Pubblicità

Il volto riflesso nello specchio. Inconsciamente è gratificante.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 320 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori hanno scoperto che il riflesso del proprio viso attiva una componente centrale del percorso di ricompensa della dopamina, illuminando così i meccanismi alla base della nostra potente capacità di dare automaticamente la priorità all'elaborazione del nostro viso.

Il volto allo specchio. Incosciamente è gratificante

Il volto riflesso ha un significato speciale per gli esseri umani a causa dell' importanza della nostra identità e il nostro senso di sé. Di conseguenza, il volto del sé ha un vantaggio cognitivo poiché viene elaborato più rapidamente e accuratamente rispetto ai volti degli altri. Questo effetto di prioritizzazione del volto personale si verifica anche nei confronti dei volti familiari pertanto, non si verifica perché il nostro viso è particolarmente bello, ma perché è un'informazione personale speciale.

Ad affermarlo è un team che in un recente studio ha cercato di compredere il motivo per il quale alla vista del nostro volto riflesso le regioni sottocorticali rispondono in modo diverso rispetto a quando guardiamo altri volti. Quando il proprio volto sembra più bello a causa del trucco, del ritocco di bellezza o del contesto, viene attivato il percorso di ricompensa della dopamina, come l'area tegmentale ventrale (VTA) e il nucleo accumbens (NA), ma questo effetto non si verifica per i volti degli altri. Invece, l'amigdala, che genera una risposta di paura, viene attivata sul volto dell'altro sconosciuto.

Sembra che di questa risposta fisiologica alla visione del proprio volto, l'uomo non ne sia cosciente.

Sorge un quesito riguardo al tipo di informazioni utilizzate per discriminare il volto 'di sé' dai volti degli altri senza consapevolezza. Per affrontare questo problema, è stato anche esaminato l'effetto della modifica facciale, dovuto all'utlizizzo di App, sull'attività neurale delle differenze subliminali auto-altro.

 

Pubblicità


I ricercatori hanno scoperto che il riflesso del proprio viso attiva una componente centrale del percorso di ricompensa della dopamina, illuminando così i meccanismi alla base della nostra potente capacità di dare automaticamente la priorità all'elaborazione del nostro viso. Questi risultati hanno importanti implicazioni per la comprensione dei processi neurali coinvolti nell'auto-vantaggio nell'elaborazione del viso, nonché per discriminare i processi coinvolti nelle percezioni facciali supraliminali (conscia) e subliminali (subconscia).

Nello studio è emerso che le modifiche del volto utilizzando un filtro di bellezza, che rendeva gli occhi più grandi e il mento più stretto senza cambiare la forma delle parti del viso, attivava l'NA oltre all'auto-rilevanza regioni del cervello. Al contrario, un'estrema modifica facciale, che ha portato a rendere l'auto-faccia "inquietante", non ha più attivato le regioni cerebrali auto-rilevanti o NA, ma ha invece indotto l'attivazione nell'amigdala.

Questi risultati suggeriscono che il volto 'del sé' estremamente modificato non è più riconosciuto come proprio.

Il campione a cui è stato chiesto di modificare il volto era composto esclusivamente da donne, a causa dell'app scelta con filtri per sole donne.

In sintesi, lo studio fa avanzare la comprensione dei meccanismi neurali dell'elaborazione del volto sotto diversi aspetti. In primo luogo, il percorso di ricompensa della dopamina è automaticamente coinvolto nell'elaborazione inconscia del proprio volto, suggerendo che la neuromodulazione dopaminergica produce un vantaggio di auto-faccia nell'elaborazione comportamentale e neurale. In secondo luogo, le aree corticali relative all'ordine superiore dell'autocoscienza non sono coinvolte nell'elaborazione del viso. Questi risultati suggeriscono che i meccanismi che consentono la discriminazione subliminale auto-altro dipendono dalla codifica neurale della familiarità e della novità delle parti facciali.

 

Riferimento:

Chisa Ota, Tamami Nakano. Self-Face Activates the Dopamine Reward Pathway without AwarenessCerebral Cortex, 2021; DOI: 10.1093/cercor/bhab096

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: volto specchio affido condiviso; se allo specchio news disicologia gratifica

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni