Pubblicità

Dell'adolescenza (014906)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 185 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sorella, 24 anni

Buongiorno,mi rivolgo a Voi perchè la mia famiglia ed io ci troviamo di fronte ad un grosso problema. Siamo una famiglia normale e serena, ma oggi come oggi siamo profondamente preoccupati per mia sorella che ha 15 anni: è
la seconda di due figlie,ovviamente più viziata e coccolata della prima ma che probabilmente si trova a dover sopportare il confronto con me (che sono la sorella maggiore ed ho 24 anni). Ha manifestato sempre nei nostri confronti un atteggiamento di difesa, dando risposte affrettate e con toni esagerati ma nonostante questo l'abbiamo sempre vista serena. Ha concluso la scuola media con ottimi voti,con gli stessi voti ha concluso il primo quadrimestre della scuola superiore brillantemente.Tutto normale fino a quando non ci ha detto che lei non sarebbe più andata a scuola.Le motivazioni non simo riusciti a capirle nonostante abbiamo provato in
tutti i modi a parlarle: ci ha detto che è la tipologia di scuola che non fa per lei, che non è più in grado di studiare (in disaccordo con i voti che sono molto alti), che non ha più voglia di andare a scuola e per finire che sente che i miei genitori pretendono da lei che faccia la mia stessa strada (che non è nient'altro che un semplice diploma di perito industriale con voti discreti) ma noi non le abbiamo mai paragonato la mia esperienza con la sua. Ha anche detto che lei deve difendersi da noi e che il suo problema sono io.
La mia domanda è : ha detto la verità ovvero il suo problema sono io oppure no?Come posso aiutarla? GRAZIE.

Gentile sorella,se il problema di sua sorella è veramente lei, bisognerebbe capire il perchè, ma soprattutto cosa intende sua sorella quando dice che il suo problema è lei.In questo momento sua sorella sta apportando una "rottura" nella sua vita:
ha deciso che lascerà la scuola. Può essere un'affermazione provocatoria, probabilmente è anche una decisione che nasce da un grande dolore, da una fase della vita dpve sua sorella sta soffrendo molto. In questo senso lei può aiutare sua sorella comprendendo che lei sta soffrendo, e può starle accanto accettando la sua sofferenza. La mia indicazione in questo caso è quella di una terapia familiare. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni