Pubblicità

Sessualità (123590)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 40 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gio 41

Salve a tutti mi chiamo Gio ho 41 anni. Premetto che sono felicemente sposato, e padre di due bimbi. Il mio problema è che ultimamente ho scoperto un lato di me, che forse ho sempre tenuto nascosto, che consiste nel provare attrazione verso ragazzi, persone del mio stesso sesso, con cui fare petting e non solo. Mi è capitata qualche occasione, nel mio ufficio ho scoperto che sono diverse le persone con la mia stessa passione, e qui è nato il mio problema, nel senso che davanti a un altro uomo, io attivo, non riesco a raggiungere il massimo dell'erezione nell'atto sessuale. Anzi quando è il momento clou mi smonto del tutto. Si riesce a baciarsi toccarsi e fare del sesso orale ma al momento della penetrazione proprio non riesco ad avere il rapporto. Non capisco dove sia il problema. Forse non amo fare del sesso al maschile? Eppure nelle altre prestazioni, bacio, petting, non riscontro alcun problema. Preciso che con mia moglie il rapporto di coppia funziona perfettamente. Mi piacerebbe riuscire a vivere questa mia situazione senza poi sentirmi in imbarazzo. Dato che sono consapevole di quello che faccio. Grazie del consiglio, qualunque esito abbia.

Ciao Gio, effettivamente il tuo problema sembra molto "prestazionale" nel senso che è come se un pensiero od una preoccupazione facessero perdere l'erezione proprio in determinati momenti e non in altri che ti vedono invece più rilassato e presente nell'atto. Non credo dunque che si tratti di "non amare il fare sesso con i maschi" come suggerisci tu, piuttosto una sorta di perdita di concentrazione. Ti consiglio di cercare di fare attenzione al fatto che vi possano essere appunto questi pensieri intruisivi ad infastidire i tuoi rapporti o convinzioni di fondo in relazione ai rapporti omosessuali, anche se, a livello cosciente, sembri completamente a tuo agio. Se il problema persiste, sarebbe da esaminare se questo avviene con partner occasionali o con uno in particolare perchè sinceramente, se tu avessi una relazione più stabile forse sarebbe anche più facile fare un intervento. In tal caso ti consiglio però uno psicologo in carne ed ossa con competenze in ambito sessuologico che possa insegnarvi degli esercizi da praticare durante i rapporti per riacquisire completamente il controllo su di essi.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 19/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni