Pubblicità

sesso (45786)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 225 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lino, 18anni (26.11.2001)

Non sò se chiamarlo problema o semplicemente paura, ma premetto che ho già avuto un rapporto sessuale con una ragazza e quindi penso che tecnicamente non avrò problemi anche se quella volta risale a ben 2 anni fà. Ora ho la ragazza e entrambi vorremmo farlo, ma sono due volte che ne abbiamo l'occasione e io mi blocco come un fesso e non sò come iniziare il rapporto. Quella prima volta che l'ho fatto ero mezzo ubriaco e non ricordo molto e poi l'abbiamo fatto subito senza preliminari ecc.La mia ragaza ha 15 anni. Come potrei iniziare il rapporto? per capirci cosa devo fare per passare dal bacio alla penetrazione?..credo che non si posso passare subito alla penetrazione e credo che bisogna fare qualkosa prima! vi prego aiutatemi a + presto.
Un ultima cosa è possibile che il fatto che non eravamo al buoi mi abbia bloccato? Sono di natura molto timido ma quando chiudo gli occhi o sono al buio cambio in maniera assurda, divento + sicuro e non sono tanto indeciso. Quindi è possibile che la luce mi blocchi?Vi ringrazio in anticipo e volevo farvi capire quanto questo "sito" sia magnifico e utile. aspetto una vostra risposta.

Caro Lino, come si fa a passare dal bacio alla penetrazione? Detta così la cosa sembra molto semplice e sbrigativa: in realtà hai ragione a rammentarti che l'eccitazione reciproca va coltivata coi dovuti " preliminari". Si chiamano così tutte le carezze, le còccole, i baci, le tenerezze che due innamorati si scambiano prima di passare all'atto sessuale propriamente detto. Tieni presente che a quindici anni -tale é la giovane età della tua ragazza- sarebbe molto importante arrivare al sesso opportunamente preparata dai preliminari che lubrificano e dispongono opportunamente la vagina ad accogliere il pene. Non aver fretta , dunque, cerca di arrivare al punto... piuttosto in ritardo che in anticipo, perché le ragazze si "sciolgono" pian piano e dolcemente, altrimenti vivono il rapporto come violenza. Invece, é la tua timidezza /riservatezza che andrà adeguatamente rassicurata, con un ambiente adatto, sicuro (così da non temere sorprese), meglio nella penombra le prime volte (se la piena luce ti disturba) , senza farti prendere dall'ansia di dimostrare chissà che cosa. Meglio lasciarsi andare alla spontaneità e dolcezza delle effusioni amorose, piuttosto che proporsi chissà quali "performances" da stupire o lasciare di stucco la partner che - magari, invece - si aspetta tutt'altro che prestazioni atletiche sorprendenti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni