Pubblicità

Sindrome di Wanderlust

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 27511 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti

Sindrome di WanderlustLe persone che hanno una voglia perenne di partire, che parlano spesso dei paesi visitati e consultano continuamente i siti internet di viaggio, non sono "fanatici" ma affetti da una vera e propria Sindrome chiamata Wanderlust.

Il termine tedesco “Wanderlust” deriva dall’unione di due parole, “Wander” (girovagare) e “Lust” (desiderio), ed è una vera e propria ossessione caratterizzata dall'incontrollabile impulso di partire per fuggire in qualunque luogo del mondo, sempre alla ricerca di angoli nuovi. È un modo per sfogare le proprie insoddisfazioni quotidiane.

Diverse ricerche scientifiche sembrano aver dimostrato che i malati di viaggi (i “wanderlaster”) sono tali perché ce l’hanno scritto nel DNA. Una ricerca, pubblicata sulla rivista “Evolution and Human Behaviour” afferma con certezza di aver individuato il cosiddetto “gene del viaggio”, denominato appunto “Gene di Wanderlust”.

A svelare chi sono i veri viaggiatori sarebbe, dunque, il nostro DNA. Il "gene del viaggio", denominato DRD4 7r, sarebbe il recettore della Dopamina D4 che regola il livello di curiosità e rende sensibili agli stimoli esterni. La sua funzione, pertanto, è collegata a quella della Dopamina che svolge un'azione fondamentale nel determinare gli equilibri dell'umore.

L'entusiasmo e l'emozione che si provano prima di intraprendere un viaggio o di avventurarsi in mete sconosciute potrebbero essere solo una "magia" compiuta da questo gene. Non tutti, però, sentono il bisogno di viaggiare: solo il 20% della popolazione ha alti livelli di DRD4 7r nel proprio corredo genetico.

La maggior parte di questi viaggiatori sono localizzati in zone del mondo in cui, storicamente, gli spostamenti erano frequenti. A supporto di questo è quanto riferito dallo studioso Chaunsheng Chen, secondo il quale è più facile che il gene si trovi in popoli che migravano frequentemente e percorrevano notevoli distanze centinaia di anni fa.

Un ulteriore studio, condotto da David Dobbs della National Geographic, supporta queste teorie. Secondo il ricercatore, il DRD4 7r è il diretto responsabile della passione e dell’amore per tutto ciò che è esotico e sconosciuto. Il gene del viaggio si riscontra in quelle persone maggiormente propense ad affrontare i rischi, a provare i cibi insoliti, ad avere un maggior numero di relazioni sociali e sperimentare avventure nuove.

Comparando il corredo genetico delle popolazioni più sedentarie e quelle che tendono a spostarsi, anche David Dobbs, come Chaunsheng Cheng, ha notato che geni di questo tipo erano più frequenti nelle popolazioni i cui antenati avevano percorso lunghe distanze, partendo dalla lontana Africa.
Pertanto, le persone affette da questa sindrome sono geograficamente collocate in aree del mondo in cui storicamente i viaggi sono sempre stati incoraggiati, da cui già milioni di anni fa migrarono i primi uomini.

Entro questi termini non sembrerebbe proprio una brutta malattia, ma un impulso vecchio quanto l’uomo, che spingerebbe ad andare verso l’ignoto e a superare le barriere culturali e geografiche. Però se i suoi sintomi sono estremizzati possono determinare una vera e propria patologia, soprattutto quando il desiderio di viaggiare diventa un’ossessione e la voglia di fuggire un impulso irrefrenabile.

Pubblicità

Il sintomo più rilevante è la necessità viscerale di viaggiare, conoscere posti e gente nuova, fare esperienze inconsuete. È l’impulso incontrollato di navigare spesso su internet alla ricerca di siti specializzati di viaggi, voli o treni economici, insomma offerte di qualunque tipo.
Sul cellulare di un vero Wanderluster non mancano applicazioni di compagnie aeree, hotel e mappe; così come, nella libreria, sempre presenti sono le guide turistiche, i manuali di viaggio e il mappamondo.

I Wanderluster seguono sempre i programmi televisivi che parlano di viaggi, sono amanti dei documentari e guardano film ambientati in luoghi particolari della Terra per viaggiare con la fantasia e prendere spunto per un nuovo itinerario.
Chi è affetto da tale sindrome decide di investire i propri guadagni in partenze e fa nuove conoscenze in qualunque viaggio; con la scusa di tornarci nuovamente, ha sempre la valigia pronta.

 

per approfondimenti

  • www.huffingtonpost.it
  • www.panorama.it
  • www.travelstories.it
  • www.siviaggia.it

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: dopamina ossessione desiderio Sindrome di Wanderlust impulso viaggiare insoddisfazioni gene del viaggio corredo genetico wanderluster

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

News Letters

0
condivisioni