Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.622 - 13.2.2014

on . Postato in News libri e riviste | Letto 411 volte

  • Quando saremo a Reggio Emilia. Gli psicologi, il welfare e le trasformazioni della società reggiana dal dopoguerra ai giorni nostri
  • Come in un film. Il cinema come mezzo di espressione di Sé
  • Bugiardi nati. Perché non possiamo vivere senza mentire
  • Cent'anni di comportamentismo. Dal manifesto di Watson alla teoria della mente, dalla BT all'ACT
  • Left 2010
  • Morire a occhi aperti
  • La terapia dell'umorismo. Metodi e pratiche per il benessere personale e relazionale
  • Giocare alla memoria
  • Deterioramento cognitivo: forme, diagnosi e intervento. Una prospettiva life span

Leonardo Angelini
Quando saremo a Reggio Emilia. Gli psicologi, il welfare e le trasformazioni della società reggiana dal dopoguerra ai giorni nostri
2014, Collana: Punti di Vista
Pagine: 342
ISBN: 9788898037476
Prezzo: € 24.00
Editore: Psiconline

Un territorio, la provincia di Reggio Emilia, sottoposto nell’arco di pochi decenni a torsioni e trasformazioni che altrove hanno richiesto lo sforzo di sette, otto generazioni. Società contadina fino alle soglie del boom, per poi diventare industriale, ed ora nell’arco di soli 60 postindustriale e multietnica.
Un welfare locale che nasce dall’alleanza fra amministratori, e soprattutto amministratrici accorte, figlie della Resistenza e della ricostruzione, e giovani – soprattutto giovani donne – che attraverso una critica e una pratica conseguente riescono a far diventare Reggio un luogo di sperimentazione di quel welfare dei servizi che è la risposta comunista al dispendioso e clientelare welfare democristiano dei sussidi. E poi il processo di istituzionalizzazione del welfare, il suo culmine ed il suo declino.
Il welfare reggiano come luogo in cui si forgiano nuove identità professionali: quella dello psicologo “pubblico”, dell’educatrice di asilo nido; e vecchie identità - come quelle dello psichiatra, del maestro, etc. – si ritemprano nel lavoro e nella riflessione sul lavoro.
Il welfare dei servizi come qualcosa che rimane, al contrario di quello dei sussidi che disperde le risorse in mille e mille rivoli. Rimane e sedimenta nel tempo strutture e soggetti portatori di una cultura dei servizi. Ma anche vantaggi sul piano redistributivo. Nonché risorse in grado di aiutare singoli, gruppi e generazioni a rimanere se stesse nel cambiamento, e a non cadere in una situazione di anomia.
Tutto questo è nel testo “Quando saremo a Reggio Emilia – Il welfare e le trasformazioni della società reggiana dal dopoguerra ai giorni nostri”. Una storia raccontata dall’interno, da Leonardo (Dino) Angelini: uno psicologo che ha cominciato ad operare all’inizio degli anni ’70 nel CIM di Jervis, che ha contribuito alla formazione delle successive coorti di operatori della santità, della scuola e dei nidi della provincia dialogando con migliaia di essi. E prima di tutto con Deliana Bertani, psicologa anch’essa, diventata ben presto sua compagna di lavoro e di vita, i cui contributi alla “lettura” del welfare reggiano vanno ben al di là di ciò che appare nel testo.

Leonardo Angelini, psicologo psicoterapeuta, già Resp. del Consultorio Giovani OPEN G dell’Ausl di Reggio E., attualmente Resp. di Free Student Box, supervisore di Gancio Originale e Presidente dell’Ass. di Prom. Soc. “Amici di Gancio”.

Acquista il libro on line

 

 


Eleonora Capitani
Come in un film. Il cinema come mezzo di espressione di Sé
2014, Collana: Punti di Vista
Pagine: 100
ISBN: 9788898037391
Prezzo: € 12.00
Editore: Psiconline

L’Arteterapia consiste nella ricerca del benessere psicofi sico attraverso l’espressione artistica di pensieri, vissuti ed emozioni. Si tratta di un percorso di autoconoscenza, di consapevolezza e di trasformazione interiore, essa è infatti principalmente un’ efficace metodologia di crescita personale.
Nel laboratorio descritto in questo libro è stata utilizzata una metodologia a carattere pratico-esperenziale in cui ogni partecipante ha la possibilità di costruire gradualmente il proprio personaggio utilizzando la scrittura creativa come mezzo di espressione profonda di sé, condividendo poi con gli altri le proprie emozioni e i propri vissuti nei gruppi di condivisione regolarmente svolte alla fi ne di ogni sessione, per poi giungere infine alla messa in scena dei lavori svolti.

Eleonora Capitani è psicologa e si occupa di condurre corsi di meditazione e gestire gruppi di condivisione.
Ha frequentato il corso di Regia Cinematografica presso la SNCI ottenendo la qualifica di “Tecnico della ripresa e del montaggio di immagini ...”, e il corso di Sceneggiatura presso CinEuropa.
Ha scritto e diretto i cortometraggi: La tenda del tempo e Invito al concerto.
Ha partecipato a vari cortometraggi come aiuto regista e segretaria di edizione e ha scritto soggetti e sceneggiature per cortometraggi e lungometraggi.
Attualmente lavora come libera professionista. Partecipa regolarmente a convegni e corsi di formazione per rimanere sempre aggiornata in ambito psicologico e cinematografico.

Acquista il libro on line

 

 


Ian Leslie
Bugiardi nati. Perché non possiamo vivere senza mentire
2014, Collana: Nuovi saggi Bollati Boringhieri
Pagine: 290
ISBN: 9788833924113
Prezzo: € 22,50
Editore: Bollati Boringhieri

Bugiardi nati è un viaggio esilarante nel mondo della menzogna. La menzogna dei bambini, quella degli adulti, quella dei politici o quella particolare categoria di menzogna che è rivolta a noi stessi e che chiamiamo autoinganno. Scritto con grande umorismo, ricco di aneddoti e di dettagli fulminanti, questo libro è allo stesso tempo un saggio informato, che usa le conoscenze più recenti nel campo della psicologia, delle neuroscienze e della filosofia per fare il punto su ciò che sappiamo in merito a menzogne, bugie, mezze verità, inganni e autoinganni.
Siamo stati abituati a pensare alle bugie come a qualcosa di malvagio; la menzogna è per molti la principale responsabile dell’abiezione umana, l’opposto della verità, nella cui luce bisognerebbe camminare. Eppure tutti mentiamo, senza eccezione, continuamente, e più spesso che mai mentiamo a noi stessi, rendendo le nostre bugie più difficili da scoprire, poiché nascoste ai nostri stessi occhi. Ian Leslie rovescia dunque la prospettiva, poggiandosi sulle spalle di Darwin, di Freud e dei molti psicologi che si sono occupati di questo tema negli ultimi anni: lungi dall’essere un «baco» della nostra psiche, la menzogna è necessaria, vitale, formativa e inevitabile per definire ciò che davvero siamo. Di fatto, non possiamo conoscere noi stessi se prima non conosciamo la sottile dinamica della bugia e dell’autoinganno, ed è questa conoscenza che Leslie riesce a trasmetterci, e in maniera estremamente godibile.
Dopo aver letto Bugiardi nati vedrete le menzogne – o, se è per questo, la vita intera – sotto tutta un’altra luce.

Ian Leslie è un autore londinese che divide il suo tempo tra scrittura e lavoro nel campo della pubblicità. Commentatore di politica americana per Sky e BBC, scrive di politica, cultura, marketing e psicologia per «Prospect», il «Guardian» e «The Times». Bugiardi nati è il suo primo libro tradotto in italiano.

Acquista il libro on line

 

 

 

Moderato P., Presti G. (a cura di)
Cent'anni di comportamentismo. Dal manifesto di Watson alla teoria della mente, dalla BT all'ACT
2013, Collana: Pratiche comportamentali e cognitive
Pagine: 320
ISBN: 9788820458409
Prezzo: € 35,00
Editore: Franco Angeli

Il volume presenta uno spaccato della visione moderna, aggiornata (e non deformata) di questo paradigma, il comportamentismo, che ha lungamente dominato la psicologia del secolo scorso e che continua ad esercitare un importante ruolo propulsivo per lo sviluppo della scienza psicologica.
Sono state abbandonate le vecchie posizioni riduzionistiche e riduttivistiche che hanno caratterizzato i primi anni di vita del comportamentismo, ma sono rimaste le radici metodologiche che hanno dato vita agli Evidence Based Interventions, l'approccio che predomina in vari campi della salute umana: quella fisica e, finalmente, anche quella psicologica.
Il ritratto che ne è esce è quello di un approccio vitale e dinamico, sia nel dibattito teorico-epistemologico e nella ricerca sperimentale sui processi "cognitivi", tradizionale bestia nera dei comportamentisti, sia nello sviluppo di procedure applicative nei vari campi in cui il paradigma comportamentistico si è affermato, da quello clinico che vede lo sviluppo di nuove forme di psicoterapia, a quello educativo e sociale.
Ciò che rende unico questo volume è che questo sviluppo è descritto da quanti negli ultimi quarant'anni lo hanno personalmente e attivamente vissuto: nomi storici del comportamentismo italiano e internazionale.

Paolo Moderato, professore ordinario di Psicologia all'Università IULM, past President dell'European Association for Behavior Therapy (EABCT) e dell'AIAMC, vincitore nel 2002 del SABA Award for the International Development of Behavior Analysis, Presidente IESCUM, autore di oltre duecento pubblicazioni scientifiche nel campo dell'apprendimento e del comportamento verbale.
Giovambattista Presti, professore associato di Psicologia all'Università Kore, Fullbright Scholar alla California State University, membro fondatore e tesoriere della European Association for Behavior Analysis, Docente di Behavior Therapy e di Analysis of Complex Human Behavior alla Jordan University of Science and Technology nel programma internazionale coordinato dall'Association for Behavior Analysis International.

Acquista il libro on line

 

 

 

Massimo Fagioli
Left 2010
2013, Collana: I libri di Massimo Fagioli
Pagine: 302
ISBN: 9788864430294
Prezzo: € 24,00
Editore: L'Asino d'Oro

Quarantanove articoli pubblicati dal settimanale Left nel 2010, nei quali Fagioli elabora e approfondisce la teoria della nascita e compaiono i nomi di alcuni pensatori e artisti, dai presocratici e Bruno a Severino, da Caravaggio a Braque e Picasso, da Omero a Shakespeare e Goethe, da Kurosawa a Herzog. E tra questi, Riccardo Lombardi, con la sua idea di società diversamente ricca, che “aveva trasformato la teoria dei bisogni di Marx in aspirazione alla ricerca della realtà umana”, ma anche Norberto Bobbio, che “non era cattolico e si domandava se era reale pensare che nella sinistra rivoluzionaria ci potesse essere la stessa violenza che stava nel fascismo”.
In trecento pagine, i titoli si susseguono lungo itinerari poetici (grande spazio viene dedicato anche all’immagine della donna), o sulle tracce dell’origine della creatività, o su itinerari più teorici, tenendo costantemente al centro dei contenuti quella speciale vicenda quotidiana, pubblica e privata, di interprete dei sogni nella prassi di psicoterapia di grandi gruppi, iniziata nel 1975 con l’afflusso spontaneo di centinaia e migliaia di persone.
“Penso - ricorda Fagioli - al gennaio 1976 quando la ragazza raccontò, per la prima volta, il sogno all’Università pubblica ed iniziarono le interpretazioni e la ricerca e svelamento del pensiero latente, che non è ricordo cosciente rimosso. Fu una separazione totale da un pensiero che aveva visto soltanto coscienza e ragione”.

Massimo Fagioli. Medico, specializzato in neuropsichiatria, dopo diversi anni di lavoro come psichiatra prima e come psicoterapeuta poi, propose nel 1971 il risultato delle sue esperienze e della sua formazione con il libro Istinto di morte e conoscenza che suscitò clamorose reazioni. Poi con i successivi due libri, La marionetta e il burattino e Teoria della nascita e castrazione umana confermò tutta l’impostazione della Teoria. Dal 1975 tiene una particolarissima terapia di gruppo nota come Analisi collettiva con migliaia di partecipanti e che, tra l’altro, ha formato centinaia di psichiatri e di psicoterapeuti. È autore di 15 libri. Dal 2006 ha una rubrica sul settimanale “left”. Alcuni suoi corsi universitari sono raccolti nei volumi Storia di una ricerca, Das Unbewusste. L'inconoscibile, Una vita irrazionale, Fantasia di sparizione, Il pensiero nuovo, L'uomo nel cortile e Settimo anno. Lezioni 2008.

Acquista il libro on line

 

 

 

Marie de Hennezel, Nadège Amar
Morire a occhi aperti
2014, Collana: Le querce
Pagine: 132
ISBN: 9788867082360
Prezzo: € 14.50
Editore: Lindau

Siamo in tanti a domandarci come moriremo. Temiamo, giustamente, di terminare la nostra vita in uno stato di disfacimento inaccettabile, relegati in un letto, incontinenti, dementi. Abbiamo paura di diventare un peso per le nostre famiglie e per la società. Se siamo stati testimoni di certe situazioni penose, tendiamo a domandarci cosa sarà di noi e ci prefiguriamo gli scenari più drammatici. Come morire? Come mantenere la nostra dignità fino alla fine? L’eutanasia è il solo modo per morire dignitosamente? Decidere di morire è un atto di coraggio? Significa prendere in mano il nostro destino? In realtà raramente ci si accorge dell’inferno che si fa vivere ai propri cari programmando la propria morte. Un sinistro conto alla rovescia, che terrorizza, che paralizza la vita e le relazioni. Una tristezza infinita.
C’è un’altra risposta possibile a questo desiderio di essere protagonisti di una morte dignitosa. Avere il coraggio di vivere lo svolgimento degli eventi, anche quando si perde la propria autonomia. Affidare il proprio corpo infermo nelle mani di chi ci ama, vivere questo scambio difficilmente esprimibile in cui la vulnerabilità richiama la tenerezza dei gesti, in cui la fiducia reciproca genera un sentimento di dignità incomparabile. Se c’è libertà nell’anticipare la propria morte, nello sceglierne l’ora, se c’è nel rifiutare il proprio decadimento, ci sono una libertà e una dignità ancora più forti e ancora più belle nell’accettazione a occhi aperti della realtà. Si può così trarre un grande insegnamento, non dalla morte ma dalla vita. Gli ultimi momenti della persona amata possono essere l’occasione per spingersi insieme il più lontano possibile, in un’intimità e in una profondità in certi casi mai raggiunte prima. Si crede di conoscere tutto dell’altro, ed ecco che in questi ultimi momenti emergono tesori di umanità. Nonostante le piaghe della malattia o della vecchiaia, l’essere umano ha ancora qualcosa da trasmettere.

Marie de Hennezel è un’autrice celebre per le sue riflessioni sulla morte, tratte dalle esperienze di accompagnamento ai morenti. Tra i libri pubblicati in Italia ricordiamo La morte amica, La dolce morte, Il passaggio luminoso, e, con Lindau, Prendersi cura degli altri. Pazienti, medici, infermieri e la sfida della malattia.

Acquista il libro on line

 

 

 

Rino Cerritelli
La terapia dell'umorismo. Metodi e pratiche per il benessere personale e relazionale
2013, Collana: I manuali
Pagine: 222
ISBN: 9788874666812
Prezzo: € 22.00
Editore: Carocci

Oggi piu? che mai, c’è bisogno di un umorismo genuino, utile e spirituale, svincolato da esigenze esibizionistiche o competitive. Un umorismo che nasca e viva nella quotidianita? per gestire le relazioni, superare i fallimenti, coltivare tolleranza e solidarietà, stimolare il pensiero creativo e l’intelligenza emotiva, migliorare il carattere e la qualità del vivere. Un umorismo ingegnoso e costruttivo, che induca a ricercare un più sano rapporto con le situazioni di dolore e sofferenza. L’obiettivo di questo libro e? far conoscere uno strumento innovativo di crescita individuale, relazionale e sociale, divenuto indispensabile per chiunque operi in ambito terapeutico, educativo e sociosanitario: l’humor terapia. Uno strumento che non è concentrato solo sull’aspetto performativo del comico o su quello fisiologico del ridere, ma sul contributo che l’umorismo può dare a una più equilibrata interazione olistica tra mente, corpo e ambiente. Le teorie, i metodi e le tecniche presentate nel volume sono state applicate dall’autore e da Matteo Andreone in anni di corsi, workshop e seminari. Attraverso la conoscenza e la pratica dell’humor terapia sarà possibile non solo usare in modo supportivo, dinamico e condiviso l’umorismo (e quindi incrementare il benessere in campo affettivo, sociale e professionale), ma anche riappropriarsi di una risorsa esistenziale che ci appartiene per diritto di nascita.

Scrittore, formatore, regista teatrale e docente di humor terapia, humor business e scrittura umoristica, progetta e applica un modello di formazione innovativo, finalizzato a promuovere e sviluppare l’interazione tra differenti forme di intelligenza: razionale, creativa, emotiva, artistica, relazionale e umoristica. È uno dei soci fondatori dell’Accademia nazionale del comico e membro dell’ISHS (International Society for Humor Studies).

Acquista il libro on line

 

 

 

Paolo Castelli
Giocare alla memoria
2013, Collana: Lectures on memory
Pagine: 49
ISBN: Giocare alla memoria
Prezzo: € 5.00
Editore: Guaraldi

Si può ovviare a una scarsa memoria giocando? Nel corso dell’Ottocento in molti hanno raccolto la sfida. Dai giochi di società inventati da Mark Twain alle video installazioni degli artisti contemporanei, il ricorso all’espediente ludico ha caratterizzato diversi episodi nel percorso delle mnemotecniche moderne, arrivando a trasformare i sistemi di memoria tradizionali, fatti di immagini, in apparati immersivi tridimensionali.

Acquista il libro on line

 

 

 

Di Nuovo S., Vianello R. (a cura di)
Deterioramento cognitivo: forme, diagnosi e intervento. Una prospettiva life span
2013, Collana: Psicologia della disabilità e dei disturbi dello sviluppo
Pagine: 256
ISBN: 9788820456306
Prezzo: € 32.00
Editore: Franco Angeli

Nel ciclo di vita il decadimento cognitivo - quando presente - può avvenire in tempi e gradi diversi: il deterioramento lieve (Mild Cognitive Impairment) non comporta gravi perdite di competenze sociali e di adattamento, e solo in una parte delle persone che ne sono affette progredisce ulteriormente; nei casi più gravi si ha la demenza (quella di Alzheimer è la più conosciuta).
Nel volume vengono affrontate - oltre alle questioni teoriche di fondo - anche le tematiche metodologiche connesse alla valutazione del deterioramento cognitivo: che cosa decade? Con quali test si valuta? Con quali marker biologici vanno correlate le manifestazioni del deterioramento? Una accurata valutazione è preliminare alla riabilitazione, che spesso deve tendere soprattutto al mantenimento delle funzioni residue, evitandone o contrastandone il decadimento ulteriore. Molteplici sono gli strumenti (psicologici, ma anche farmacologici) utilizzati per valutare e trattare forme differenti di disabilità cognitiva.
Il libro si rivolge a psicologi, operatori della riabilitazione, personale specializzato che lavora con gli anziani o con la disabilità intellettiva. Esso fornisce anche utili indicazioni per l'aggiornamento di quanti si occupano di psicologia riabilitativa, di gerontologia e farmacologia.

Santo Di Nuovo è professore ordinario di Psicologia all'Università di Catania, presidente dei corsi di laurea in Psicologia, dove insegna Psicologia cognitiva e neuroscienze e Test cognitivi e di personalità. Autore di numerose pubblicazioni sulla psicodiagnostica e la valutazione dei trattamenti psicologici, con particolare riferimento alla psicopatologia e alla disabilità. È responsabile del Counseling Psicologico d'Ateneo, e co-direttore della rivista Life Span and Disability (www.lifespan.it).
Renzo Vianello è professore ordinario di Psicologia dello sviluppo (Life span) e Disabilità cognitive all'Università di Padova. Autore di manuali di psicologia dello sviluppo tipico e atipico. Le sue ricerche più recenti sono dedicate ai potenziali di sviluppo e di apprendimento nelle disabilità intellettive, al funzionamento intellettivo limite e - assieme a Silvia Lanfranchi - allo sviluppo della memoria di lavoro e delle funzioni esecutive nello sviluppo tipico e atipico. È responsabile scientifico di www.disabilitaintellettive.it, www.sindrome-down.it, www.integrazionedisabilita.it e co-direttore della rivista Life Span and Disability.

Acquista il libro on line

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters