Pubblicità

Il Cibo come fonte di essere e ben-essere, di A. Fata

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 336 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'agile e veloce libro della Dott.ssa Anna Fata si pone il compito importante di aiutarci a vivere "normalmente" il nostro rapporto complesso con il cibo e con i suoi doveri/piaceri.

cibo come fonteSiamo, infatti, così tanto abituati a parlarne e a sentirne parlare in chiave patologica (obesità, anoressia/bulimia, etc.) che ci sfugge ormai la condizione naturale del problema, se tale possiamo definirlo.

Scorrendo agevolmente le pagine, si attraversano tutte le realtà che hanno caratterizzato e/o caratterizzano il rapporto uomo/cibo, dai simbolismi (sempre molto potenti e presenti) alla quotidianità ed alle funzioni nutritive dello stesso.

Leggendo, riusciamo facilmente a cogliere i nessi che vi sono fra cibo e piacere, cibo e sessualità, cibo e cultura, cibo e personalità ed è piacevole scoprire cose decisamente evidenti che però non avevamo mai osservato pienamente e correttamente.

Chiude il volume una ricca sezione dedicata a "Cibo e Cinema" che presentando le schede di 13 film consente di verificare come, negli stessi, siano state presentate le diverse dinamiche che entrano in gioco nel nostro quotidiano rapporto con il cibo.

In conclusione, un libro decisamente divulgativo che può essere una buona base per partire verso ulteriori approfondimenti su di un argomento che "riempe" la nostra vita di tutti i giorni.

 

Il Cibo come fonte di essere e ben-essere
Anna Fata - Armando Editore - 2005 - pagine 112

 

A cura di Luigi Di Giuseppe

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni