacemente avvertite anche da soggetti sani, in condizioni di forte stress, soprattutto emotivo.

Pubblicità

Fenomeni correlati sono quelli definiti come: “dejà entendu” (già compreso), “dejà eprouvè” (già provato), “dejà fait” (già fatto), “dejà pensè (già pensato), “dejà racontè” (già raccontato), “dejà voulu” (già voluto), “déjà senti” (già sentito), “presque vu” (ricordare quasi).
Opposte sono, invece, le esperienze del "mai visto" (jamais-vu) e del "mai vissuto" (jamais-vécu), nelle quali situazioni ben note vengono percepite come nuove ed estranee, spesso con carattere perturbante o minaccioso, che possono verificarsi in stati di coscienza alterati, schizofrenici, confabulatori, tossici o di forte emozione (stress post-traumatico, panico protratto) o, non raramente, epilettici.

 

Bibliografia:

  • Maldonato, Dizonario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.

 

 

(dottoressa Alice Fusella)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: psicologia déjà-vu

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni