Pubblicità

Psicologia alimentare (145029)

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 351 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 31

Buongiorno, sono una mamma di 31 anni con un bimbo di 5 anni a giugno. Vorrei un consiglio per come mi devo comportare nei riguardi di mio figlio. Le spiego quello che succede: mio figlio da piccolo, fino all'età di mesi 8, mangiava di tutto, poi per problemi di faringite, è stato ricoverato 1 settimana in ospedale, e uscito da lì ho fatto difficoltà a fargli mangiare tutto, Piano piano, ha eliminato dalla sua alimentazione il latte la carne i formaggi la pasta, praticamente quasi tutto. A distanza di qualche mese, ha ripreso a bere il latte con i biscotti ma il resto nulla. Ora, mio figlio ha quasi 5 anni e non prende nè il latte, nè pasta, nè verdure, praticamente mangia solo crocchette di pollo e patatine al forno. A volte, un pò di pane e cioccolata, crakers, ma nient'altro. Io provo a convincerlo, sia con le buone maniere sia magari ricattandolo sui giocattoli, mettendolo in punizione, ma niente. Non assaggia nemmeno il cibo, che dice già che non gli piace. Ho provato anche a lasciarlo a mensa a scuola, ma non tocca nulla. Fa lo stesso anche con le medicine, non prende neanche quelle da solo ma devo forzarlo, ed il più delle volte le "sputa". Quando ha la febbre alta solo supposte. Ho provato a portarlo in un centro per aver assistenza alimentare ma i tempi sono lunghi. Non so più cosa fare. Potete darmi un consiglio su come devo comportarmi? Grazie.

  Cara Sara, capisco la tua angoscia e paura di non riuscire a fare abbastanza, ma spesso i bambini sentono l'ansia che evocano i genitori e si comportano di conseguenza. Bisogna capire se questi problemi alimentari sono generati da difficoltà fisiche o da paure e dolori subiti per la faringite. Solo dopo essersi assicurati che non ha nulla di fisico allora si può pensare al rapporto col cibo e al rifiuto di determinati alimenti. Perciò ti invito a parlare prima con pediatri e dopo con pedagogisti che sono esperti nell'educazione dei bambini, penso possano aiutarti a capire certe dinamiche meglio di chiunque altro. Più il bambino si sente rilassato accettato e a suo agio più gli verrà appetito e voglia di assaggiare piatti nuovi, mentre se è teso e insicuro può essere portato ad alimentarsi sempre allo stesso modo per cercare rassicurazione e certezze. Spero tu riesca a trovare la strada giusta!

(Risponde la Dott.ssa Diana Baggieri)

Pubblicato in data 05/08/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Minori per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni