Pubblicità

Maternage

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 10484 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

maternageIn psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere iperprotettivi, esclusivistici, creatori di profondi legami di dipendenza, oppure, al contrario, completamente carenti o incongrui. Questo passaggio nella vita dell’individuo è importante perché ne condizionerà la formazione dell’Io e della sua personalità: ad esempio, un maternage di tipo incongruo è rivelatore di una struttura abnorme della personalità o di conflittualità nevrotiche.

In psicoterapia, è quella tecnica, utilizzata principalmente per la cura delle psicosi, la quale cerca di instaurare, fra il terapeuta ed il paziente, un rapporto simile a quello esistente fra una madre buona ed il suo bambino, con il fine ultimo di superare frustrazioni e traumi verosimilmente avvenuti nella prima infanzia.

Racamier, nel 1956, utilizzò il termine per indicare una tecnica di psicoterapia delle psicosi, volta a creare con il paziente, sia sul piano della realtà sia su quello della realizzazione simbolica, una relazione simile a quella tra una buona madre ed il suo bambino.

Nello stesso periodo, Sechehaye proponeva il maternage come la “terapia elettiva” degli schizofrenici. Tale tecnica si basa sull’ipotesi che nell’assenza della percezione di un buon funzionamento, non solo della coppia madre-bambino, ma di tutto il contesto familiare, affondino le radici dell’indecifrabile agire psicotico e le motivazioni ultime della fragilità del suo Io.

Pubblicità

Per Winnicott, la psicosi origina nelle prime fasi dello sviluppo infantile, quando il bambino non può contare sulle cure di una madre "sufficientemente buona" che si adatti alle sue necessità poiché un maternage sufficientemente buono consente al bambino di costruirsi un Io ed una personalità unitarie, mentre, in mancanza di esso, il bambino non può progredire oltre lo stadio originario di non integrazione. Il terapeuta, quindi, dinanzi alla psicosi deve modificare la tecnica dell'analisi classica, ovvero egli deve permettere al paziente di regredire fino al momento in cui si è verificata la discontinuità dello sviluppo, ricoprendo, allo stesso tempo, un ruolo materno adattativo e che soddisfi quel bisogno di cure, con il fine di poter innescare un nuovo sviluppo della personalità. Solo dopo che tale lavoro di cura ed assistenza è terminato ed il paziente possiede un "Io integro", capace di "sperimentare gli impulsi dell'Es", è possibile procedere con l'analisi classica.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.



(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: le parole della psicologia maternage

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Superare un lutto [16164405522…

Caregiver, 50 anni       Buonasera Dottori, Ho quasi cinquant'anni, non ho figli e non sono mai stata sposata. Ho passato gli ultimi ven...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni