Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sesso (45786)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 177 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lino, 18anni (26.11.2001)

Non sò se chiamarlo problema o semplicemente paura, ma premetto che ho già avuto un rapporto sessuale con una ragazza e quindi penso che tecnicamente non avrò problemi anche se quella volta risale a ben 2 anni fà. Ora ho la ragazza e entrambi vorremmo farlo, ma sono due volte che ne abbiamo l'occasione e io mi blocco come un fesso e non sò come iniziare il rapporto. Quella prima volta che l'ho fatto ero mezzo ubriaco e non ricordo molto e poi l'abbiamo fatto subito senza preliminari ecc.La mia ragaza ha 15 anni. Come potrei iniziare il rapporto? per capirci cosa devo fare per passare dal bacio alla penetrazione?..credo che non si posso passare subito alla penetrazione e credo che bisogna fare qualkosa prima! vi prego aiutatemi a + presto.
Un ultima cosa è possibile che il fatto che non eravamo al buoi mi abbia bloccato? Sono di natura molto timido ma quando chiudo gli occhi o sono al buio cambio in maniera assurda, divento + sicuro e non sono tanto indeciso. Quindi è possibile che la luce mi blocchi?Vi ringrazio in anticipo e volevo farvi capire quanto questo "sito" sia magnifico e utile. aspetto una vostra risposta.

Caro Lino, come si fa a passare dal bacio alla penetrazione? Detta così la cosa sembra molto semplice e sbrigativa: in realtà hai ragione a rammentarti che l'eccitazione reciproca va coltivata coi dovuti " preliminari". Si chiamano così tutte le carezze, le còccole, i baci, le tenerezze che due innamorati si scambiano prima di passare all'atto sessuale propriamente detto. Tieni presente che a quindici anni -tale é la giovane età della tua ragazza- sarebbe molto importante arrivare al sesso opportunamente preparata dai preliminari che lubrificano e dispongono opportunamente la vagina ad accogliere il pene. Non aver fretta , dunque, cerca di arrivare al punto... piuttosto in ritardo che in anticipo, perché le ragazze si "sciolgono" pian piano e dolcemente, altrimenti vivono il rapporto come violenza. Invece, é la tua timidezza /riservatezza che andrà adeguatamente rassicurata, con un ambiente adatto, sicuro (così da non temere sorprese), meglio nella penombra le prime volte (se la piena luce ti disturba) , senza farti prendere dall'ansia di dimostrare chissà che cosa. Meglio lasciarsi andare alla spontaneità e dolcezza delle effusioni amorose, piuttosto che proporsi chissà quali "performances" da stupire o lasciare di stucco la partner che - magari, invece - si aspetta tutt'altro che prestazioni atletiche sorprendenti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Paura di stare soli (153061543…

Alice, 25     Buongiorno, tra qualche mese andrò a convivere con il mio ragazzo ma quando ci penso non riesco a stare tranquilla. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni