Pubblicità

Paura

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1590 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

pauraLa paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o dinanzi a cosa o a fatto che sia, o si creda, dannoso.

Spesso è accompagnata da reazioni organiche, di cui è responsabile il sistema nervoso autonomo (SNA), che ha il compito di preparare l’organismo alla situazione di emergenza, attraverso atteggiamenti di attacco e fuga.

Freud distingue la paura, che richiede la presenza di un oggetto di cui si ha timore, dall’angoscia, che indica una certa situazione di attesa del pericolo, che può essere sconosciuto, e dallo spavento, che designa lo stato di chi si trova di fronte a un pericolo senza esservi preparato. Da qui, sono stati individuati differenti gradi di intensità di questa emozione, la quale può manifestarsi come:

  • Timore;
  • Ansia;
  • Paura;
  • Panico;
  • Terrore.

La paura è, quindi, un'emozione dominata dall'istinto, che ha come obiettivo la sopravvivenza del soggetto ad una suffragata situazione pericolosa. Di solito, accompagna ed è accompagnata da una modificazione della funzionalità organica e, in particolare, possono esserci:

  • Intensificazione delle funzioni fisiche e cognitive teoretiche con relativo innalzamento del livello di accortezza;
  • Difficoltà di applicazione intellettiva;
  • Fuga;
  • Protezione istintiva del proprio corpo (cuore, viso, organi genitali);
  • Ricerca di aiuto (sia articolato, sia racchiuso);
  • Calo della temperatura corporea;
  • Sudorazione;
  • Aumento adrenalinico;
  • Aumento dell'ansia.

Pubblicità

Sicuramente la paura ha una funzione positiva, così come il dolore fisico, di segnalare uno stato di emergenza ed allarme e di preparare la mente ed il corpo alla risposta. Inoltre, in tutte le specie studiate l'espressione della paura svolge la funzione di avvertire gli altri membri del gruppo circa la presenza di un pericolo e, quindi, di richiedere aiuto e soccorso. Ovviamente, se la paura viene estremizzata e resa eccessivamente intensa, diventando quindi ansia, fobia o panico, perde la funzione fondamentale e si converte in sintomo psicopatologico.

Per questo, le cure contro la paura si rivolgono solo a questi ultimi casi, per i quali si può scegliere, essenzialmente, tra due tipologie di trattamento:

  • L'approccio comportamentista mira all’eliminazione del sintomo della manifestazione della paura, attraverso tecniche di familiarizzazione ed assuefazione allo stimolo fobico, basate su meccanismi di condizionamento.
  • L'approccio cognitivista è finalizzato, invece, all’eliminazione della causa della paura, rivolgendosi alla percezione ed alla valutazione di stimoli o eventi etichettati come pericolosi.

 

Bibliografia:

• Enciclopedia Treccani.
• Krishnananda, Amana, A tu per tu con la paura, Feltrinelli.
• Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
• WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.
• Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: paura parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni