Pubblicità

Telecamera Off durante le lezioni.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 720 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le lezioni/riunioni che avvengono on line vedono sempre piu' spesso, i giovani studenti e partecipanti, disattivare la propria immagine, mostrando scarsa partecipazione ed evitare feedback al relatore/docente. In questo studio scopriremo i principali motivi.

Telecamera Off durante le lezionijpg

La pandemia causata dal Covid ‐ 19 ha portato ad una diffusa necessità di svolgere le attività di istruzione online. I docenti hanno dovuto svolgere le lezioni e gli incontri utilizzando dei software di videoconferenza per mantenere le distanze sociali e prevenire la diffusione del virus. Molti educatori/docenti hanno affrontato diverse sfide, tra cui la sempre più frequente impossibilità di vedere gli alunni a causa della scelta da parte dei ragazzi, di disattivare la videocamera.

I vantaggi dell'apprendimento da remoto includono: opportunità di una maggiore interattività e coinvolgimento tra gli studenti, la presenza di feedback tempestivi e costruttivi e un apprendimento collaborativo in tempo reale. Inoltre, l'apprendimento sincrono aiuta a costruire un forte senso di comunità che favorisce le interazioni, le discussioni e la condivisione di idee.

Nello studio, che ha visto coinvolti 312 studenti universitari a cui è stato chiesto di partecipare alle riunioni on line (su piattaforma Zoom) con il proprio docente, non è stato invece chiesto di attivare la telecamera per osservare il loro comportamento in una normale giornata di studio. L'obiettivo era quello di quantifcare, indagare e comprendere i reali motivi per cui gli studenti non attivassero le loro fotocamere. L'indagine essendo stata condotta in un constesto particolare come quello pandemico non può non cosiderare l'aumentato livello di ansia e la depressione degli studenti universitari, inoltre, gli studenti di alcune popolazioni possono essere colpiti in modo sproporzionato dallo stress della pandemia.

Ci sono diversi motivi per cui gli studenti che hanno le telecamere accese possono usufruire di strumenti utili per l'apprendimento, giustificando l'incoraggiamento del team al loro utilizzo e ne esaminiamo alcuni qui:

  • Forse il vantaggio più evidente è la capacità di comunicare con segnali non verbali.
  • I docenti traggono vantaggio dal ricevere segnali non verbali dai loro studenti come sorrisi, cipiglio, cenni di testa, sguardi confusi e sguardi annoiati, in modo che possano valutare il loro insegnamento in tempo reale e adattarsi di conseguenza per migliorare l'apprendimento degli studenti.
  • Allo stesso modo, gli studenti traggono vantaggio dalla possibilità di vedere altri studenti durante l'apprendimento collaborativo.
  • Gli studenti con video, in aggiunta all'audio, erano più capaci degli studenti con solo audio di raccontare come gli altri membri del loro gruppo di studio stavano reagendo alle cose che dicevano durante l'apprendimento remoto.

Molti studenti avevano spesso scelto di lasciare le loro telecamere spente, come riferito dai docenti frustrati da questo atteggiamento. Il team dello studio si è posto il quesito su quali strategie potessero essere utilizzate per incoraggiare gli studenti ad accendere volontariamente le loro telecamere durante le sezioni.

Per sviluppare strategie basate sui dati, è stato chiesto agli studenti, alla fine del semestre il motivo che gli ha spinti a scegliere di non accendere le loro videocamere durante le lezioni. La domanda principale del sondaggio analizzata per lo studio corrente chiedeva: "Se hai mai interrotto il tuo video durante le riunioni della lezione su Zoom in diretta, perché l'hai lasciato spento?".

Motivi addotti dagli studenti universitari per non aver acceso le videocamere durante le riunioni di classe online:

  • Ero preoccupato per il mio aspetto
  • Ero preoccupato per le altre persone che si vedevano dietro di me (molto spesso le condizioni economiche che potevano essere osservate)
  • La mia connessione a Internet era debole
  • Mi sembrava che tutti mi guardassero per tutto il tempo
  • Ero preoccupato che la mia posizione fisica venisse vista dietro di me
  • Ero preoccupato di distrarre i miei compagni di classe
  • Ero preoccupato di distrarre il mio docente
  • Non volevo essere visto mentre ero distratto
  • Non volevo essere visto allontanarmi dal mio computer
  • Non volevo essere visto fare altre cose sul mio computer
  • La mia webcam non funzionava.

Invece di richiedere l'accensione delle videocamere, il consiglio del team è quello di incoraggiare promuovendo un ambiente scolastico inclusivo. "Sospettiamo che alcuni studenti non avranno bisogno di molto incoraggiamento, soprattutto in un'epoca di allontanamento sociale per combattere la pandemia".

Un primo passo per incoraggiare gli studenti a utilizzare le loro fotocamere è richiederlo esplicitamente. Uno degli studenti ha scritto: "... se mi viene chiesto di accendere la fotocamera, lo faccio", e un altro studente ha indicato di aver lasciato la fotocamera spenta perché quella era l'impostazione predefinita quando si collegava con Zoom. Un esempio di incoraggiamento potrebbe essere quello di menzionare alcuni dei molti vantaggi per l'uso della fotocamera nelle classi remote, come il valore dei segnali non verbali nella comunicazione, il miglioramento dell'efficacia del docente perchè non ha più la sensazione di parlare a se stesso, e costruire buone relazioni accademiche.

Pubblicità

Stabilire la "norma" che incoraggia l'uso della fotocamera dovrebbe anche aiutare ad affrontare il motivo più frequentemente citato dagli studenti per non accendere la fotocamera: la preoccupazione per il loro aspetto personale.

Se gli studenti anticipano che probabilmente vorranno tenere la fotocamera accesa durante la lezione, è probabile che preparino il loro aspetto, ad esempio, spazzolandosi i capelli e non indossando il pigiama. Potrebbe anche essere utile dire loro che un consiglio comune delle persone la cui carriera implica il lavoro da casa è di mantenere una routine che spesso include vestirsi e una buona igiene personale. Dobbiamo anche notare che il programma Zoom attualmente offre una funzione per "Ritoccare il mio aspetto", che aerografa il viso di un utente in tempo reale, sebbene non ne promuoviamo l'uso poiché sospettiamo che contribuisca agli effetti negativi di ideali di bellezza irrealistici nonostante essendo una manipolazione ovvia.

È stato dimostrato che uno stato di autoconsapevolezza pubblica, quando gli individui focalizzano la loro attenzione su aspetti del sé che possono essere percepiti dagli altri, è indotto dalla presenza di un pubblico o anche solo di una videocamera. Più simile alla videoconferenza, è stato dimostrato che la presenza di una telecamera e la visione della propria immagine video aumentano l'autoconsapevolezza pubblica in coppie di estranei impegnati in chat video. È logico che una videoconferenza come quelle di una riunione Zoom aumenterebbe anche l'autoconsapevolezza del pubblico.

Aumentare l'autoconsapevolezza del pubblico può aumentare la preoccupazione per il proprio aspetto personale in quanto questo è un aspetto del sé visibile al pubblico. Il livello di preoccupazione che uno studente ha per il proprio aspetto può essere dovuto a una serie di diversi fattori psicologici e sociali che sono al di fuori del controllo dell'istruttore, inclusi aspetti della personalità, cultura, genere e stato della relazione. Poiché tutti questi fattori non possono essere affrontati da un istruttore, ipotizziamo che se gli studenti si aspettano di accendere le loro telecamere, molto probabilmente prepareranno il loro aspetto in un modo che allevi le loro preoccupazioni individuali sull'essere visti.

Raggiungere gli studenti crea l'opportunità di farli sentire più accolti e di acquisire una migliore comprensione delle sfide che devono affrontare mentre imparano a distanza.

 

Riferimento:

  • Frank R. Castelli, Mark A. Sarvary. Why students do not turn on their video cameras during online classes and an equitable and inclusive plan to encourage them to do soEcology and Evolution, 2021; DOI: 10.1002/ece3.7123

 

 

(articolo a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: video-lezioni zoom teecamera off

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni