Pubblicità

Sindrome da Alienazione Parentale (PAS)

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6530 volte

4.25 1 1 1 1 1 Votazione 4.25 (4 Voti)

Sindrome da Alienazione Parentale PASLa Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verifica una contesa per l’affidamento dei figli tra i genitori.

La sua principale manifestazione è una campagna di denigrazione rivolta contro un genitore, risultante della combinazione di una programmazione (lavaggio del cervello) effettuata dal genitore alienante e del contributo dato dal bambino in proprio.

Quando vi è una presenza reale di abusi o di trascuratezza da parte dei genitori, l’ostilità del bambino può essere giustificata e, di conseguenza, non si può parlare di Pas.

Nella maggior parte dei casi analizzati è risultato essere la madre il genitore alienante che metteva in atto comportamenti, dapprima in maniera cosciente e successivamente a livello preconscio o inconscio, finalizzati a programmare il figlio contro il padre. Gli scopi di questo atteggiamento da parte della madre erano molteplici, ma spesso la motivazione principale era ottenere l’affido esclusivo del figlio o l’ottenimento di maggiori concessioni economiche.
E’ possibile fare una distinzione tra le strategie elaborate per escludere l’altro coniuge:

  • modalità dirette: si realizzano quando il bambino riafferma le opinioni del genitore alienante senza averle veramente interiorizzate;
  • modalità indirette: si realizzano in maniera più sottile, concentrandosi sulle emozioni e sul senso di lealtà del bambino.

Le strategie utilizzate per mettere in atto una PAS sono diverse a seconda del genitore alienante: nel caso in cui la programmazione sia agita dalla madre, questa metterà in atto strategie indirette come la manipolazione psicologica; nel caso si tratti del padre egli preferirà utilizzare strategie dirette.

Pubblicità

Sono state descritte quattro tipi di dinamiche messe in atto dal genitore programmatore:

  • la “sgenitorializzazione” dell’altro genitore;
  • la “meta-comunicazione” per creare doppi legami che confondono il bambino e lo rendono maggiormente vulnerabile;
  • costringere il bambino a prendere parte nelle problematiche dei genitori e premiarlo o punirlo a seconda della risposta data;
  • enfatizzare il proprio ruolo di educatore svalutando quello dell’altro genitore.

La Sindrome da Alienazione Parentale è un tema ancora molto discusso, sia a livello nazionale che internazionale, che trova tra gli studiosi sia molte conferme che molte critiche.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Gulotta G., Cavedon A., Liberatore M.,(2008). “La sindrome da alienazione parentale (PAS). Lavaggio del cervello e programmazione dei figli in danno all’altro genitore”Giuffré editore.
  • Parrini A.,(2008). “Separazioni distruttive tra conflittualità e alienazione. Aspetti psicologici e giuridici.”  ediz. Psiconline.

 

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: Sindrome da Alienazione Parentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

News Letters

0
condivisioni