Pubblicità

Catatonia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5512 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

catatoniaLa prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannungsir-resein, coniò questo termine per descrivere un disturbo il cui nucleo sintomatologico era costituito da manifestazioni di tipo comportamentale e motorio (negativismo, mutismo, immobilità, rigidità, manierismi, stereotipie) accompagnate da sintomi affettivi, cognitivi e neurovegetativi.

La catatonia può essere una sindrome o un sintomo.

La catatonia è una sindrome di tipo psichiatrico caratterizzata da anomalie motorie, emotive e comportamentali che può dipendere sia da patologie organiche sia psichiche.

La catatonia viene ricondotta ad una forma di schizofrenia, caratterizzata appunto da alterazioni motorie, negativismo, postura fissa e/o movimenti stereotipati, ecolalia ed ecoprassia.

Il paziente assume sembianze da statua, con immobilità, inespressività, inaccessibilità. Tale inattività è però solo apparente, in quanto è invece sostenuta da un intenso impegno di opposizione negativista, che può andare dallo sforzo di tensione muscolare al mutismo e al rifiuto di alimentarsi. Frequenti sono anche i fenomeni di catalessia.

In tale quadro, talvolta, si inserisce una terza fase, espressiva, caratterizzata da stereotipie, manierismi, smorfie, atteggiamenti tutti di tipo automatico e ripetitivo.

La catatonia è un sintomo quando è un aspetto patologico della psicomotricità, caratterizzato da una condizione di ipertono muscolare durevole, diversa dalla rigidità extrapiramidale, per lo più riferita agli arti, ma che può coinvolgere tutto il corpo, non modificabile da sollecitazioni esterne, per cui si osserva resistenza al tentativo di muovere passivamente qualche arto.

Il paziente può mantenute, per un tempo indeterminato, posizioni scomode senza apparente fatica.

Molti autori del passato hanno cercato di dare una spiegazione alla catatonia.

Wernicke, nella sua teoria sulle psicosi della motilità, ha fornito un'interpretazione neurologica.

Pubblicità

Kraepelin ha fornito un'interpretazione psicologica, sostenendo che alla base della catatonia si verificasse un inceppamento della volontà (non solo ogni rappresentazione ne evoca una contraria, ma la favorisce e ne fa ottenere il sopravvento). Altri movimenti della sindrome catatonica, come i manierismi e le stereotipie, sono stati imputati dall'autore alla personalità alterata del paziente che si esprime con una motricità priva di grazia.

Bleuler riteneva che il malato rifuggisse dalla realtà esterna e si rifugiasse nelle sue fantasie autistiche, ma dai racconti dei pazienti emerge che l'interesse per il mondo esterno è mantenuto e solo le azioni sono bloccate.

Jaspers diceva: È come se il paziente fosse un morto apparecchio fotografico: sente tutto, vede tutto, ma non è capace di alcuna reazione e di alcun atteggiamento sentimentale; è psichicamente paralizzato pur rimanendo in piena coscienza. I complessi sintomatici catatonici si presentano con diverse intensità.

Nei gradi più lievi i malati riescono a far nulla o perseverano meccanicamente nell'attività cominciata.

Nei quadri più gravi si hanno eccitamento motorio insensato o stupor rigido e inaccessibile.

Nel paziente catatonico un corretto approccio diagnostico prevede l’identificazione della condizione patologica di base sia essa un disturbo mentale, una condizione medica, un disturbo neurologico, o l’assunzione/sospensione di farmaci e sostanze.

 

Bibliografia

  • Catatonia: a critical review and therapeutic recommendations. N. Bartolommei, L. Lattanzi, A. Callari, L. Cosentino, F. Luchini, M. Mauri
  • Corriere della Sera Dizionario della salute Catatonia
  • Dizionario di Scienze Psicologiche De Simone. 2011

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: catatonia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Area Professionale

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Attivo il Forum sul Test I.Co…

Attivato sul Forum di Psiconline uno spazio, esclusivamente riservato ai professionisti, dedicato alla conoscenza e al confronto sul Test del Confine del Sè (I...

Le parole della Psicologia

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni