Pubblicità

Dacrifilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1937 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere. 

dacrifilia

L'attrazione sessuale scaturisce proprio dalla produzione di lacrime relative al pianto, casusata da un forte stress emotivo. È una pratica sessuale insolita e sta diventando sempre più di moda.

Il piacere che si prova è quello di essere di aiuto al partner. Di solito, quando una persona piange, lo fa per manifestare un malessere, legato ad uno stato di tristezza, di debolezza o di stress.

Il dacrofilo è colui che, vedendo piangere il proprio partner, è felice di poterlo soccorrere e di aiutarlo in quel difficile momento e non riesce a fare a meno di provare una forma di eccitazione sussuale che può portare anche a un intenso orgasmo.

Inoltre questa pratica può essere di due tipi:

  • Attiva: quando una persona prova piacere nel vedere il pianto altrui;
  • Passiva: quando è proprio colui che piange a provare piacere, poichè il pianto è accompagnato da un cambiamento della propria situazione emotiva, durante la quale, grazie alla produzione di lacrime, vi è un produzione di endorfine, che innalzano l'umore del soggetto, quindi il dacrifilo può utilizzare il pianto come si userebbero dei farmaci regolatori dell’umore.

Pubblicità

Questa pratica viene affiancata al masochismo, ossia una forma di eccitazione che si prova quando si vede una persona soffrire. Può essere interpretata come una forma di umiliazione da parte di un soggetto a discapito di un altro.

Così facendo, la persona che domina può controllare le emozioni del sottomesso, provocandogli il pianto attraverso degli insulti o anche dolore fisico, ponendosi in una posizione di superiorità psicologica rispetto a esso.

“La dacrifilia è sempre e comunque una percezione di disparità, un momento in cui si vede l’altro in uno stato di fragilità/inferiorità” sostiene lo psicoterapeuta Alessandro Pedrazzi.

Il soggetto dacrifilo sente questo bisogno di dominare e questa situazione potrebbe sfociare in forme più forti di potere psicologico che potrebbero rendere difficile la vita del partner. In questi casi, dove la situazione sfugge di mano, è bene rivolgersi ad uno specialista o ad un sessuologo che può aiutare la coppia a vivere questa perversione in modo sano e salutare per entrambi.

 

Per approfondimenti

  • wikipedia.org
  • psicologoinrete.com

 

(a cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 



Tags: sesso dizionario di psicologia le parole della psicologia dacrifilia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

News Letters

0
condivisioni