Pubblicità

Sexting

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 4156 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il termine "sexting" letteralmente deriva dalla fusione di due parole inglesi "sex" (sesso) e "texting" (inviare messaggi).la parola sexting

Il "sesso virtuale", traduzione italiana del termine sexting, si può definire come quella pratica che prevede l'invio e/o la ricezione e/o la condivisione di messaggi di testo, foto o video sessualmente espliciti o comunque riguardanti la sfera sessuale, il tutto avviene tramite l'utilizzo dello smartphone (principalmente), del pc o di qualsiasi altro dispositivo elettronico.

Il rischio che si corre è quello di essere vittima di condivisioni incontrollate di immagini/video personali, appunto perchè anche se tali immagini principalmente sono state iviate a una sola persona o a uno stretto numero di persone, in seguito si possono diffondere in maniera incontrollata, creando di conseguenza non pochi problemi alla vittima.

Possiamo affermare che il sexting può essere visto come una fase di avvicinamento al partner o alla persona in questione, una sorta di vero e proprio "petting" rivisto in chiave tecnologica.

Questo recente fenomeno è stato già affrontato in alcuni studi, come ad esempio quello portato avanti in Australia nel 2011 dove risultò largamente diffuso tra i giovani, alimentato dalla sempre più massiccia diffusione di nuove tecnologie di comunicazione.

Alcuni sono gli aspetti caratteristici dello sviluppo di questo fenomeno, possiamo partire dalla naturale ricerca dell'identità sessuale caratteristica proprio degli adolescenti, i quali potrebbero sentirsi assuefatti da quei contenuti sessualmente espliciti facilmente reperibili in rete. Una certa dose di fiducia è implicata nella diffusione di tali immagini/video e allo stesso modo è presente anche una scarsa consapevolezza di ciò che si sta facendo andando incontro ai rischi sopra citati, appunto perchè i ragazzi spesso non sono consapevoli di condividere e scambiare materiale anche pedopornografico. Infine il rischio più grande è quello della persistenza, poichè il materiale sensibile, una volta finito nella rete globale dell'internet rischia di rimanere lì a vita.

In verità gli studi finora non hanno dimostrato che fare sexting possa portare, negli adolescenti, a problemi nel sano e corretto sviluppo della sessualità. Non sembra nemmeno dimostrato che chi fa sexting in adoloscenza, poi, in futuro, avrà problemi nei rapporti sessuali. Tuttavia ci sono lo stesso aspetti negativi, anche illegali, legati a questo fenomeno.

 

Per approfondimenti

  • azzurro.it
  • wikipedia.org
  • Walker, Shelley; Sanci, Lena and Temple-Smith, Meredith. Sexting and young people: Experts' views [online]. Youth Studies Australia, Vol. 30, No. 4, Dec 2011: 8-16.

 

 

(a cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 



Tags: dizionario di psicologia le parole della psicologia sexting

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

News Letters

0
condivisioni