Pubblicità

Demenza Semantica

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6227 volte

4 1 1 1 1 1 Votazione 4.00 (2 Voti)

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è caratterizzato da una progressiva alterazione del linguaggio.

demenza semantica

È una sindrome comportamentale che risulta dalla degenerazione del sistema neurale che sottende la memoria semantica, comprendente la parte laterale e interiore dei lobi temporali e il polo temporale bilateralmente.

I pazienti con deficit di memoria semantica mostrano una memoria episodica intatta (ricordano gli appuntamenti, i volti delle persone nuove, apprendono un percorso), ma hanno perso le conoscenze relative al significato delle parole, ai simboli verbali, alle regole e formule necessarie per manifestare i concetti. Sono perse anche le informazioni non strettamente verbali, quali l’immaginazione di oggetti di uso comune, il volto di una persona celebre, le conoscenze generali del mondo, imparate a scuola o acquisite attraverso i mezzi di comunicazione. Quindi, l’essenza del disturbo consiste nella perdita delle conoscenze relative ai concetti, agli oggetti, alle persone, ai fatti e al significato delle parole.

Il disturbo iniziale è rappresentato da un’anomia, cioè da una difficoltà nel trovare i nomi delle cose e delle persone, cui si aggiunge anche un disturbo nella comprensione di singole parole. Invece, altri aspetti del linguaggio, che non richiedono un’elaborazione semantica (fonologia e sintassi), sono del tutto preservati. Il paziente cade nelle prove di denominazione o di comprensione delle singole parole, invece la produzione è disinvolta e non si cercano le parole perse, si parla rimanendo all'interno dei confini del vocabolario accessibile. Sebbene il contenuto diventi progressivamente vuoto e stereotipato a causa del ristretto repertorio del vocabolario, la natura disinvolta del discorso del paziente non rende il disturbo immediatamente evidente dal punto di vista clinico.

Gli altri sistemi di memoria (MBT e memoria episodica) sono risparmiati; ne consegue che il paziente ricorda gli episodi della propria vita, gli appuntamenti, le cose da fare, le persone che incontra, ma non i nomi e non è in grado di rievocare gli eventi pubblici che fanno parte della sua memoria enciclopedica. Analogamente, esegue bene prove di MBT, sia verbale che spaziale, e di memoria episodica.

Sono nella norma le abilità cognitive che non hanno attinenza con la semantica: ad esempio, il paziente non è disorientato, non ha deficit nella percezione visiva di angolazioni (giudizio di orientamento di linee), aprassia costruttiva, né deficit di intelligenza non verbale o di attenzione selettiva.

Il disturbo può poi progressivamente interessare anche gli aspetti semantici non verbali, come la memoria per odori, sapori, materiali e suoni, in presenza di capacità sensoriali elementari preservate; infatti i pazienti non hanno difficoltà nel notare la presenza di stimoli visivi, uditivi, tattili od olfattori e nel distinguere se due stimoli sono uguali o differenti. La difficoltà si trova, a livello semantico, nell'assegnare una identità a stimoli che sono normalmente percepiti. Perciò nei test i pazienti portano normalmente a termine compiti di associazione percettiva che richiedono loro di giudicare se due o tre oggetti simili siano identici, finché questo richiede delle abilità di discriminazione percettiva e non di riconoscimento dell'identità degli oggetti.

Pubblicità


Per contro, essi possono avere difficoltà nel giudicare quale di due o tre animali (es. due cani e un gatto) sono dello stesso tipo, dal momento che questo richiede la abilità di classificare correttamente gli stimoli rispettando la categoria semantica. Se i pazienti percepiscono normalmente e la difficoltà concerne l'assegnazione del significato al percetto, allora si potrebbe prevedere che i pazienti siano in grado di riprodurre accuratamente quello che vedono; difatti questo è esattamente quello che succede. Una caratteristica evidente della demenza semantica è la conservata abilità di copiare disegni di oggetti nonostante la mancanza di riconoscimento da parte del paziente dei suddetti.

I deficit semantici che insorgono in pazienti con degenerazione cerebrale focale spesso non vengono riconosciuti clinicamente perché:

  •   Le lamentele soggettive proprie dei pazienti sottolineano esclusivamente la povertà di "memoria", rinforzata dalla scadente performance ad un test standard per la memoria verbale o visiva. Di conseguenza, i sintomi sono frequentemente interpretati come prova di amnesia e i pazienti sono erroneamente considerati come affetti da Alzheimer.
  • Il disturbo semantico spesso non appare nel colloquio clinico in quanto  la produzione verbale del paziente, fluente e scorrevole, maschera il sottostante danneggiamento semantico. Similmente, la capacità di gestire il proprio ambiente visivo e l’abilità nel manipolare gli oggetti, entrambe conservate, possono oscurare il fallimento nel riconoscimento dell’oggetto. E' solo a test mirati riguardanti la comprensione verbale, la denominazione e il riconoscimento di volti e oggetti che il disturbo diventa evidente.

  • La conoscenza semantica non subisce un deterioramento totale o nullo; la perdita concettuale è più parziale che assoluta. Un paziente può, per esempio, sapere che il cane è un animale anziché qualcosa da mangiare, ma non sapere quanto è diverso da un gatto. Di conseguenza l'uso da parte del paziente del vocabolario e il comportamento rispetto agli oggetti che lo circondano appare largamente appropriato fino a quando i concetti non sono fortemente degradati (e questo accade nelle ultime fasi della malattia).

E' forse per questi motivi che i pazienti spesso hanno già dei severi deficit semantici, al momento in cui si presentano per la prima volta all'attenzione medica: sottili deterioramenti semantici rimangono nascosti nella vita quotidiana e non sorgono motivi per occuparsene.

 

Per approfondimenti:

  •  Manuale di Neuropsicologia, Ed. Il Mulino
  •  Neuropsy.it

 

(a cura della Dottoressa Marrone Benedetta)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: demenza semantica linguaggio demenza frontotemporale memoria semantica

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters

0
condivisioni