Pubblicità

Nervosismo ecessivo (147497)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 599 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Salve,
io da poco mi sono lasciato con la morosa con cui spero di riappacificare dopo che mi sarò rimesso apposto psicologicamente per non recarle altro dolore.
Ultimamente negli ultimi mesi precisamente ero molto nervoso e ogni piccola cosa mi irritavo per niente. Ho avuto anche una grossa discussione con sua madre con la quale me la son presa fin troppo urlandole addosso come un pazzo.
Sono arrivato a una mezza conclusione che questo nervosismo è dovuto a un paio di mesi di discussione con i miei per via che ho mollato scuola, poi non trovavo lavoro e ero molto stressato. E poi ero arrabbiato col mondo perchè oltrettutto la mia morosa non lo trovava e sua madre era stata licenziata... può essere cause del mio nervosismo tutto ciò assieme?
Premetto che sono un tipo che non si apre molto per esprimere ciò che prova dentro (se sono arrabbiato, triste etc....) e quindi forse mi son tenuto tutto troppo dentro e sono esploso con le persone sbagliate.
Può essere un'altra causa anche il fatto che ho forti dolori cervicali che solo dopo mesi e mesi sto curando (non sò se è una sciocchezza ciò, ma è stato un amico medico a dirmi che inconsciamente ciò se non curato causa nervosismo)...
Come posso rimediare e aprirmi con lei e con sua madre?
Colgo l'occasione per rigraziarvi di cuore, a risentirci
Coriali saluti

Caro Stephen,
mi pare una situazione fatta di tante incertezze. Credo che in tutta questa condizione l'emozione Paura, sia in primo piano.
Da ogni parte c'è rifiuto, negazione, vuoto, soprattutto lavorativo. Ed il lavoro ed il denaro purtroppo danno una grande impronta al nostro modo di vivere le cose, soprattutto alla sua età, già piena di incertezze di per sé. Un'età in cui ci si aspettano tante conferme e definizioni dall'esterno. Mi pare che debba essere molto spaventato.
Immagino che debba esserci molta incertezza per il futuro e forse questo fa anche avere dubbi circa le proprie scelte, come interrompere gli studi.
Non è affatto facile! Penso che dobbiate sostenervi a vicenda, che dobbiate creare un progetto e portarlo avanti, nonostante i messaggi negativi dell'esterno.
Per quanto riguarda i dolori cervicali, c'è da dire che da una parte il dolore del corpo innervosisce, toglie serenità ed energie.
Dall'altra c'è da chiedersi se questi dolori non siano la risultante di fattori emotivi. Sto pensando che questa condizione debba averla fatta sentire spavento ma anche bloccato, da non saper da che parte andare ed il collo può esserne espressione, si è irrigidito come nello sforzo di trattenere, di reggere la situazione, di sopportare oltre ogni umano limite.
L'irrigidimento di collo e spalle infatti, costituiscono un atteggiamento difensivo e spaventato nei confronti della vita. Non so quale sia la sua postura, ma talvolta essere incassati col collo all'interno dello sterno è proprio segno di ritiro in sé.
Lei è arrabbiato e tenendo tutto per sé, rischia di implodere, queste esplosioni esterne sicuramente la preservano dall'implosione, ma poi le fanno rompere anche con le relazioni, ciò a cui tiene di più.
E' spaventato e arrabbiato e come dice ce l'ha col mondo, vorrebbe che esplodesse, non sa da che parte andare e forse in questo stato si aspetterebbe maggiore sicurezza concreta e appoggio emotivo da chi le sta intorno, la sua famiglia, la morosa e la madre della morosa ed invece anche lì, sembra ci sia altra fonte di incertezza e preoccupazione.
I motivi per essere eccessivamente nervoso ci sono, adesso sta a lei cominciare a dipanare il bandolo della matassa. Riprenda in mano sé, quello che sente e cominci a comunicarlo con calma, lo condivida e vedrà che già sarà più leggero.
Poi cominci a pensarsi e a progettarsi nel concreto. Il momento è duro e faticoso, ma vedrà che piano piano un passo per volta, qualcosa ne verrà fuori.

 

(Risponde la Dott.ssa Costantini Sabrina)

Pubblicato in data 11/07/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

News Letters

0
condivisioni