Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione (7342)

on . Postato in Depressione | Letto 81 volte

Buona sera. Volevo chiedere una consulenza per la mia futura suocera, è molto depressa. Ha avuto un'infanzia difficile, la mamma voleva un maschio, la picchiava.
Si è innamorata e sposata giovanissima, anticipando così anche l'uscita dalla casa dei genitori. Dopo diversi anni di matrimonio
il marito è andato a vivere con un'altra. Quando la storia è finita è tornato a casa. Lui non è una persona affidabile, priva di affetto e rispetto nei suoi confronti. Vivono insieme ma litigano sempre, non le dice dove va, la tratta come una matta ma non la lascia per il "piatto caldo". Lei non riesce a mandarlo via o ad andarsene, perchè dice di non volere un'altro uomo nella sua vita e che la sua vita ormai è "scritta". Lei non ha amici ed è una persona che guarda molto alle apparenze.
E' seguita da uno psicologo da diversi anni. Ha un rapporto morboso con i figli, li vede come unica ragione di vita.
Le hanno detto che le vogliono bene e che se vuole lasciarlo ha il loro appoggio. Lo considerano un padre biologico, presente cioè solo fisicamente in casa, ma con un rapporto solo formale nei loro confronti. Vorrei aiutarla ma non so come.
Grazie

Gent.ma, purtroppo la risposta alla tua domanda è in quello che lei dice: "la mia vita ormai è scritta!" Sembra che lei sia rassegnata ad una situazione di vita che non la soddisfa, ma di cui probabilmente non sa fare a meno, perché così ha imparato da bambina, "nessuno ti ama e ti considera!".
Perchè qualcosa possa cambiare per lei, dovrebbe decidere che è possibile scegliere nuove strade, rivedere la sua posizione di vita, cercare le risorse positive dentro se stessa per cominciare a rispettarsi un pò di più e allontanarsi da un uomo che la sfrutta e non l'ha mai capita. Il quadro mi sembra molto statico per il suo atteggiamento d'immutabilità.
Aiutarla forse potrebbe significare cercare di farle capire che, con un lavoro serio con se stessa, forse le cose cambierebbero. Non so che tipo di terapia stia seguendo, ma nel suo caso di sicuro sarebbe utile una psicoterapia.
Certamente immagino che tu sia già affettuosa con lei, e che la sostenga con rispetto ed attenzione.
Purtroppo a volte dobbiamo fermarci a questo, sentendoci impotenti, di fronte a persone che amiamo e che vediamo star male, ma che hanno deciso di non poter uscire dalle loro situazioni stagnanti.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters