Pubblicità

Psicoterapia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1251 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche.

psicoterapia termine

La Psicoterapia identifica ogni forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi mentali, emotivi e comportamentali, impostato e condotto a termine con tecniche psicologiche, ispirato a principi e metodi diversi, con il fine di migliorare l’adattamento dei pazienti all’esistenza e alla realtà circoscrivendo cause e natura di disadattamenti, conflitti, situazioni critiche: cosicché si parla di psicoterapia individuale o di psicoterapia di gruppo (o di psicoterapia della famiglia), a seconda che l’intervento sia effettuato su uno o più individui coinvolti nell’azione prescelta.

Mezzi della psicoterapia sono il dialogo tra il terapeuta e il paziente (psicoterapia dialogica), l’investigazione sulle situazioni conflittuali (psicoterapia analitica), l’offerta di sostegno negli stati critici (psicoterapia di appoggio o di sostegno) anche con intensità atta a fronteggiare casi urgenti (psicoterapia breve). Si parla altresì di psicoterapia comportamentale, con riferimento a interventi che sono rivolti al cambiamento diretto dei comportamenti di un individuo piuttosto che all’individuazione delle loro cause; e di psicoterapia cognitivista quando si focalizzano i processi cognitivi (percettivi, mnemonici, associativi, ecc.) che stanno alla base del comportamento patologico.

Il campo della psicoterapia è così vasto da richiedere, per potersi orientare, dei criteri di suddivisione.

IL CRITERIO DEL METODO - Prima distinzione tra terapie fondate sul rapporto umano paziente-terapeuta e terapie fondate su procedure tecnico sperimentali. Rientrano nel primo gruppo le psicologie ad orientamento psicoanalitico, che possono essere individuali o di gruppo e si propongono una modificazione strutturale della personalità attraverso il superamento della nevrosi di transfert e della sottostante nevrosi infantile.

A questo gruppo appartengono la psicoanalisi, la psicologia individuale, la psicologia analitica e le forme psicoterapiche che fanno riferimento ai diversi orientamenti della psicologia del profondo. Nel secondo gruppo rientrano invece le terapie comportamentali che si propongono una modificazione del sintomo che si fa risalire ad un apprendimento inadeguato attraverso un "ricondizionamento" del soggetto con un apprendimento più adeguato, e le tecniche biofeedback per la cura dei disturbi psicosomatici attraverso il controllo appreso delle funzioni fisiologiche.

A metà strada tra questi due tipi di terapia ci sono le forme di cura basate sul metodo della suggestione, come l'ipnosi dove esiste un rapporto di transfert senza di cui non sarebbe possibile indurre il restringimento di coscienza necessario per l'eliminazione di certi sintomi, e il training autogeno fondato sulla pratica del rilassamento muscolare sistematico per la diminuzione della tensione emotiva.

Pubblicità

IL CRITERIO DEL DESTINATARIO - Destinatario della terapia può essere l'individuo, la coppia, la famiglia o il gruppo. Nel caso della psicoterapia individuale, occorre distinguere la cura dell'individuo adulto dalla cura del bambino, che per le sue caratteristiche esige un trattamento psicoterapico differenziato. Nel caso della psicoterapia di gruppo esiste un trattamento ad orientamento analitico o ad orientamento sistemico che si rivela particolarmente efficace nella psicoterapia della famiglia e della coppia dove ciò che ci si propone è la modificazione degli schemi di interazione. Una forma particolare di terapia di gruppo è lo psicodramma dove l'azione terapeutica non è affidata al solo analista, ma all'interazione tra protagonista e coro.

IL CRITERIO DEL FINE PERSEGUITO - Questo criterio consente di distinguere:

a) le terapie di appoggio o di sostegno che si propongono di dare un supporto emotivo al paziente aiutandolo nelle sue difficoltà esistenziali attraverso in intervento attivo del terapeuta che consiglia, guida e talvolta dirige;

b) le terapie rieducative che mirano al riadattamento dell'individuo attraverso la chiarificazione dei suoi conflitti consci. Possono essere incluse in questo gruppo la terapia cognitivista che ipotizza una possibilità di guarigione attraverso una ristrotturazione del campo cognitivo; la terapia comportamentista in cui l'interazione verbale non è più l'aspetto qualificante l'atto terapeutico; la psicoterapia rogersiana che si attua attraverso una progressiva presa di coscienza accompagnata da catarsi; la psicoterapia interpersonale di H. S. Sullivan fondata sul principio della socializzazione e dell'acculturazione nel processo di formazione della personalità, dove si privilegiano i fatti coscienti rispetto a quelli inconsci; la psicoterapia sistemica che interpreta il comportamento patologico, e in particolare quello schizofrenico, come effetto di una comunicazione disturbata che la terapia deve correggere, la terapia umanistica derivata dalla teoria della motivazione; la logoterapia che non si rivolge ai conflitti istintuali ma alle dimensioni psico-neotiche;

c) le terapie ricostruttive che non mirano al riadattamento, ma alla ricostruzione della personalità, attraverso la ricognizione delle sue istanze inconsce e una progressiva maturazione emotiva resa possibile dall'acquisita conoscenza di sè. Appartengono a questo terzo gruppo tutte le terapie a orientamento analitico. Le diverse forme di psicoterapia sono illustrate alle singole voci, inserite secondo l'ordine alfabetico espresso dall'aggettivo qualificante (per es. Psicoterapia cognitivista).

 

PER APPROFONDIMENTI:

  • Umberto Galimberti, Dizionario di psicologia; Vol. 3, 1992, 1994; Gruppo Editoriale l'Espresso,; Unione Tipografico-Editrice Torinese;
  • https://www.treccani.it/vocabolario/psicoterapia/

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: psicoterapia terapia metodo le parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza...

News Letters

0
condivisioni