Pubblicità

PSICOLOGIA NEWS n.661 - 05.02.2015

0
condivisioni

on . Postato in News libri e riviste | Letto 611 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi. Strategie per la costruzione dell'intervento
  • Osservare e valutare il comportamento del bambino
  • Oltre il legame. Genitori e figli nei nuovi scenari familiari
  • Prigionieri delle neuroscienze?
  • Mettersi in scena. Drammaterapia, creatività e intersoggettività
  • La natura diacronica della coscienza
  • Lo sviluppo umano. Tra genetica ed esperienza
  • Essere e divenire. La sofferenza dell'individualismo
  • Vite violente. Psicoanalisi del crimine organizzato

Annamaria Improta
Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi. Strategie per la costruzione dell'intervento
2015, Collana: Strumenti
Pagine: 178
ISBN: 9788898037599
Prezzo: € 18.00
Editore: Psiconline

Il libro nasce con l’intento di suggerire vie e modalità per la risoluzione dei conflitti. L’autrice propone metodi operativi concreti, basati sulla conoscenza di sé per arrivare alla conoscenza e all’accettazione della diversità dell’altro.
Il lavoro affonda le radici su una salda impostazione teorica - richiamata peraltro nel testo - che parte dallo studio dell’attuale organizzazione scolastica per comprenderne il mandato sociale nella società complessa e giungere alla definizione di qualità e caratteristiche dell’intervento psicologico più utile nei contesti scolastici.
Il lavoro, naturalmente, non prescinde da una precisa e ampia analisi della domanda dei committenti (alunni, genitori, insegnanti, operatori sociali e chiunque abbia bisogno di un supporto di questo tipo).
Nel libro l’utilizzo dei metodi narrativi in un’ottica costruttivistica dell’intervento viene collegato alla più generale teoria dell’intervento psicologico nei sistemi complessi. In questa prospettiva, l’intervento e l’operato dello specialista viene costruito in un’ottica di sviluppo del cliente, non attraverso l’adesione alla sua richiesta di intervento, ma attraverso la decodifica delle dinamiche emozionali che sono ‘dietro’, alla base della sua richiesta. Gli alunni divengono così parte del processo di cambiamento e non solo “oggetto” dell’intervento e lo psicologo coniuga la teoria (attraverso la lettura di tali dinamiche secondo un saldo modello teorico) alla prassi, operando compiutamente anche attraverso il metodo ‘autobiografico’.

Annamaria Improta. Psicologa Clinica di Comunità, Pedagogista, Spec. Psicoterapia e Insegnante. Specialista dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento e del Comportamento Alimentare e del Peso. Si occupa del disagio psicosociale e relazionale, dell’handicap, dei disturbi del comportamento alimentare. Docente a contratto presso l’Università degli Studi di Salerno di tre laboratori nei Corsi di Specializzazione per Insegnanti di Sostegno. Svolge attività come docente di sostegno e psicopedagogista presso una Scuola Secondaria di Primo grado, dove è coordinatore didattico delle attività di inclusione delle diversità. Nel 2013 ha presentato al Salone del libro di Torino tre esperienze di buone prassi per l’inclusione nella Sezione Sperimentazioni Multimedialità e disabilità, selezionati tra i tre presentati a Handimatica 2014. Dal 2013 è parte dello staff del Centro di psicologia Clinica territoriale essebi di San Giorgio a Cremano. Dal 2012 al 2014 è stata membro dell’Associazione Nazionale ARSDiapason (Associazione Culturale di Promozione Sociale A.C.P.S.), con la quale ha realizzato progetti di diffusione culturale. Fino al 2010 è stata referente del progetto di Educazione alla salute, ritenuto meritevole di segnalazione e riconoscimento quale buona pratica educativa e premiato nell’ambito della Giornata Nazionale del Ben...essere in rete ...Campania USR Campania Napoli (2008). Fino al 2009 è stata collaboratrice scientifica presso la Seconda Università degli Studi di Napoli. È stata docente nei Corsi di Formazione Permanente per i Pediatri di Famiglia dell’ASL NA1. Ha partecipato, in qualità di relatore, a diversi convegni nazionali ed internazionali. È autrice di diverse pubblicazioni, anche on–line, svolge attività di docente nei corsi di formazione e di aggiornamento sui temi della prevenzione e dell’intervento del disagio psicosociale e relazionale. Fa parte del team proponente del Progetto Gerico (indirizzato a bambini e ragazzi con ADHD e con disagio psicosociale) vincitore del 1° Premio provinciale “Andrea Mocerino”. È co-autrice del libro “’A voce de’ criature – Il pediatra visto... dai bambini” (Edizioni De Nicola, Napoli, 2002) e dei libri delle Edizioni Psiconline (Chieti) “L’infanzia: aspetti e problemi psicologici” (2006) e “L'adolescenza. Conoscere e capire i giovani di oggi (nuova edizione)” (2007). Ha pubblicato articoli con la casa editrice Erickson (2009 e 2011).

Acquista il libro on line

 

 

 

Tiziana Aureli, Paola Perucchini
Osservare e valutare il comportamento del bambino
2014, Collana: Manuali
Pagine: 222
ISBN: 9788815252166
Prezzo: € 21,00
Editore: Il Mulino

Il manuale presenta un quadro articolato della metodologia osservativa in psicologia dello sviluppo e dell’educazione. Nella prima parte si illustrano i diversi tipi di osservazione e i principi teorici su cui si fondano. La seconda parte è dedicata agli strumenti di osservazione e valutazione del comportamento infantile nei principali domini dello sviluppo: cognitivo, comunicativo, linguistico e sociale. Una serie di apparati didattici integra utilmente l’esposizione.

Tiziana Aureli insegna Psicologia dello sviluppo e Psicologia dello sviluppo interattivo e comunicativo presso l’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara.
Paola Perucchini insegna Psicologia dello sviluppo e dell’educazione e Tecniche di osservazione del comportamento presso l’Università di Roma Tre.

Acquista il libro on line

 

 

 

Garro M., Salerno A. (a cura di)
Oltre il legame. Genitori e figli nei nuovi scenari familiari
2014, Collana: Psicologia sociale contemporanea
Pagine: 192
ISBN: 9788891709332
Prezzo: € 24,00
Editore: Franco Angeli

I repentini cambiamenti che la famiglia attuale attraversa da alcuni decenni riguardano ogni aspetto della sua configurazione e struttura, rendendo necessaria una prospettiva complessa e multidisciplinare indispensabile alla sua comprensione. Le relazioni intra-familiari e inter-sistemiche, i criteri di normatività e funzionalità, lo stesso significato del termine famiglia sono in continua mutazione, arricchendosi di nuove sfumature e declinandosi in nuovi scenari.
Il sottosistema filiale non è immune da tali trasformazioni, e la relazione genitore-figlio deve essere riformulata alla luce di tali più ampi cambiamenti. La famiglia attuale, dunque, può presentarsi oggi profondamente differente da quella tradizionale per struttura e per ruoli: i figli di genitori adottivi, di genitori non coniugati, di coppie omosessuali, i bambini coinvolti nella violenza domestica, sono alcuni esempi di nuove realtà cui è urgente porre attenzione. Figli tra loro certamente differenti, ma simili nel ruolo familiare ad essi attribuito; capaci di riflettere sulla propria famiglia, sulle caratteristiche della relazione con i propri genitori, e non sempre abili nell'affrontare le richieste avanzate dall'ambiente, a volte poco flessibile dinnanzi ai cambiamenti.
I diversi contributi del volume, attraverso riflessioni teoriche e dati empirici, consentono di delineare il profilo di figli appartenenti a specifici nuclei familiari di cui vengono rilevati elementi di criticità e di forza, ponendo in primo piano la costituzione relazionale e sociale dell'essere umano.
Il volume si rivolge agli studenti delle lauree triennali in Scienze e tecniche psicologiche e in Scienze dell'educazione e delle lauree magistrali in Psicologia clinica e Psicologia sociale, nonché a professionisti ed operatori impegnati, anche in campo preventivo, nell'ambito delle relazioni d'aiuto.

Maria Garro è psicologa, ricercatore in Psicologia sociale presso il Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche e della Formazione della Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale, Università degli Studi di Palermo. Tra le sue pubblicazioni per le nostre edizioni, con A.M. Di Vita, Il fascino discreto della famiglia. Mutazioni familia-ri e nuove competenze (2006).
Alessandra Salerno è psicoterapeuta, professore associato in Psicologia dinamica presso il Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche e della Formazione della Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale, Università degli Studi di Palermo. Tra le sue pubblicazioni: con S. Giuliano, La violenza indicibile. L'aggressività femminile nelle relazioni interpersonali (Angeli, 2012); Vivere insieme. Tendenze e trasformazioni della coppia moderna (il Mulino, 2010); con A.M. Di Vita, Genitorialità a rischio. Ruoli, contesti e relazioni (Angeli, 2004).

Acquista il libro on line

 


Santo Di Nuovo
Prigionieri delle neuroscienze?
2014, Collana: Manuali di psicologia
Pagine: 240
ISBN: 9788809792050
Prezzo: € 22,00
Editore: Giunti Editore

Il volume affronta il rapporto tra neuroscienze e psicologia, prestando attenzione in particolare ai casi di frizione, incomprensione o aperto confitto. Senza pretese di esaustività, ma a titolo esemplificativo, vengono analizzati alcuni punti critici fra le due discipline che in tante occasioni hanno dimostrato di non essere pienamente consapevoli di cosa possa essere congiunto e di cosa invece non debba essere dissolto in un pericoloso "calderone comune". Ogni capitolo si apre con esempi di ricerca e di nodi cruciali a partire dai quali avviare la riflessione. Tra gli argomenti trattati: il presunto primato della genetica (per esempio, nell'autismo, nell'invecchiamento, nelle differenze di genere, ecc.), la neurobiologia delle patologie psichiche, la neuropsicologia e il diritto (il gene dell'aggressività), la moda del prefisso "neuro" (neurofarmacologia, neuroeconomia, neuroetica, neuropolitica), l'intelligenza artificiale e la robotica evoluta.

Acquista il libro on line

 

 

 

Salvo Pitruzzella
Mettersi in scena. Drammaterapia, creatività e intersoggettività
2014, Collana: Strum. lavoro psico-sociale e educativo
Pagine: 208
ISBN: 9788891709356
Prezzo: € 27,00
Editore: Franco Angeli

La drammaterapia è un metodo creativo fondato sulla conoscenza e l'uso consapevole dei processi drammatici, che può essere orientato verso obiettivi educativi, terapeutico-riabilitativi e sociali, e in generale verso il benessere di persone, gruppi e comunità.
Nata in Gran Bretagna nella seconda metà del secolo scorso, è oggi diffusa in tutta Europa e in molte altre parti del mondo. In Italia, quella del drammaterapeuta è una professione regolamentata ai sensi della L. 4/2012 (come le altre professioni concernenti le ArtiTerapie).
Il volume propone una sintesi dei fondamenti della disciplina. Esso esplora il "paradigma drammatico", vale a dire un modello della natura umana e del suo articolarsi nel mondo, secondo il punto di vista drammatico. Da tale esplorazione ricava delle ipotesi sul funzionamento della drammaterapia e sui processi che essa mette in moto, esaminando alcune costanti metodologiche che costituiscono una base comune per i molteplici stili e approcci che essa comprende.
Esso è rivolto principalmente alle persone che studiano per diventare drammaterapeuti, ma anche ai professionisti della drammaterapia, che troveranno un modo utile e originale di mettere in ordine i concetti fondamentali della materia. Professionisti di discipline affini come le altre ArtiTerapie, operatori di teatro sociale e di comunità, psicodramma, Playback Theatre e TdO (Teatro dell'Oppresso), ma anche educatori, psicologi, psicoterapeuti, insegnanti e altri professionisti interessati ad integrare metodi drammatici nel loro lavoro, e in particolare coloro che hanno letto (e soprattutto utilizzato) i precedenti manuali dell'autore, potranno trovarvi spunti interessanti per integrare prassi e teoria.

Salvo Pitruzzella è tra i più noti esponenti della drammaterapia in Italia. Dirige la Scuola Triennale di Drammaterapia presso il Centro ArtiTerapie di Lecco. Membro dell'Editorial Advisory Board del Dramatherapy Journal, rivista scientifica della BADTh, British Association of Dramatherapists. Socio onorario della SPID (Società Professionale Italiana Drammaterapia), per conto della quale partecipa al Directory Board dell'EFD (European Federation of Dramatherapy).

Acquista il libro on line

 


 

Julian Jaynes
La natura diacronica della coscienza
2014, Collana: Biblioteca minima
Pagine: 42
ISBN: 9788845929342
Prezzo: € 6,00
Editore: Adelphi

In poche, densissime, appassionate pagine, la tesi molto poco ortodossa su cui si fonda l'intera opera di Jaynes: la coscienza non è data da sempre, e per sempre, ma – come tutto – ha una storia.

Acquista il libro on line

 

 

 

Jerome Kagan
Lo sviluppo umano. Tra genetica ed esperienza
2014, Collana: Conchiglie
Pagine: 394
ISBN: 9788860306968
Prezzo: € 29,00
Editore: Raffaello Cortina

Veniamo al mondo con potenzialità immense. Davanti a noi si aprono percorsi di sviluppo apparentemente infiniti. Molto presto, però, questa infinità viene meno e cominciamo a esibire i tratti unici dovuti al nostro patrimonio genetico e culturale. In che modo le esperienze plasmano ciò che portiamo nel mondo? Jerome Kagan esplora il rapporto fra biologia e ambiente passando in rassegna i progressi più significativi degli ultimi trent’anni nel campo della psicologia dello sviluppo. Lungo il cammino si interroga, fra l’altro, sull’odierna infatuazione per le neuroscienze, sui fondamenti delle teorie dell’attaccamento genitoriale, sulla diffusa tendenza a patologizzare il comportamento dei giovani. Questo libro è il risultato delle ricerche compiute nell’arco di un’intera vita da uno studioso deciso a scoprire come si diventa ciò che si è. L’opera si rivelerà una guida esperta e preziosa sia per i giovani genitori desiderosi di comprendere quale influenza possano avere i loro geni e il mondo sul proprio bambino, sia per l’educatore motivato a costruire relazioni proficue con i propri allievi, sia, più semplicemente, per chiunque voglia addentrarsi in questa affascinante tematica.

Jerome Kagan, professore emerito di Psicologia presso la Harvard University, membro dell’Institute of Medicine of the National Academy of Sciences, è uno dei maggiori esperti mondiali nel campo della psicologia dell’età evolutiva. Ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti, fra cui il William James Award e il Distinguished Scientist Award dall’American Psychological Association.

Acquista il libro on line

 


 

Michele Minolli
Essere e divenire. La sofferenza dell'individualismo
2015, Collana: Psicoterapie
Pagine: 272
ISBN: 9788891710062
Prezzo: € 33,00
Editore: Franco Angeli

Il libro vuole condividere le riflessioni, le intuizioni, le scoperte sull'essere e sul divenire dell'Io-soggetto, un processo possibile per tutti specialmente per chi è rassegnato al destino, al ripiegamento e alla delega. L'espressione "Io sono e amo te" rende l'idea che permea tutto il libro: dove però la centratura è messa sull'Io-sono, perché solo dopo diventa possibile amare attivamente l'altro. Prima c'è l'Io-sono, poi l'amo te.
Il cuore del libro vuole quindi indicare una strada per prendere in mano la propria vita e camminare per il mondo a testa alta. Per questo è un libro utile a tutti: agli psicologi e agli psicoanalisti propone nuovi fondamenti per una psicoanalisi al passo con i cambiamenti epistemologici e scientifici attuali e propone chiavi di lettura per capire la sofferenza dell'uomo post-moderno, in particolare quelle dell'individualismo. Chiunque poi sia incuriosito dalle motivazioni che sottostanno alle relazioni con gli altri - che siano i partner, i figli, i genitori o gli amici o tutti quelli che assumono una qualche significatività nella vita - potrà trovare spunti e approfondimenti pertinenti e niente affatto scontati.

Michele Minolli , psicologo e psicoanalista della Società Italiana di Psicoanalisi della Relazione (SIPRe), dell'International Federetion of Psychoanalytic Societies (IFPS) e dell'Association International de Psychanalyse de couple et de Famille (AIPCF), insegna Teoria di psicoanalisi della relazione e Tecnica psicoanalitica negli Istituti di specializzazione post-laurea della SIPRe di Milano, Parma e Roma. Autore di numerosi articoli su prestigiose riviste nazionali e internazionali, ha pubblicato: Studi di psicoterapia psicoanalitica (CDP, 1993); con Romina Coin, Amarsi, amando. Per una psicoanalisi della relazione di coppia (Borla, 2007); Psicoanalisi della Relazione (FrancoAngeli, 2009).

Acquista il libro on line

 

 

 

Giovanni Starace
Vite violente. Psicoanalisi del crimine organizzato
2014, Collana: Saggine
Pagine: 178
ISBN: 9788868431365
Prezzo: € 18,00
Editore: Donzelli

Il killer sotto la lente dello psicoanalista: ecco il tema del nuovo libro di Giovanni Starace. Dopo aver passato al setaccio il nostro rapporto con le cose, nella fortunata «Saggina» Gli oggetti e la vita, l’autore scandaglia questa volta il mondo del crimine organizzato e, attraverso l’analisi della pratica quotidiana della violenza che si manifesta nelle sue multiformi espressioni, si apre a esperienze dolorose e ripugnanti. La vita del clan viene osservata nei suoi aspetti profondi, attraverso i legami tra i singoli e le dinamiche di gruppo. Nella relazione tra le persone sembrano assenti dei confini definiti: regnano un’ambiguità e una confusione in cui gli attori si scambiano le parti, chi può eseguire l’omicidio potrebbe a sua volta subirlo. Un’analisi attenta della vita quotidiana e degli episodi violenti che la costellano consente una lettura originalissima di un mondo sociale degradato e di dinamiche psicologiche individuali visibilmente distorte. Quella che ne sortisce è un’esplorazione della società camorrista mai tentata prima. Se fedeltà e appartenenza restano i principi cardine dell’organizzazione, le alleanze spesso si mostrano fluide e lasciano spazio al tradimento delle appartenenze dichiarate: gli amici diventano nemici, l’amore si trasforma in odio, e si può uccidere colui con il quale si è condiviso tutto. I passaggi generazionali sono rapidi, i giovani conquistano il centro della scena mediante bande aggressive che controllano il territorio. Traspaiono meccanismi arcaici del funzionamento mentale, dove tutto si riduce al binomio amico-nemico, e la violenza assume spesso i tratti della perversione. Una violenza che ha bisogno di manifestazioni esibite, di rappresentazioni sceniche particolari. È per questo motivo che le uccisioni assumono spesso una forza straordinaria sia per l’atrocità con cui vengono compiute sia per il valore simbolico proposto. L’uccisione contiene sempre un messaggio, o meglio, l’uccisione è il messaggio: si uccide affinché gli altri sappiano. Viceversa, talvolta essa è dettata dalla casualità, secondo una logica di banalizzazione della morte, ed è dunque inscritta in una sorta di paradossale normalità psicologica. Decine di casi, visti da vicino, a comporre una Gomorra inusuale e spietata.

Giovanni Starace ha insegnato Psicologia dinamica e Psicologia clinica all’Università Federico II di Napoli. È membro ordinario con funzioni di training della Società italiana di psicoterapia psicoanalitica. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo: Le storie, la storia. Psicoanalisi e mutamento (Marsilio, 1989); Il racconto della vita. Psicoanalisi e autobiografia (Bollati Boringhieri, 2004). sulle cose possedute, le emozioni, la memoria (2013).

Acquista il libro on line

 




PubblicitàVuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia per saperne di più?
Cercali su
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni