Pubblicità

Dacrifilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 279 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere. 

dacrifilia

L'attrazione sessuale scaturisce proprio dalla produzione di lacrime relative al pianto, casusata da un forte stress emotivo. È una pratica sessuale insolita e sta diventando sempre più di moda.

Il piacere che si prova è quello di essere di aiuto al partner. Di solito, quando una persona piange, lo fa per manifestare un malessere, legato ad uno stato di tristezza, di debolezza o di stress.

Il dacrofilo è colui che, vedendo piangere il proprio partner, è felice di poterlo soccorrere e di aiutarlo in quel difficile momento e non riesce a fare a meno di provare una forma di eccitazione sussuale che può portare anche a un intenso orgasmo.

Inoltre questa pratica può essere di due tipi:

  • Attiva: quando una persona prova piacere nel vedere il pianto altrui;
  • Passiva: quando è proprio colui che piange a provare piacere, poichè il pianto è accompagnato da un cambiamento della propria situazione emotiva, durante la quale, grazie alla produzione di lacrime, vi è un produzione di endorfine, che innalzano l'umore del soggetto, quindi il dacrifilo può utilizzare il pianto come si userebbero dei farmaci regolatori dell’umore.

Pubblicità

Questa pratica viene affiancata al masochismo, ossia una forma di eccitazione che si prova quando si vede una persona soffrire. Può essere interpretata come una forma di umiliazione da parte di un soggetto a discapito di un altro.

Così facendo, la persona che domina può controllare le emozioni del sottomesso, provocandogli il pianto attraverso degli insulti o anche dolore fisico, ponendosi in una posizione di superiorità psicologica rispetto a esso.

“La dacrifilia è sempre e comunque una percezione di disparità, un momento in cui si vede l’altro in uno stato di fragilità/inferiorità” sostiene lo psicoterapeuta Alessandro Pedrazzi.

Il soggetto dacrifilo sente questo bisogno di dominare e questa situazione potrebbe sfociare in forme più forti di potere psicologico che potrebbero rendere difficile la vita del partner. In questi casi, dove la situazione sfugge di mano, è bene rivolgersi ad uno specialista o ad un sessuologo che può aiutare la coppia a vivere questa perversione in modo sano e salutare per entrambi.

 

Per approfondimenti

  • wikipedia.org
  • psicologoinrete.com

 

(a cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 



Tags: sesso dizionario di psicologia le parole della psicologia dacrifilia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni