Pubblicità

Dacrifilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3006 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere. 

dacrifilia

L'attrazione sessuale scaturisce proprio dalla produzione di lacrime relative al pianto, casusata da un forte stress emotivo. È una pratica sessuale insolita e sta diventando sempre più di moda.

Il piacere che si prova è quello di essere di aiuto al partner. Di solito, quando una persona piange, lo fa per manifestare un malessere, legato ad uno stato di tristezza, di debolezza o di stress.

Il dacrofilo è colui che, vedendo piangere il proprio partner, è felice di poterlo soccorrere e di aiutarlo in quel difficile momento e non riesce a fare a meno di provare una forma di eccitazione sussuale che può portare anche a un intenso orgasmo.

Inoltre questa pratica può essere di due tipi:

  • Attiva: quando una persona prova piacere nel vedere il pianto altrui;
  • Passiva: quando è proprio colui che piange a provare piacere, poichè il pianto è accompagnato da un cambiamento della propria situazione emotiva, durante la quale, grazie alla produzione di lacrime, vi è un produzione di endorfine, che innalzano l'umore del soggetto, quindi il dacrifilo può utilizzare il pianto come si userebbero dei farmaci regolatori dell’umore.

Pubblicità

Questa pratica viene affiancata al masochismo, ossia una forma di eccitazione che si prova quando si vede una persona soffrire. Può essere interpretata come una forma di umiliazione da parte di un soggetto a discapito di un altro.

Così facendo, la persona che domina può controllare le emozioni del sottomesso, provocandogli il pianto attraverso degli insulti o anche dolore fisico, ponendosi in una posizione di superiorità psicologica rispetto a esso.

“La dacrifilia è sempre e comunque una percezione di disparità, un momento in cui si vede l’altro in uno stato di fragilità/inferiorità” sostiene lo psicoterapeuta Alessandro Pedrazzi.

Il soggetto dacrifilo sente questo bisogno di dominare e questa situazione potrebbe sfociare in forme più forti di potere psicologico che potrebbero rendere difficile la vita del partner. In questi casi, dove la situazione sfugge di mano, è bene rivolgersi ad uno specialista o ad un sessuologo che può aiutare la coppia a vivere questa perversione in modo sano e salutare per entrambi.

 

Per approfondimenti

  • wikipedia.org
  • psicologoinrete.com

 

(a cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 



Tags: sesso dizionario di psicologia le parole della psicologia dacrifilia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Fisting

Il fisting è una pratica sessuale, è l'atto di inserire l'intera mano o anche di due mani contemporaneamente, dentro la vagina o il retto Naturalmente richiede una certa predisposizione fisica o una...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni