Pubblicità

Confusione mentale, apatia e blocco emotivo (163889)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 3222 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sebastian, 19

Gentile dottoressa,
da circa 1 settimana sono andato incontro ad una spiacevole situazione mentale che mi svilisce e mi deprime molto.
Premetto che non sono mai stato un tipo chiacchierone, al quale piaceva parecchio l''essere soli (nelle giuste misure), ma d''altro canto ero molto emotivo e sensibile, croce e delizia per me, mootivo di vanto ma anche portatore di problemi.

Tutti mi consideravano una persona particolare, mai banale e piacevole con cui parlare, anche se a volte certi miei pensieri erano di difficile interpretazione ad alcuni dei miei interlocutori. Di questo me ne sono sempre vantato, mi faceva stare bene e mi sentivo importante ai miei occhi.
Da circa una settimana però tutto ciò è venuto a mancare, nel senso che, e non riesco davvero a spiegarmi come, d''improvviso è stato come se il mio cervello si fosse spento.
Un clic dietro il collo, e poi buio nella mia testa. Sono stato colto da un grave senso di apatia, le cose che faccio le faccio senza pensare, come fossi una specie di automa. Ma la cosa più grave è che non riesco più ad elaborare informazioni e concetti, e non riesco più ad avere opinioni su nulla. Le cose che adoravo svogere, ad un tratto han perso valore ai miei occhi, e se volessi riprenderle, non potrei, perché non riesco più nemmeno a concentrarmi a sufficienza. Le emozioni, che prima vivevo intensamente, non sembrano esserci più. Questa situazione mi ha stancato, so che c''è qualcisa che non va, ma è come se il mio cervello si rifiutasse. Non mi sento più me stesso, è come se mi fossi sdoppiato, mi sento un estraneo dentro me stesso. Non so veramente che pesci prendere.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Sebastian,
per comprendere meglio quanto da lei raccontato avrei bisogno di conoscere maggiori dettagli della sua situazione. E`accaduto qualcosa di particolare nella sua vita prima di questo cambiamento? Quando parla di "clic al collo" intende che c'e`stato un trauma fisico?
Nel caso le difficolta` di concentrazione e il senso di apatia continuassero, il mio consiglio e`di rivolgersi in primis al suo medico di base per effettuare delle analisi cliniche ed escludere eventuali scompensi fisiologici, e in base a ai risultati scegliere se rivolgersi a uno psicologo o uno specialista di altro genere.
Distinti saluti.
Dott.ssa Filomena Dongiovanni

 

(Risponde la Dott.ssa Filomena Dongiovanni)

 

Pubblicato in data 06/06/2014

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni