Pubblicità

Elettroshock

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2760 volte

1 1 1 1 1 1 Votazione 1.00 (1 Voto)

 

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità.

Le complicanze mediche più frequenti, tuttavia, possono essere:

  • Aritmie cardiache benigne;
  • Insufficienza coronarica ed infarto miocardico;
  • Broncoaspirazione di secrezioni;
  • Danni muscoloscheletrici;
  • Broncospasmo;
  • Alterazioni della sfera cognitiva: sono determinate dal fatto che la convulsione cerebrale generalizzata induce uno stato confusionale con disorientamento, la cui intensità è in rapporto al posizionamento degli elettrodi, alla quantità ed al tipo di corrente, al numero di applicazioni, ecc.
  • Deficit della memoria: un’amnesia sia anterograda che retrograda può essere riscontrabile a distanza di una settimana dalla fine del trattamento. Tuttavia, la maggior parte dei disturbi cognitivi e mnesici è reversibile e c’è un ritorno ai livelli di funzionamento pretrattamento nell’arco di circa 6 mesi.

In linea generale, è una terapia indicata per quelle patologie psichiche per le quali è stata dimostrata un’indiscutibile efficacia, ossia:

  • La depressione: grave; con melancolia grave, specie se accompagnata da rallentamento psicomotorio e deliri nichilistici o paranoidi; quando non risponde agli antidepressivi; in corso di schizofrenia; se sono presenti rischio suicidario marcato, sitofobia, eccessiva sofferenza soggettiva e condizioni che richiedono una rimozione urgente dei sintomi.
  • Psicosi maniaco-depressiva.
  • Alcune sindromi schizofreniche, soprattutto acute;
  • Negli stati confuso-onirici di origine tossica (alcol), tumorale, infettiva;
  • Condizioni catatoniche non comuni.

In genere la TEC agisce più rapidamente sul rallentamento motorio che sulla tristezza e le angosce. Per limitare questo fenomeno i medici prescrivono degli antidepressivi come prosecuzione del trattamento e, spesso, altre sedute di TEC, sempre più distanziate, per almeno sei mesi (terapia di proseguimento).

Pubblicità

La terapia fu sviluppata ed introdotta dai neurologi italiani Ugo Cerletti e Lucio Bini nell'aprile del 1938, quando la usarono su un paziente con sintomi di delirio, allucinazione e confusione. Poiché una serie di elettroshock terapeutici permisero al paziente di tornare ad uno stato mentale di normalità e di riprendere il suo lavoro, negli anni successivi, Cerletti ed i suoi collaboratori effettuarono regolarmente gli elettroshock terapeutici, valutando l'affidabilità della terapia e la sua sicurezza ed utilità nella pratica clinica, soprattutto per il trattamento della psicosi maniaco-depressiva, e dei casi più gravi di depressione. Il loro lavoro e le loro ricerche ebbero un'influenza notevole e l'uso della terapia si diffuse velocemente in tutto il mondo. Al fine di evitare le varie complicanze indotte da questa terapia, in specie osteoarticolari (lussazioni, fratture), nel corso degli anni vennero introdotte alcune varianti della tecnica, come la premedicazione con atropina, l’anestesia con tiopentone sodico e il rilasciamento muscolare con succinilcolina, nonché altre modifiche come il tipo di corrente impiegata, il posizionamento degli elettrodi, la frequenza ed il numero delle applicazioni, tendenti a ridurre l’incidenza di disturbi cognitivi e mnesici.

Dopo l’introduzione degli psicofarmaci, l’impiego della TEC si è notevolmente ridotto, anche a seguito di notevoli restrizioni legislative attuate in molti Paesi, nonché alla pubblicità negativa dettata da preconcetti ideologici ed emotivi. Nonostante ciò, in particolari condizioni psicopatologiche la TEC rimane ancora oggi la terapia più vantaggiosa, rispetto agli altri trattamenti disponibili. In Italia, in particolare, il riferimento legislativo principale è la circolare del Ministero della Salute del 15 febbraio 1999, la quale stabilisce che la TEC deve essere somministrata esclusivamente nei casi di "episodi depressivi gravi con sintomi psicotici e rallentamento psicomotorio", dopo avere ottenuto il consenso informato del paziente, al quale devono essere esposti i rischi ed i benefici del trattamento e le possibili alternative.

 

Bibliografia:

  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Pancheri P., Caredda M., Elettroshock, in L'universo del corpo, Vol. 3, Istituto della Enciclopedia italiana.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

Immagine: Credits: Atlanta Journal-Constitution archives at Georgia State University

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: Elettroshock

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni