Pubblicità

Xenofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3030 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

xenofobiaIl significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anche “paura dell’insolito”.

Il vocabolario della lingua italiana “Treccani” lo definisce come il “sentimento di avversione generica per gli stranieri e per ciò che è straniero che si manifesta in atteggiamenti e azioni di insofferenza e ostilità verso le usanze, la cultura e gli abitanti stessi di altri paesi”.

Collegando l’etimologia con la definizione della parola, si può sostenere che il suo tratto distintivo è il sentimento di avversione, il quale è l’evidente manifestazione di un altro sentimento che lo anticipa, la paura: si è xenofobi perché si ha paura dell’estraneo o, più in generale, di ciò che è insolito.

Il sintomo più classico è, di conseguenza, l'evitamento: gli xenofobici arrivano ad evitare tutti i luoghi nei quali sanno che potranno incontrare gli stranieri. Se, viceversa, questo accade, può comparire un forte disagio ed uno stato d'ansia crescente. Nei soggetti predisposti all'aggressività, però, questo atteggiamento non si ferma all'ansia, ma sfocia in episodi di discriminazione e, a volte, di violenza.

I fattori di rischio più comuni per l’insorgenza di tale fenomeno sono:

  1. Un substrato familiare e culturale, in cui il soggetto si è trovato a vivere e ad apprendere tali condotte;
  2. Eventi traumatici passati, che riguardavano, in qualche modo, le persone considerate diverse.
  3. Predisposizione naturale agli stati ansiosi.

In generale, non esiste una terapia specifica. Se gli episodi di intolleranza, nei confronti di persone considerate estranee e pericolose, diventano frequenti ed invalidanti, oppure sfociano in atti violenti, allora è necessario ricorrere ad uno specialista. In questi casi può essere d'aiuto un ciclo di psicoterapia cognitivo-comportamentale, che preveda un percorso terapeutico di accettazione dell'altro diverso da sé.

Pubblicità

Gli psicologi hanno dedicato molti studi alla reazione di rifiuto dello straniero da parte di chi fa parte di un gruppo, formulando varie ipotesi.

Freud, in primis, collega lo spirito di gruppo e l'avversione per lo straniero all'ostilità, generata da un sentimento di minaccia e di abbandono, con cui il bambino accoglie i fratelli che sembrano sottrargli l'affetto e le cure dei genitori (“crisi dell’ottavo mese”). Questo sentimento scomodo e penoso può essere sostituito solo con un forte investimento in una diversa direzione, cioè attraverso l'identificazione con altri bambini non appartenenti alla famiglia, che, negli anni successivi, si consolida con l'appartenenza ad un gruppo di pari. La reazione di fronte agli estranei al gruppo di pari dipenderebbe, allora, dal superamento di questa crisi e dalle modalità di risoluzione del processo di individuazione-separazione dalla figura primaria (la madre).

La ricerca psicodinamica, da Freud in poi, ha svelato come l’oggetto fobico (ciò che fa paura) sia deprivato delle sue caratteristiche di realtà, in seguito ad un’intensa ed articolata attività intrapsichica, per mezzo della quale il fobico ha trasferito su di esso elementi altri, che ne giustificano la paura e la conseguente reazione. Sullo straniero, poiché oggetto fobico, è trasferito, quindi, il mondo interno di ogni individuo/gruppo/comunità. Il gruppo svolge, allora, una funzione terapeutica per i suoi membri: facendosi carico della loro ansia, li libera parzialmente da essa e, nello stesso tempo, accogliendo il tema persecutorio, li farà sentire in grado di affrontare ciò che fa paura in certi momenti ed occasioni. Quindi, esso permette a ciascun membro di rispondere all’ansia generata dall’oggetto fobico, non paralizzandosi, né fuggendo, ma attaccandolo.

 

Bibliografia:

  • Basaglia Ongaro, F., Esclusione/Integrazione, in Enciclopedia Einaudi, vol. V, Torino.
  • Enciclopedia Treccani.
  • Freud, S., Psicologia delle masse e analisi dell'Io, Torino 1977.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Rivista di Psicologia Clinica, n.3, 2008.


(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: Xenofobia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”) indica un’irrazionale persistente paura di determinate...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni