Pubblicità

Musofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 13786 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori.

musofobiaE’ conosciuta anche come muridofobia, murofobia o surifobia e rientra in una classe specifica di zoofobia, cioè la paura degli animali in generale.

Coloro che soffrono di questa condizione, esperimentano terrore e ripulsione dinanzi ad animali specifici, come le pantegane e i topi, anche se in alcuni casi la paura si estende a tutti i roditori (talpe, criceti, scoiattoli…). Tale fobia può essere scatenata persino vedendo una foto di questi animali o un’immagine in televisione, non solo dal contatto diretto.

La musofobia rappresenta solitamente una caratteristica stereotipata delle donne, come noto da numerosi libri, cartoni animati, programmi televisivi e film dell’era pre-femminista che ritragono le donne isteriche che urlano e saltano sulle sedie o sui tavoli quando vedono un topo. Ma, in realtà, al di là dei ritratti stereotipati di genere, la musofobia in Occidente colpisce entrambi i sessi.

In molti casi la paura dei topi è una risposta condizionata socialmente indotta, combinata con una risposta inattesa; pertanto la musofobia, piuttosto che rappresentare un disordine reale, è la risposta ad uno stimolo inatteso comune in molti animali, inclusi gli esseri umani, piuttosto che un disordine reale.

Per cercare di migliorare la situazione, chi soffre di questa problematica cerca di evitare l'esposizione a situazioni che possono procurare loro uno stato di fobia. Questo sicuramente è un modo non corretto di affrontare il problema, in quanto evitandolo si contribuisce a conservarlo ed a farlo aumentare sempre di più. Con questo comportamento evitante si ha la conferma che non si vuole superare questa paura e che non si vuole né conoscere meglio l'oggetto della fobia né capirne il grado di nocività.

Pubblicità

La prima cosa da fare è cercare di rassicurare la persona che soffre di questa paura; bisogna incoraggiarla e dargli tutte le informazioni necessarie sul comportamento da tenere nel caso si verifichi la situazione temuta. Bisogna capire che in realtà sono i topi ad avere più paura e scappano al primo rumore; pertanto è fondamentale non perdere mai la calma e non farsi prendere dal panico che priva chiunque dell'uso della ragione.

Una terapia, tramite il supporto di uno specialista e l'intervento di persone vicine, per avere la sua efficacia dovrebbe trasmettere la maggiore sicurezza possibile. Nella musofobia lo spavento occasionale scatena un’ansietà normale che può essere trattata sia con l'ipnosi sia con una terapia di simulazione in ambienti controllati in cui, tramite un videogioco o una realtà virtuale, il fobico si relaziona con la sua paura.

 

per approfondimenti:

  • Wikipedia.org
  • Fobie.org

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: panico paura zoofobia musofobia muridofobia murofobia surifobia topi roditori risposta condizionata disordine reale ipnosi terapia di simulazione calma

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito.  Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcos...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters

0
condivisioni