Pubblicità

Adolescenza (009094)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 198 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Munchhaussen, 45 anni

Sono la mamma di due ragazzine di 11 e 13 anni. La primogenita mi preoccupa perchè mi sembra isolata, senza amici e senza la volontà di stabilire nuovi rapporti è molto studiosa, ha fatto le elementari in una scuola privata e per le medie abbiamo provato con la scuola statale e per diversi motivi l'abbiamo iscritta in un'altra scuola privata per fare la seconda e terza media. In quest'ultima scuola ci è apparsa più chiara una situazione che a ben vedere si trascina sin dalle elementari: non invita nessuna compagna a casa, ne per studiare ne per giocare. Le sue uniche amicizie sono le figlie dei nostri amici che
praticamente conosce sin da quando sono nate e anche se quando stanno insieme gioca volentieri con loro, devo dire che oltre alle feste comandate -compleanni e quant'altro- non fa niente per contattarle. Mi racconta volentieri delle dinamiche della sua classe: delle ragazzine che civettano con i compagni, dei primi tentativi di truccarsi -delle compagne- dei primi flirt però ne parla come se fosse qualcosa di molto lontano da lei ha cura di se stessa ed in particolare dei suoi capelli, pero i fine settimana, quando la sorella più piccola si districa fra più inviti di quanti ne potrebbe prendere, la più grande se ne sta a casa a divorare libri o a fare i compiti. Un episodio molto significativo per me è stato quando ha annunciato di essere stata invitata da alcune compagne ad andare al bowling un pomeriggio intrasettimanale. La sorella ed io eravamo entusiaste ma ci ha gelate dicendo che aveva rifiutato perchè pensava che non potevo portarla. L'ho rassicurata dicendole che invece io ero disponibilissima e che poteva richiamare la compagna per dire che ci sarebbe andata, ma ha risposto che in realta non le andava di andarci. Ho provato a dire che doveva chiedersi il perchè di tale rifiuto e che molte volte ti possono invitare una volta ma se rifiuti probabilmente le persone lo penseranno due volte prima di estenderti un altro invito. La risposta -sono rimasta di stucco- è stata: "mamma, ti prego di non psicanalizzarmi!" ho risposto che aveva perfettamente ragione e non ho più insistito. Ad ogni modo sono molto preoccupata, anch'io ho letto molti libri che hanno come protagoniste donne che non vogliono confrontarsi con il mondo e che trovano più comodo rannichiarsi fra le quattro mura di casa pur di non mettersi in gioco, che posso fare?

Gentile Signora, sembra che sua figlia nel crescere stia prendendo un percorso anticonvenzionale rispetto a quello delle sue coetanee e della sorella: invece di uscire sta in casa a divorare libri ed a fare compiti. Un dato di fatto è certo: la sua preoccupazione, visto che è lei a scrivere questa lettera, e la preoccupazione della sorella minore, che legge il comportamento della sorella maggiore come "sbagliato". Mi chiedo cosa pensi suo marito riguardo sua figlia maggiore, se ha parlato con lui di questo problema: si faccia aiutare in questo da lui, affrontate la questione insieme.
Sua figlia dalla risposta che le ha dato mi sembra una ragazza intelligente": a 13 anni sta in quella fase che dalla pre-adolescenza porta all'adolescenza, con tutti quei comportamenti anche "oppositivi" nei confronti dei genitori che servono a differenziarsene, per poter crescere trovando una strada autonoma. Quello che è importante capire nella sua storia è fino a quanto i
comportamenti "introversi" di sua figlia siano una caratteristica della sua personalità ed un momento di una fase di passaggio importante, e quanto invece siano il segno evidente di un disagio che sua figlia ha nell'entrare in relazione con quello che è il mondo extra-familiare: infatti è proprio il passaggio dal mondo intrafamiliare e quello extrafamiliare che può comportare a volte disagi ed ansie, anche relative al momento di "lutto" dell'allontanarsi dai genitori per entrare in relazione con il mondo esterno.
Io penso che la sua preoccupazione sia legittima e sana: l'importante è che non diventi un'ossessione per lei stessa: se posso darle un consiglio "comportamentale" esca con suo marito, si diverta, e mostri a sua figlia che stare "fuori" è bello e divertente, se già non lo fa: sua figlia lasciata anche un pò sola capirà che se vuole stare in compagnia, a questa età deve iniziare a cercarla nei coetanei e non (solamente) nei genitori. Se i segnali che manda sua figlia la fanno preoccupare e pensa che sia il caso di intervenire (non ho elementi sufficienti per poterle dire io questo), o diventano ancora più "importanti" , le consiglio delle consulenze di terapia familiare: a volte anche poche sedute possono far luce e chiarire una situazione di ansia e preoccupazione. Cordiali saluti

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni