Pubblicità

Parafilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1982 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

 

Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono il posto, parzialmente o esclusivamente, delle condotte sessuali normali  e dei loro correlati. 

parafilia

Le parafilie non alterano unicamente il comportamento sessuale e le relazioni sessuali.

Determinano, in concomitanza con un desiderio sessuale aberrante, gravi alterazioni della personalità, del carattere e della vita sociale..

Per alcuni individui le fantasie o gli stimoli parafiliaci sono indispensabili per l’eccitamento sessuale: si tratta di parafiliaci esclusivi. In altri casi, le preferenze parafiliache si manifestano solo occasionalmente (per es. durante periodi di intenso stress), mentre in altre occasioni la persona è in grado di funzionare sessualmente senza fantasie o stimoli parafiliaci.

Molti individui con questo disturbo affermano che il proprio comportamento non provoca loro alcun problema e che, anzi, si tratta di condotte che loro ritengono adeguate per se stesse e gli altri, mentre l’unico svantaggio sarebbe costituito da difficoltà di tipo sociale. Al contrario, altri riferiscono estremo senso di colpa, vergogna e depressione, a causa del loro essere costretti a impegnarsi in un’attività sessuale che è socialmente inaccettabile o da essi stessi considerata immorale.

Inoltre, alcuni parafiliaci possono agire le proprie fantasie con partner non consenzienti e, quindi, subire conseguenze penali, perdita di status e di sostegno sociale. Altri realizzano le loro fantasie sessuali col proprio partner, ma quest’ultimo, col tempo, può stancarsi e minacciare di abbandonare la persona se questa non si sottopone ad un trattamento. Infatti, è questo il motivo più frequente, praticamente l’unico, di ricorso alla terapia da parte di queste persone.

Pubblicità

I Disturbi Parafilici, vengono così classificati dal DMS V:
Disturbo feticistico;
Disturbo da travestitismo;
Disturbo esibizionistico;
Disturbo voyeuristico;
Disturbo da masochismo sessuale;
Disturbo da sadismo sessuale;
Disturbo frotteuristico;
Disturbo pedofilico.
• Parafilie Non Altrimenti Specificate: vi rientrano quelle forme meno comuni e che non rispettano i criteri delle altre classi diagnostiche, ovvero: Clismafilia, Dendrofilia, Formicofilia, Piquerismo, Pigmalionismo, Ospressiofilia, Scatologia telefonica, Zoofilia, Parzialismo, Urofilia, e molte altre, quanti possono essere gli oggetti del desiderio sessuale umano in queste condizioni.

Non di rado, infine, i soggetti hanno più di una Parafilia.

 

Bibliografia:

  • Maldonato, Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.
  • Troiano, Petrone, Di Giuseppe, Dizionario di psicologia in Internet, Edizioni Scientifiche Ma. Gi., 2005.

 

(dott.essa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: parafilia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni