Pubblicità

L'orientamento sessuale si modifica durante la crescita?

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 1523 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Uno studio pubblicato sul Journal of Sex Research mette in luce alcuni nuovi aspetti della sessualità, evidenziando come l'orientamento sessuale subisca dei mutamenti anche durante la giovane età adulta.

L'orientamento sessuale si modifica durante la crescitaSembrerebbe che le etichette tradizionali di “Gay”, “bisessuali” ed “etero” non catturino l'intera gamma della sessualità umana, al punto di poter affermare che l'essere attratti dallo stesso sesso o da quello opposto possa cambiare nel tempo.

All'interno dello studio, i ricercatori hanno analizzato un sondaggio compiuto da circa 20.000 studenti e adulti e hanno rilevato che cambiamenti sostanziali nelle attrazioni, nei partner e nell'identità sessuale sono comuni dalla tarda adolescenza fino ai quaranta anni, indicando che lo sviluppo dell'orientamento sessuale continua molto tempo dopo l'adolescenza.

I risultati mostrano anche distinti percorsi di sviluppo per uomini e donne, con un accento sulla sessualità femminile che sembrerebbe essere più fluida nel tempo.

L'orientamento sessuale coinvolge molti aspetti della vita, come da chi ci sentiamo attratti, con chi abbiamo rapporti sessuali e come ci identifichiamo”, spiega Christine Kaestle, docente presso la Virginia University.

Fino a poco tempo fa, i ricercatori tendevano a concentrarsi su uno solo di questi aspetti, o dimensioni, per misurare e categorizzare le persone. Tuttavia, ciò potrebbe semplificare eccessivamente la situazione. Ad esempio, qualcuno potrebbe auto-identificarsi come eterosessuale mentre sta anche segnalando relazioni con partner dello stesso sesso”.

Per tenere conto di tutte le dimensioni della sessualità nel tempo, i ricercatori hanno utilizzato i dati dello Studio Longitudinale Nazionale sulla Salute degli Adolescenti e degli Adulti, che ha monitorato attraverso quattro studi circa 20.000 soggetti in un periodo compreso tra il 1995, in cui l'età variava dagli 11 ai 21 anni, al 2009 in cui l'età variava tra i 24 ed i 32 anni.

Pubblicità

In momenti regolari, i partecipanti sono stati interrogati su/da quale genere/i fossero attratti, il sesso dei loro partner e se si identificavano come “etero”, “gay” o bisessuali”.

I risultati hanno mostrato che le esperienze di orientamento sessuale di alcune persone variavano nel tempo e le tre categorie tradizionali di “etero”, “bisessuale” e “gay” non erano sufficienti per descrivere i diversi modelli di attrazione, partner e identità sessuale nel tempo.

I risultati hanno indicato che tali modelli evolutivi sono meglio descritti in nove categorie differenti, per uomini e donne.

Per i giovani maschi questi modelli sono stati classificati come:

  • rettilineo (87%);
  • Principalmente rettilineo o bisex (3,8%);
  • gay emergenti (2,4%);
  • espressione sessuale minima (6,5%).

Le giovani donne sono state meglio descritte dalle seguenti cinque categorie:

  • rettilineo (73,8%);
  • principalmente rettilineo ma discontinuo (10,1%);
  • bisessuali emergenti (7,5%);
  • lesbiche emergenti (1,5%);
  • espressione sessuale minima (7%).

Le persone etero costituivano il gruppo più numeroso e mostravano il minimo cambiamento nelle preferenze sessuali nel tempo. È interessante notare che gli uomini erano più propensi delle donne a essere etero – quasi nove uomini su dieci, rispetto a meno di ¾ delle donne.

Uomini e donne nel mezzo dello spettro sessuale, così come quelli dei gruppi omosessuali emergenti, hanno mostrato il maggior numero di cambiamenti nel tempo.

Ad esempio, il 67% delle donne nel gruppo “per lo più rettilineo ma discontinuo” è stato attratto da entrambi i sessi nei primi 20 anni di vita.

Tuttavia, questo numero è sceso quasi a zero verso la fine di questo periodo, quando le donne hanno riferito di essere attratte solo dal sesso opposto. Nel complesso, le donne hanno mostrato maggiore fluidità nelle preferenze sessuali nel tempo.

Le donne erano più probabili (una su sei) a trovarsi nel mezzo del continuum della sessualità e ad essere bisessuali.

Per quanto concerne gli uomini, erano più propensi ad essere ai due estremi dello spettro, come “rettilineo” o “gay emergente”.

Nei gruppi emergenti, quelli che intraprendono rapporti sessuali durante l'adolescenza iniziano per lo più con partner dell'altro sesso e molti riferiscono di attrazioni sessuali durante la loro adolescenza”, ha commentato l'autrice.

Poi gradualmente si sviluppano e progrediscono attraverso le categorie adiacenti sul continuum fino al compimento dei 20 anni per poi raggiungere il punto circa 20 anni dopo quando quasi tutte le donne bisessuali segnalano attrazioni di entrambi i sessi, quasi tutti maschi gay emergenti riferiscono attrazioni solo maschili, e quasi tutte le donne lesbiche riferiscono attrazioni solo femminili”.

Pubblicità

Kaestle spiega che lo studio dimostra che la giovane età adulta è ancora un momento molto dinamico per lo sviluppo dell'orientamento sessuale.

I primi 20 anni sono un periodo di maggiore indipendenza e spesso includono un maggiore accesso ad ambienti più liberali che possono rendere l'esplorazione, l'interrogarsi o il riconoscimento delle attrazioni dello stesso sesso più accettabili e comode”.

Allo stesso tempo, dal momento che sempre più persone si associano a relazioni a lungo termine con il progredire dell'età adulta, ciò potrebbe portare a una minore espressione di identità e attrazioni che non corrispondono al sesso del partner a lungo termine, portando ad una sorta di bi-invisibilità.

Poiché l'orientamento sessuale coinvolge una serie di varie esperienze di vita nel tempo, le categorie saranno sempre meno artificiali e statiche”, prosegue l'autrice.

È importante sottolineare che, sebbene lo studio abbia individuato nove categorie di sviluppo dell'orientamento sessuale, le limitazioni nei metodi statistici utilizzati implicano l'esistenza di più categorie.

I nomi delle categorie non sono in alcun modo destinati a sostituire o contraddire l'attuale identità di una persona.

Piuttosto, la ricercatrice spera che queste scoperte aiuteranno a capire meglio come una serie di esperienze e modelli di orientamento sessuale nel tempo possano modellare l'esperienza delle minoranze sessuale, al fine di tutelarle sempre più dagli effetti della discriminazione.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: adolescenza infanzia orientamento sessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

News Letters

0
condivisioni