Pubblicità

Acrofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3144 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno stato di tensione e paura per una varietà di cose legate alla sensazione di essere lontano dal suolo.

acrofobia paura dellaltezzaA seconda della gravità della fobia, l'individuo potrebbe temere di trovarsi su un piano alto di un edificio tanto quanto semplicemente salire una scala.

Le condizioni correlate all'acrofobia e che possono verificarsi in concomitanza ad essa includono:

  • Vertigine: la vera vertigine è una condizione medica che provoca una sensazione di giramento e vertigini. Dal punto di vista psicologico, l'individuo può iniziare ad avere paura di sviluppare vertigini al punto da avvertire dei veri e propri sintomi vertiginosi. Qualora sono presenti sintomi di vertigine è importante consultare un medico al fine di escludere condizioni neurologiche.
  • Batmofobia: la paura di pendii e scale, chiamata batmofobia, è spesso legata all'acrofobia. Nella batmofobia, le persone possono sviluppare sensazioni di panico quando osservano un pendio ripido, anche se non devono necessariamente scalarlo. Sebbene molte persone affette da tale condizione non soffrano di acrofobia, la maggior parte dei pazienti che soffrono di acrofobia non sperimentano necessariamente anche la batmofobia.
  • Climacofobia: questa paura è legata alla precedente, tranne che per il fatto che generalmente si verifica solo quando si sta pensando di fare una scalata. La climacofobia può comunque verificarsi in tandem con l'acrofbia.
  • Aerofobia: è la paura specifica di volare. A seconda della gravità della paura, l'individuo potrebbe avere timore e ansia rispetto agli aeroporti e gli aerei, o semplicemente provare paura quando si trova in volo. Questo tipo di fobia può essere spesso associata all'acrofobia.

Sintomatologia

Emotivamente e fisicamente, la risposta all'acrofobia è simile alla risposta a qualsiasi altra fobia. Anche se non si manifestano necessariamente i sintomi delle vertigini, l'individuo potrebbe comunque provare:

Pubblicità

  • Sintomi emotivi: senso di panico quando percepisce di essere molto alto rispetto al suolo. Istintivamente potrebbe iniziare a cercare qualcosa a cui aggrapparsi e scoprire di non essere in grado di fidarsi del proprio senso dell'equilibrio. Le reazioni comuni includono discesa immediata, gattonare a quattro zampe, inginocchiarsi o abbassarsi con il corpo.
  • Sintomi fisici: l'individuo può iniziare a tremare, sudare, sentire le palpitazioni cardiache e persino piangere o urlare. Potrebbe inoltre avvertire un profondo senso di terrore e paralisi che rende difficile pensare in modo lucido.
  • Ansia ed evitamento: chi soffre di acrofobia, è probabile che inizi a temere situazioni che si svolgono ad una certa altezza. Ad esempio, potrebbe temere che una vacanza imminente potrebbe essere legata all'affittare una stanza di albergo che si trova ad un piano alto.

Cause e trattamento dell'acrofobia

La ricerca mostra che una certa riluttanza alle altezze è normale, non solo per gli esseri umani ma anche per il regno animale.

Nel 1960, i psicologi e ricercatori Elanor Gibson e Richard Walk hanno eseguito un esperimento denominato il “precipizio visivo” (Visual Cliff) che consisteva nel porre un neonato su un tavolo di legno e invitarlo a muoversi verso il prolungamento in vetro presente ad un'estremità: l'esperimento mostrava come i bambini desistessero dal procedere sulla lastra di vetro, dimostrando la capacità di percezione della profondità.

Nonostante la presenza della madre del bambino, che lo incoraggiava chiamandolo a sé, il bambino non si sentiva comunque al sicuro.

Pertanto, l'acrofobia sembra essere almeno parzialmente radicata, possibilmente come un meccanismo evolutivo di sopravvivenza.

L'acrofobia, al pari di tutte le altre fobie, sembra essere una iper-reazione della normale risposta alla paura.

Molti esperti ritengono che questa possa essere una risposta appresa da una caduta precedente o alla reazione nervosa di un genitore alle altezze.

Per quanto concerne il trattamento, la terapia cognitiva-comportamentale è il principale trattamento di scelta per le fobie specifiche.

Pubblicità

Le tecniche comportamentali che espongono gradualmente alla situazione temuta (desensibilizzazione sistematica) o rapidamente (Flooding) sono usate frequentemente.

Inoltre, viene insegnato all'utente come gestire la reazione di panico al fine di riguadagnare il controllo emotivo.

Per quanto concerne l'esposizione, tradizionalmente si ritiene che esporre le persone alle altezze sia la soluzione più comune. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che la realtà virtuale può essere altrettanto efficace.

Uno dei principali vantaggi del trattamento della realtà virtuale è il risparmio in termini di costi e tempi.

Dal punto di vista farmacologico, a volte i sedativi o i beta-bloccanti possono essere utilizzati per il sollievo a breve termine in situazioni specifiche per alleviare il panico e l'ansia avvertite.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: fobia acrofobia paura dell'altezza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni