Pubblicità

Castrazione (complesso di)

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 12147 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

complesso di castrazioneInsieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione.

La riattivazione di questa paura repressa, nell’adolescenza o nella vita adulta, è l’origine di molti disturbi sessuali, dall’inibizione del desiderio di impotenza nell’uomo, dalla difficoltà ad accettare il proprio ruolo, alla frigidità nella donna.

Secondo la teoria di Freud sulla sessualità infantile, il complesso di castrazione, con la relativa angoscia, nasce nell'immaginario del bambino, che nella fase edipica positiva del suo sviluppo emozionale si lega emotivamente al genitore di sesso opposto.

Nella fase fallica (tra i 4 e i 5 anni) la libido è centrata sugli organi genitali (pene e clitoride) e la sua soddisfazione è ottenuta tramite la masturbazione. In questa fase il bambino si trova a dover affrontare quella particolare situazione da Freud indicata come complesso di Edipo.

Il bambino che comincia a notare le differenze anatomiche tra l'uomo provvisto di pene e la donna che ne è priva, e che nelle sue fantasie masturbatorie vuole assumere il ruolo sessuale del genitore dello stesso sesso a danno di quello di sesso opposto, ritiene la castrazione la giusta punizione inflittagli da quest'ultimo per questi suoi desideri incestuosi. Per il bambino in fase edipica, cioè, l'assenza del pene nelle femmine non sta a significare una diversità anatomica costituzionale, ma l'amputazione dell'organo sessuale da parte di un genitore.

Pertanto la bambina, quando si accorge di non avere il pene, sviluppa un forte risentimento verso la madre che glielo ha tolto, mentre il bambino teme che questa parte del suo corpo, così investita libidicamente, fonte di tanto piacere durante la masturbazione, gli possa essere tolta dal padre per punirlo di questa sua illecita attività retta da fantasie incestuose.

In età adulta la castrazione non è più avvertita come minaccia gli effetti del complesso di castrazione continuano a sentirsi. Durante l'adolescenza il ragazzo avverte la competizione con gli altri maschi e con il proprio padre e l'affermazione della propria virilità fisica diventa una forma di rassicurazione. Nell'inconscio la fantasia di castrazione non viene eliminata e continua a vivere nei sogni, nelle fantasie e nei lapsus, raggiungendo a volte livelli pericolosi.

La psicologia moderna tende a ridimensionare le interpretazioni freudiane in una più completa visione della personalità nelle varie fasi di sviluppo.

Pubblicità

L’angoscia che nasce dal complesso di castrazione

Freud nei suoi scritti parla dell'angoscia da castrazione che colpisce il maschio adulto durante i rapporti sessuali. La vagina femminile viene vissuta inconsciamente come una voragine che inghiotte i genitali "colpevoli" e in generale porta l'uomo a non sentirsi all'altezza di un rapporto fisico, incapace di soddisfare le necessità di una donna. L'angoscia da castrazione si lega alla paura infantile causata dal complesso, ma origina dal rapporto con una madre esigente, mai soddisfatta del figlio che continua a punirlo come uomo adulto attraverso le altre donne.

 

Per approfondimento

  • Castrazione. Enciclopedia Treccani
  • Donato Dino Cafaro Il grande manuale di sessuologia in 2701 parole. Rizzoli
  • L'angoscia del complesso di castrazione. Di Francesca Cilento

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

News Letters

0
condivisioni