Pubblicità

Dacrifilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1302 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere. 

dacrifilia

L'attrazione sessuale scaturisce proprio dalla produzione di lacrime relative al pianto, casusata da un forte stress emotivo. È una pratica sessuale insolita e sta diventando sempre più di moda.

Il piacere che si prova è quello di essere di aiuto al partner. Di solito, quando una persona piange, lo fa per manifestare un malessere, legato ad uno stato di tristezza, di debolezza o di stress.

Il dacrofilo è colui che, vedendo piangere il proprio partner, è felice di poterlo soccorrere e di aiutarlo in quel difficile momento e non riesce a fare a meno di provare una forma di eccitazione sussuale che può portare anche a un intenso orgasmo.

Inoltre questa pratica può essere di due tipi:

  • Attiva: quando una persona prova piacere nel vedere il pianto altrui;
  • Passiva: quando è proprio colui che piange a provare piacere, poichè il pianto è accompagnato da un cambiamento della propria situazione emotiva, durante la quale, grazie alla produzione di lacrime, vi è un produzione di endorfine, che innalzano l'umore del soggetto, quindi il dacrifilo può utilizzare il pianto come si userebbero dei farmaci regolatori dell’umore.

Pubblicità

Questa pratica viene affiancata al masochismo, ossia una forma di eccitazione che si prova quando si vede una persona soffrire. Può essere interpretata come una forma di umiliazione da parte di un soggetto a discapito di un altro.

Così facendo, la persona che domina può controllare le emozioni del sottomesso, provocandogli il pianto attraverso degli insulti o anche dolore fisico, ponendosi in una posizione di superiorità psicologica rispetto a esso.

“La dacrifilia è sempre e comunque una percezione di disparità, un momento in cui si vede l’altro in uno stato di fragilità/inferiorità” sostiene lo psicoterapeuta Alessandro Pedrazzi.

Il soggetto dacrifilo sente questo bisogno di dominare e questa situazione potrebbe sfociare in forme più forti di potere psicologico che potrebbero rendere difficile la vita del partner. In questi casi, dove la situazione sfugge di mano, è bene rivolgersi ad uno specialista o ad un sessuologo che può aiutare la coppia a vivere questa perversione in modo sano e salutare per entrambi.

 

Per approfondimenti

  • wikipedia.org
  • psicologoinrete.com

 

(a cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 



Tags: sesso dizionario di psicologia le parole della psicologia dacrifilia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters

0
condivisioni