Pubblicità

Bulimia (016694)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 337 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 21 anni

Buongiorno,è tanto strano trovare chi possa aiutarti senza chiedere nulla in cambio...vi ringrazio di cuore e vi chiedo scusa se vi rubo un pò del vostro tempo prezioso!!Ormai è una vita che soffro di bulimia e anoressia...alternate con gli anni da alti e bassi...ho rischiato di morire e poi un pò aiutata da un centro un pò dai ricatti un pò da mè stessa,ora sono in normo peso..Però di fatto è che vivo molto male...Non riesco ad uscire da un tunnel spaventoso di ansia e comportamenti compulsivi! Di giorno riesco a bere solo liquidi anche succherati da dolcificanti ,in quantità elevate e la notte mi prende il panico e cerco di dormire ma ogni venti minuti mi sveglio e la voglia di cibo è come una droga...mele ,latte pane secco,tre elementi sempre e solo questi ,presenti nelle mie abbufate senza freni!!Ci sono momenti che non riesco a frenarmi e scatta la crisi di bulimia...di tutto ingerisco e poi rimetto...Il mattino mi alzo con acidità,senzazione di indiggestione,nausea,che poi durante il giorno va scomparendo e la sera si ricomincia il rito maledetto....che da troppo tempo mi stà rovinando la vita....vivo la notte con queste cose e di giorno sono nervosa ,stò male e mi privo di tutto!!!Aiutatemi voi...vi prego sono sfinita!!!Un abbraccio

Cara Roberta, lei ormai è una donna adulta e non mi dilungo in tante chiacchiere: immagino che in questi anni si sarà fatta una cultura su quelle che possono essere le cause e le implicazioni di una problematica col cibo come la sua. Passo subito al consiglio che voglio darle e che spero con il cuore vorrà seguire: si faccia un bel lavoro personale, una psicoterapia possibilmente del profondo, proprio ora che è sfinita e che dice di non poterne più....è il momento buono per tentare di risolvere le sue problematiche possibilmente in modo definitivo. E per fare questo non conosco altra strada che un buon lavoro di esplorazione di se stessi per trovare il bandolo della matassa e sbrogliare i nodi che evidentemente fino ad oggi non sono stati risolti. Avrà certamente già fatto del lavoro su di sé durante i suoi percorsi di cura, probabilmente gruppi o terapie cognitive (sebbene non ne faccia cenno nella mail). Anche se fosse, ricominci magari appunto cambiando tipo di terapia e lavorando sull'inconscio. Se non dovesse aver già intrapreso percorsi psicoterapeutici, ragione di più per farlo, perchè l'origine del suo disturbo è nella psiche, e anche la soluzione si trova lì. Si dia da fare per cercarla.

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di dipendenze ed abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

News Letters

0
condivisioni