Pubblicità

"E’ mio!": Psicologia e proprietà

0
condivisioni

on . Postato in Crescita personale | Letto 194 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Psicologia e proprietà. Un breve viaggio tra le sfumature di un concetto facile da intuire, ma difficile da spiegare.

psicologia e proprietàMio!” è una della prime parole che imparano i bambini.

Questo è comprensibile, se consideriamo che la nostra società è radicata nei concetti di proprietà, di possesso, di cosa è tuo e di cosa è mio.

Cosa vuol dire realmente che una cosa è mia?

In giurisprudenza, “proprietà” fa parte della terminologia specifica.

Un modo per definire questo concetto è “nient’altro che la base di un’aspettativa, l’aspettativa di avere alcuni vantaggi da una cosa che diciamo di possedere, in conseguenza della relazione che abbiamo con essa” (Jeremy Benthan, Theory of Legislation, 111-12, C.K. Ogden, ed. 1931).

L’autore cerca di spiegare, quindi, che la proprietà “non è materiale, è metafisica… una mera concezione della mente”.

Ma, riflettendoci, anche la parola “possesso” è ambigua, poiché essa è usata per riferirsi sia all’atto fisico del potere, che al controllo effettuato su qualcosa, che, infine, ad un diritto legale.

Pubblicità

Il Dott. Harold Demsetz, professore emerito di Economia alla University of California at Los Angeles (UCLA), ha fornito una spiegazione fondamentale per poter capire il concetto di proprietà, affermando che la sua “principale funzione allocativa” è “l’internalizzazione degli effetti benefici e nocivi (Harold Demsetz, Toward a Theory of Property Rights, in Perspectives on Property Law, 135, 137, Robert C. Ellickson, Carol M. Rose & Bruce A. Ackerman et al., eds., 2002).    

Detta con parole più semplici, ciò significa che l’essenza di possedere qualcosa è questa: godere dei suoi benefici, ma anche subire i suoi svantaggi.

Come nasce una proprietà?

Una risposta può essere trovata nel “Second Treatise on Civil Government” del filosofo inglese John Locke.

In questo trattato, egli ha proposto che, poiché ciascuna persona possiede il suo corpo, allora la proprietà può essere estesa al lavoro fatto con il corpo: cioè, quando un individuo indirizza il suo lavoro (quindi, la sua proprietà) verso una cosa esterna, quest’ultima può diventare sua.

Bisogna notare, però, che la teoria di Locke parla di lavoro manuale o fisico (il suo esempio classico è quello in cui se si raccoglie una mela da un albero, si ottiene la sua proprietà).

Al contrario, secondo un nuovo studio, dovremmo considerare l’importanza del lavoro creativo.

In esso, infatti, i ricercatori verificarono se i bambini in età prescolare e gli adulti ritenessero possibile trasferire la proprietà di una persona ad un’altra, dopo che quest’ultima aveva effettuato un lavoro creativo su di essa.

Gli studiosi hanno trovato che i partecipanti avevano più possibilità di far cedere la proprietà al secondo individuo, se egli aveva effettuato un tipo di lavoro creativo sull’oggetto, che dopo qualsiasi altra forma di manipolazione (afferrare l’oggetto, apportarvi piccoli cambiamenti).

I ricercatori notarono, inoltre, che questo effetto era significativamente più marcato nei bambini di età prescolare, che negli adulti.

Conclusioni

A parte il dibattito se il lavoro debba essere manuale o creativo, in questo studio è stata messa in luce una delle cose più interessanti: il concetto di proprietà è impermeato nella nostra cultura e nella nostra vita sociale, in ogni fase ed ambito della nostra vita, che sia studiata da stimati professori, che sia oggetto di dissertazione da parte dei grandi filosofi occidentali, o che sia rivendicata dai bambini durante i loro giochi

 

(a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni