Pubblicità

Acting out

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 57062 volte

4.75 1 1 1 1 1 Votazione 4.75 (16 Voti)

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso la parola e comunicabili solo attraverso l’agito.

acting out

Il termine Acting out, letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso la parola e comunicabili solo attraverso l’agito.

Il soggetto che mette in atto questo comportamento agisce in maniera poco riflessiva; l’azione, infatti, segue immediatamente l’impulso senza, in alcun modo, prendere in considerazione le possibili conseguenze del gesto.

Spesso è un atteggiamento tipico della fase adolescenziale. In questa particolare fase evolutiva, infatti, caratterizzata da continui cambiamenti l’individuo ha una scarsa capacità di contenere le angosce relative al processo di individuazione-separazione, tipico della fase adolescenziale, perdendo il controllo e sfociando in comportamenti aggressivi.

In un individuo la presenza di tale comportamento può essere considerata positivo se indica un cambiamento imminente e una maturazione della persona.

L’accezione del termine diventa negativa quando il soggetto non riesce ad accettare le tipiche trasformazione relative al proprio sé.

In casi estremi il comportamento può sfociare in Acting Out criminale, dove l’agito non può essere spiegato da una motivazione comprensibile ma rappresenta l’espressione di un conflitto interno, trasformato in una manifestazione concreta.

In ambito psicoanalitico viene considerato come un meccanismo di difesa caratterizzato da comportamenti aggressivi messi in atto per scaricare una tensione generata da un conflitto emotivo interno del paziente.

Freud definisce l’acting out come un atto aggressivo che insorge in una seduta analitica in conseguenza a dinamiche di transfert; tali azioni comprendono il gridare, l’agitarsi, il camminare, tirare oggetti, calci alle pareti, il rifiutarsi di parlare.

Pubblicità

Lacan, psichiatra e psicoanalista francese, invece, dopo l’osservazione di due casi clinici di Freud: ”Dora" e “Psicogenesi di un caso di omosessualità femminile" descrive tale meccanismo di difesa come un colpo di follia messo in atto dal soggetto,in maniera inconsapevole  per attenuare un angoscia incompresa e indecifrabile.

Alcuni studi neuroscientifici, condotti da Bateman e Fonagym , mettono in evidenza che alla base di questa cattiva condotta vi sia una incapacità da parte del soggetto di mentalizzazione (abilità che permette di riconoscere stati mentali propri e altrui e in base a ciò regolare il proprio comportamento), incapacità tipica della Personalità Borderline.

In particolari situazioni, vi è un’attivazione della corteccia prefrontale che innesca meccanismi di attacco-fuga, ne conseguono risposte di panico e comportamenti impulsivi, piuttosto che l'elaborazione mentale della situazione.

 

Per approfondimenti

  • Dizionario di scienze psicologiche. Edizione Simone
  • www.wikipedia.org
  • www.treccani.it
  • www.lafrusta.net

(A cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: angoscia acting out meccanismo di difesa azioni aggressive vissuti conflittuali agito fase evolutiva conflitto interno corteccia prefrontale

0
condivisioni

Guarda anche...

Per saperne di più

Il tema dell'abbandono

La sindrome dell’abbandono nell'adulto nasce da un’identità profondamente personale che ha a che fare con l’individuale e che sul piano relazionale si propone solo in quanto ripercussione. di Tamara...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

News Letters

0
condivisioni