Pubblicità

Il Confine di sé: tra bisogno di protezione e rischio di isolamento

0
condivisioni

on . Postato in Editoriale | Letto 1092 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il confine, elemento fondamentale della struttura psichica (e di quella cellulare?)

"La membrana è la prima invenzione della vita", sia sul piano biologico che sul piano psichico: così ha scritto Didier Anzieu (“L’epidermide nomade e la pelle psichica”, Ed. Cortina, Milano 1992) immaginando il “confine” della struttura psichica come un involucro che permette alla psiche di costituirsi in "un apparato per pensare i pensieri, per contenere gli affetti, per trasformare l'economia pulsionale", per l’appunto attraverso la delimitazione di una superficie chiusa e la conseguente suddivisione dello spazio psichico in due porzioni: il mondo interno ed il mondo esterno.

Questa operazione deve considerarsi preliminare a qualunque successivo processo di sviluppo dello psichismo, proprio come, in una prospettiva biologica evoluzionistica, la struttura unicellulare anucleata (composta dunque di una sola cellula senza nucleo, cioè di una massa citoplasmatica rivestita da una membrana) costituisce l'essere vivente primordiale.
E’ innanzitutto dalle caratteristiche dell’involucro, continua Anzieu, che dipende il funzionamento generale della psiche, e conseguentemente il lavoro analitico.
La pratica psicanalitica ha infatti ampiamente mostrato come il funzionamento della psiche, e conseguentemente il lavoro analitico, non dipende semplicemente dai contenuti psichici, ma innanzitutto dall'involucro che li contiene: "Ci si può risparmiare lo studio dei contenitori quando il contenitore contiene adeguatamente, e consacrarsi allora all'analisi dei contenuti, ma quando il contenitore contiene male o addirittura funziona al contrario, è necessario procedere a un lavoro analitico sul contenitore stesso" (Idem, 1992); del tutto inefficaci risulterebbero in questi casi le interpretazioni del contenuto, proprio per l'incapacità della psiche di lasciarle entrare e/o di "tenerle" in sé per elaborarle.

In suggestiva corrispondenza con la visione di Anzieu, le ricerche pionieristiche di epigenetica del biologo cellulare statunitense Bruce Lipton ("The Biology of Belief: Unleashing the Power of Consciousness, Matter and Mirades", 2005, Mountain of Love/Eli-te Books) ci mostrano che “il vero ‘cervello’ della cellula è la sua membrana, che reagisce e risponde alle influenze esterne, adattandosi dinamicamente ad un ambiente in perpetuo cambiamento -e non, come si credeva, il suo nucleo contenente il DNA; dunque- ... piuttosto che controllarci, i nostri geni sono sotto il controllo di influenze ambientali al di fuori delle cellule, inclusi i pensieri e le nostre credenze. Questo prova che non siamo degli "automi genetici” vittimizzati dalle eredità biologiche dei nostri antenati. Siamo, invece, i co-creatori della nostra vita e della nostra biologia ... Man mano che incrociamo le diverse influenze ambientali, siamo noi a suggerire ai nostri geni cosa fare, di solito inconsciamente” (Barbara Stahura intervista Lipton, News Letter di For Mother Earth del giugno 2006).

Dott.ssa Loretta Sapora



Vuoi avere maggiori informazioni sulla Dott.ssa Sapora? Clicca qui

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni