Pubblicità

Paura

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2396 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

pauraLa paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o dinanzi a cosa o a fatto che sia, o si creda, dannoso.

Spesso è accompagnata da reazioni organiche, di cui è responsabile il sistema nervoso autonomo (SNA), che ha il compito di preparare l’organismo alla situazione di emergenza, attraverso atteggiamenti di attacco e fuga.

Freud distingue la paura, che richiede la presenza di un oggetto di cui si ha timore, dall’angoscia, che indica una certa situazione di attesa del pericolo, che può essere sconosciuto, e dallo spavento, che designa lo stato di chi si trova di fronte a un pericolo senza esservi preparato. Da qui, sono stati individuati differenti gradi di intensità di questa emozione, la quale può manifestarsi come:

  • Timore;
  • Ansia;
  • Paura;
  • Panico;
  • Terrore.

La paura è, quindi, un'emozione dominata dall'istinto, che ha come obiettivo la sopravvivenza del soggetto ad una suffragata situazione pericolosa. Di solito, accompagna ed è accompagnata da una modificazione della funzionalità organica e, in particolare, possono esserci:

  • Intensificazione delle funzioni fisiche e cognitive teoretiche con relativo innalzamento del livello di accortezza;
  • Difficoltà di applicazione intellettiva;
  • Fuga;
  • Protezione istintiva del proprio corpo (cuore, viso, organi genitali);
  • Ricerca di aiuto (sia articolato, sia racchiuso);
  • Calo della temperatura corporea;
  • Sudorazione;
  • Aumento adrenalinico;
  • Aumento dell'ansia.

Pubblicità

Sicuramente la paura ha una funzione positiva, così come il dolore fisico, di segnalare uno stato di emergenza ed allarme e di preparare la mente ed il corpo alla risposta. Inoltre, in tutte le specie studiate l'espressione della paura svolge la funzione di avvertire gli altri membri del gruppo circa la presenza di un pericolo e, quindi, di richiedere aiuto e soccorso. Ovviamente, se la paura viene estremizzata e resa eccessivamente intensa, diventando quindi ansia, fobia o panico, perde la funzione fondamentale e si converte in sintomo psicopatologico.

Per questo, le cure contro la paura si rivolgono solo a questi ultimi casi, per i quali si può scegliere, essenzialmente, tra due tipologie di trattamento:

  • L'approccio comportamentista mira all’eliminazione del sintomo della manifestazione della paura, attraverso tecniche di familiarizzazione ed assuefazione allo stimolo fobico, basate su meccanismi di condizionamento.
  • L'approccio cognitivista è finalizzato, invece, all’eliminazione della causa della paura, rivolgendosi alla percezione ed alla valutazione di stimoli o eventi etichettati come pericolosi.

 

Bibliografia:

• Enciclopedia Treccani.
• Krishnananda, Amana, A tu per tu con la paura, Feltrinelli.
• Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
• WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.
• Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: paura parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Editoriale

Il virus della mente

Nicola Ghezzani interviene, con un breve articolo, sulla "psicosi" da Corona Virus esplosa nel mondo ed in Italia. Conti alla mano, io ho circa 2.000 possibilità contro 1 di morire di infarto...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

News Letters

0
condivisioni