Pubblicità

Paranoia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2181 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotato di una propria logica interna, non associato ad allucinazioni e senza il deterioramento delle funzioni psichiche al di fuori dell’attività delirante.

Lo spettro dei suoi fenomeni va dalla personalità paranoica, a quella reattiva (sociale, ambientale, traumatica e da separazione), alla possibile ciclicità, tra fasi di rilancio e fasi depressive, fino a sviluppare in alcuni casi un’ideazione delirante cronica con contenuti verosimili.

Il termine, che deriva dal greco παράνοια, ovvero "follia, insensatezza", è stato usato con diverse sfumature di significato. Dopo decenni di discussioni e di studi, riguardanti essenzialmente la possibilità di inquadrare la paranoia come sottotipo della schizofrenia, o di ritenerla una malattia a sé, oppure di considerarla come tratto o stile che compare su uno spettro che va dal normale al patologico, la definizione attuale, cioè quella data nel DSM-IV (Diagnostic and statistical manual of mental Disorders) dell'American Psychiatric Association, torna a essere molto simile a quella formulata da E. Kraepelin (1915): "la caratteristica essenziale della paranoia è data dallo sviluppo insidioso di un sistema delirante, permanente e incrollabile, accompagnato dalla preservazione di un pensiero chiaro (cioè non confuso) e ordinato (cioè non dissociato). Le emozioni e il comportamento sono adeguati al sistema delirante. Spesso il soggetto si considera dotato di capacità uniche e superiori.

Frequente è il delirio cronico di gelosia. Ad oggi, questa terminologia è stata sostituita dal concetto, più generale, di disturbo delirante. Quando non si presenta in questa forma, nel suo senso vero e proprio, prevede l’assenza di deliri bizzarri ed il comportamento della persona non risulta particolarmente bizzarro o stravagante, rendendone, così, difficili l’individuazione e la diagnosi.

Una condizione di paranoia può, però, manifestarsi non solo come sottotipo persecutorio del disturbo delirante, ma anche a seguito di altre condizioni, tra le quali troviamo:

  • L’assunzione di sostanze stimolanti, quali cocaina e anfetamine;
  • La schizofrenia, che spesso presenta manifestazioni di bizzarria ed allucinazioni uditive o visive, viceversa assenti nel disturbo delirante;
  • In concomitanza di Disturbi dell’Umore (in questo caso con manifestazioni psicotiche);
  • Nel Disturbo Paranoide di Personalità, in cui le ideazioni paranoidi non sono altrettanto nette e persistenti.

Nel linguaggio quotidiano, il termine paranoia è usato, spesso, per definire condizioni, non prettamente patologiche, in cui una persona si ritiene vittima di persecuzioni o, ancora, per connotare persone più semplicemente caratterizzate da ansia ed apprensione.

Pubblicità

E’ importante sottolineare che i sintomi del delirio (interpretazioni, illusioni, percezioni deliranti, attività allucinatorie, fabulazioni, intuizioni) sono tutti riconducibili ad una patologia della 'convinzione', che si manifesta, in questo caso, con le idee di essere spiati, pedinati, essere vittime di complotti, attentati o avvelenamenti. Quindi, la paranoia comporta una tendenza a non fidarsi dell’altro, percepito come mal intenzionato nei propri confronti, ad averne paura, ad essere sospettosi e guardinghi.

Queste persone, infatti, non si confidano e non entrano facilmente in intimità con gli altri, poiché temono che le informazioni rivelate possano essere utilizzate contro di loro, interpretano gli errori delle persone come un imbroglio nei loro confronti (una battuta scherzosa diventa un attacco, un complimento diventa un modo elegante di esprimere una critica, un’offerta d’aiuto, anche se ricevuta da una persona cara, si trasforma in una dichiarazione di incapacità), controllano i propri partner per evitare di essere traditi, mettendone continuamente in dubbio le azioni e le intenzioni. Ma, allo stesso tempo, la credenza, per la quale tutti ce l’avrebbero con loro, sottende a quella di essere persone sempre al centro dei pensieri di tutti, sentimento che li spinge, a volte, a mostrare le loro fantasie grandiose ed irrealistiche e ad essere per questo percepiti come fanatici, narcisisti e vanitosi.

Un intervento terapeutico per questo disturbo andrebbe diretto in due sensi:

  • Farmacologico, per limitare il procedere della malattia e dei sintomi deliranti. I farmaci di uso comune in queste situazioni sono i neurolettici, che, però, hanno il limite di diminuire i propri effetti nel tempo, particolare molto importante quando si ha a che fare con terapie croniche.
  • Psicoterapia, per salvare quanto ci sia di sano in questi pazienti.

 

Bibliografia:

  • American psychiatric association, Diagnostic and statistical manual of mental disorders (DSM-IV), Washington, APA Press, 1994 (trad. it. Milano, Masson).
  • Enciclopedia Treccani.
  • Kraepelin E., Psychiatrie, Leipzig, Barthes, 1915.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.

 

(Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: paranoia disturbo paranoideo disturbo delirante

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realtà e la formulazione di giudizi; l’ideazione è il...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni