Pubblicità

sesso (45786)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 249 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lino, 18anni (26.11.2001)

Non sò se chiamarlo problema o semplicemente paura, ma premetto che ho già avuto un rapporto sessuale con una ragazza e quindi penso che tecnicamente non avrò problemi anche se quella volta risale a ben 2 anni fà. Ora ho la ragazza e entrambi vorremmo farlo, ma sono due volte che ne abbiamo l'occasione e io mi blocco come un fesso e non sò come iniziare il rapporto. Quella prima volta che l'ho fatto ero mezzo ubriaco e non ricordo molto e poi l'abbiamo fatto subito senza preliminari ecc.La mia ragaza ha 15 anni. Come potrei iniziare il rapporto? per capirci cosa devo fare per passare dal bacio alla penetrazione?..credo che non si posso passare subito alla penetrazione e credo che bisogna fare qualkosa prima! vi prego aiutatemi a + presto.
Un ultima cosa è possibile che il fatto che non eravamo al buoi mi abbia bloccato? Sono di natura molto timido ma quando chiudo gli occhi o sono al buio cambio in maniera assurda, divento + sicuro e non sono tanto indeciso. Quindi è possibile che la luce mi blocchi?Vi ringrazio in anticipo e volevo farvi capire quanto questo "sito" sia magnifico e utile. aspetto una vostra risposta.

Caro Lino, come si fa a passare dal bacio alla penetrazione? Detta così la cosa sembra molto semplice e sbrigativa: in realtà hai ragione a rammentarti che l'eccitazione reciproca va coltivata coi dovuti " preliminari". Si chiamano così tutte le carezze, le còccole, i baci, le tenerezze che due innamorati si scambiano prima di passare all'atto sessuale propriamente detto. Tieni presente che a quindici anni -tale é la giovane età della tua ragazza- sarebbe molto importante arrivare al sesso opportunamente preparata dai preliminari che lubrificano e dispongono opportunamente la vagina ad accogliere il pene. Non aver fretta , dunque, cerca di arrivare al punto... piuttosto in ritardo che in anticipo, perché le ragazze si "sciolgono" pian piano e dolcemente, altrimenti vivono il rapporto come violenza. Invece, é la tua timidezza /riservatezza che andrà adeguatamente rassicurata, con un ambiente adatto, sicuro (così da non temere sorprese), meglio nella penombra le prime volte (se la piena luce ti disturba) , senza farti prendere dall'ansia di dimostrare chissà che cosa. Meglio lasciarsi andare alla spontaneità e dolcezza delle effusioni amorose, piuttosto che proporsi chissà quali "performances" da stupire o lasciare di stucco la partner che - magari, invece - si aspetta tutt'altro che prestazioni atletiche sorprendenti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni