Pubblicità

La solitudine: sofferenza e possibilità

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 895 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nella nostra società la solitudine occupa uno spazio sempre maggiore ed è perciò necessario comprenderne gli effetti sia positivi sia negativi

La solitudine sofferenza e possibilità“La solitudine fa maturare l'originalità, la bellezza strana e inquietante, la poesia. Ma genera anche il contrario, lo sproporzionato, l'assurdo e l'illecito”.
Thomas Mann, 1912.

La solitudine dunque, come risorsa, come bisogno di ritrovare noi stessi, la nostra emotività, il nostro lato più artistico, ma anche al contempo, solitudine come fuga e distacco dalla realtà e dalle difficoltà.

Esiste dunque una solitudine sana, positiva e che va ricercata ed un’altra legata invece ad un condizione di profondo malessere, oggi purtroppo sempre più diffusa ad ogni fascia di età.

Bambini che hanno sempre più difficoltà a socializzare e giocare insieme, vittime del consumismo, dei giochi elettronici, cellulari ed altro. Adulti chiusi nel loro isolamento ed egoismo ed anziani sempre più soli. 

I dati ci confermano che è un fenomeno in continuo aumento. E’ una condizione umana che genera profonda sofferenza e si accompagna spesso a stati d’animo depressivi e di disperazione.

Un tempo era considerata un privilegio di artisti, intellettuali e poeti.

Pubblicità

Oggi purtroppo il male del secolo al quale diventa difficile sfuggire. Ma la vera solitudine, non è soltanto quella data dallo stare fisicamente soli, è qualcosa di ben più profondo e radicato, una nostra dimensione intima ed interna che ci portiamo dentro anche quando siamo in mezzo ad una folla.

Per cogliere meglio il fenomeno si può far riferimento a Bauman che ha spiegato il concetto di modernità liquida e solitudine del cittadino globale (nel libro "La solitudine del cittadino globale"), dove i legami tra le persone si sono “liquefatti” sono diventati effimeri, fugaci e precari.

Il risultato di tutto ciò è che gli individui sono afflitti dalla solitudine.

Nella società contemporanea, l’individuo è centrato esclusivamente su se stesso ed è così diventato egocentrico ed egoista. Viviamo in una epoca storica dove i rapporti sono “liquidi” e la modernità ha prodotto smarrimento e paura ed ha preso il posto della fiducia e della condivisione, pervasi da un vuoto che non è soltanto esterno ma che corrisponde ad un svuotamento anche interiore.

Instabilità, disorientamento, malessere, precarietà ed estraneità sono solo alcune delle conseguenze possibili. 

 

Articolo a cura della Dott.ssa Elisa Caponetti

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: solitudine

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Fisting

Il fisting è una pratica sessuale, è l'atto di inserire l'intera mano o anche di due mani contemporaneamente, dentro la vagina o il retto Naturalmente richiede una certa predisposizione fisica o una...

Altro

Perché la gente si tatua?

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi. Quando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni