Pubblicità

Mi sto perdendo (1502233902352)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 610 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMyself, 17

 

domanda

 

 

Sono ormai due anni che ho rapporti sessuali occasionali con chiunque.

È iniziato tutto con l'alcool, meno inibizioni, più istinti hanno preso il sopravvento e così via.

Poi la noia, per scappare dalla noia alcool e sesso occasionale.

Ho nutrito e maturato spesso sensi di colpa, mi sono sentita un giocattolo, una troia, un semplice passatempo.

Mi sono sentita malissimo, ho avuto paura, sono stata arrabbiata, ma ho continuato. E il gioco mi è continuato a piacere.

Mi sono sentita quasi "amata" durante quei pochi atti sessuali da lucida. E mi è piaciuto anche da ubriaca, credo, anche se ho rischiato gravi conseguenze diverse volte, anche se mi sono sentita sporca, inutile, indegna.

Le sensazioni negative hanno preso il sopravvento e vivo in bilico. I rapporti si distruggono e le etichette mi segnano come marchi indelebili sulla pelle.

Mi sento fragile, e sento che nessuno potrà mai amarmi. Non so più come uscirne, non riesco a non bere, e quando bevo non riesco a non regalarmi. Non so davvero come fare.

Ho davvero bisogno di un consiglio.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Cara Myself,

Ho letto con molta attenzione le tue parole, e capisco bene le tue preoccupazioni.

Cerchiamo per un attimo, di lasciare da parte le etichette con le quali persino tu, ti stai etichettando e concentriamoci invece su di te e sulla tua salute e benessere.

Quello che rischi di più in questo momento, non sono le stigmatizzazioni (anche se capisco che possono fare male), ma problemi di salute, situazioni pericolose, malattie veneree, gravidanze ecc.., questioni ben più serie ed importanti.

I comportamenti a rischio che hai messo in atto, sono nocivi e ti stai facendo del male da sola. Ogni volta che bevi e ti "regali", ti fai del male. Quando si beve troppo, alcune volte non si è nemmeno lucidi e non si capisce pienamente quello che si fa ed il rischio di finire in situazioni, fin troppo lesive è alto.

Cosa ti è successo 2 anni fa? Come è iniziato tutto questo? Come sei arrivata dove sei adesso?

Dovresti pensare di chiedere subito un aiuto, è già da tempo che manifesti un grande malessere con questi tuoi modi di comportarti. Forse stai già chiedendo un aiuto che nessuno è riuscito a capire?

Inizialmente dovresti chiedere un aiuto sia per la dipendenza dall'alcol, che ormai dopo 2 anni è iniziata a diventare un problema importante da trattare, che per i comportamenti sessuali promiscui che hai messo in atto in seguito (o forse no) a questa dipendenza. Vanno approfondite molte questioni, nelle giuste sedi e per gradi.

Credo tu abbia necessità di ricorre ad un doppio aiuto: sia psicologico che medico, in una prima fase di questo tuo percorso. So che può spaventare molto quello che ti sto prospettando ed intimorire un pò, ma non scappare dai problemi. Nulla può essere più grave e spaventante delle conseguenze del non fare nulla.

Puoi rivolgerti al Sert della tua città, ad un consultorio familiare, ad un Csm, qualsiasi centro tu abbia nelle vicinanze, che ti possa instradare nella giusta direzione per iniziare un percorso di aiuto, sostengo e cura.

Cordialmente

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 29/08/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: consulenza online gratuita alcool rapporti sessuali,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni