Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessualità (123590)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 25 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gio 41

Salve a tutti mi chiamo Gio ho 41 anni. Premetto che sono felicemente sposato, e padre di due bimbi. Il mio problema è che ultimamente ho scoperto un lato di me, che forse ho sempre tenuto nascosto, che consiste nel provare attrazione verso ragazzi, persone del mio stesso sesso, con cui fare petting e non solo. Mi è capitata qualche occasione, nel mio ufficio ho scoperto che sono diverse le persone con la mia stessa passione, e qui è nato il mio problema, nel senso che davanti a un altro uomo, io attivo, non riesco a raggiungere il massimo dell'erezione nell'atto sessuale. Anzi quando è il momento clou mi smonto del tutto. Si riesce a baciarsi toccarsi e fare del sesso orale ma al momento della penetrazione proprio non riesco ad avere il rapporto. Non capisco dove sia il problema. Forse non amo fare del sesso al maschile? Eppure nelle altre prestazioni, bacio, petting, non riscontro alcun problema. Preciso che con mia moglie il rapporto di coppia funziona perfettamente. Mi piacerebbe riuscire a vivere questa mia situazione senza poi sentirmi in imbarazzo. Dato che sono consapevole di quello che faccio. Grazie del consiglio, qualunque esito abbia.

Ciao Gio, effettivamente il tuo problema sembra molto "prestazionale" nel senso che è come se un pensiero od una preoccupazione facessero perdere l'erezione proprio in determinati momenti e non in altri che ti vedono invece più rilassato e presente nell'atto. Non credo dunque che si tratti di "non amare il fare sesso con i maschi" come suggerisci tu, piuttosto una sorta di perdita di concentrazione. Ti consiglio di cercare di fare attenzione al fatto che vi possano essere appunto questi pensieri intruisivi ad infastidire i tuoi rapporti o convinzioni di fondo in relazione ai rapporti omosessuali, anche se, a livello cosciente, sembri completamente a tuo agio. Se il problema persiste, sarebbe da esaminare se questo avviene con partner occasionali o con uno in particolare perchè sinceramente, se tu avessi una relazione più stabile forse sarebbe anche più facile fare un intervento. In tal caso ti consiglio però uno psicologo in carne ed ossa con competenze in ambito sessuologico che possa insegnarvi degli esercizi da praticare durante i rapporti per riacquisire completamente il controllo su di essi.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 19/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni